Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate. Inoltre utilizza cookie tecnici per migliorare la navigazione. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie.

A.N.I.T.I.F. - MontagnaOnline.com

A.N.I.T.I.F.

Category: Portfolio Created: Mercoledì, 09 Novembre 2016 13:53 Hits: 584
Rate this article


L'ingegner Sergio Tiezza
confermato alla presidenza

Prima dell’Assemblea che si sarebbe svolta a San Quirico d’Orcia il 20 maggio ci aveva detto: «Se possibile vorrei lasciare l’incarico. Direi che dopo otto anni sia fisiologico e giusto passare la mano a qualcun altro, magari più giovane di me,  che possa esprimere freschezza e idee nuove per la nostra associazione e il suo ruolo nel mondo del turismo invernale». E invece, niente da fare: l’ingegner Sergio Tiezza è stato rinominato quasi «a viva forza» e per acclamazione per il quinto mandato consecutivo alla presidenza dell’A.N.I.T.I.F, l’Associazione Nazionale Italiana Tecnici Impianti a Fune che raccoglie 131 professionisti impegnati  nel settore dell’impiantistica funiviaria tra direttori d’esercizio, progettisti, periti e altri
operatori professionali.
Lo ha deciso il 22 ottobre nella riunione convocata a Verona il Consiglio Direttivo eletto durante l’assemblea di maggio e che, a norma di Statuto, ha il compito di definire le cariche di vertice. Per il biennio 2016/18, dunque, il presidente sarà ancora l’ingegner Tiezza, 65 anni, laureato a Padova nel 1976 in ingegneria elettronica, assunto alla fine degli anni Settanta da quel pioniere dell’imprenditoria funiviaria che risponde al nome di Erich Kostner, attualmente direttore d’esercizio dello Ski Carosello della Val Badia che gestisce gli impianti di Corvara, La Villa e San Cassiano. Al suo fianco è stato confermato Andrea Boghetto nel ruolo di segretario; tra i due vicepresidenti Marco Cordeschi è stato confermato mentre Franco Torretta ha sostituito Sergio Blengini. «Come avevo detto – commenta l’ingegner Tiezza – la mia intenzione era quella di lasciare. Ma purtroppo non si è trovata l’unanimità su un nome alternativo al mio e allora, piuttosto che assistere per la prima volta ad una spaccatura nel nostro organismo che è sempre stato unito ed ha sempre eletto i suoi presidenti per acclamazione, ho accettato ancora, “obtorto collo”  di ricoprire l’incarico».
Sergio Tiezza per quasi trent’anni è stato consigliere dell’A.N.I.T.I.F prima di essere eletto presidente  per la prima volta nel 2008.
Da allora, per quattro mandati biennali consecutivi, ha guidato l’organismo di rappresentanza dei tecnici funiviari con  competenza e lucidità, conferendogli un prestigio crescente e facendone un punto di riferimento ineludibile per qualsiasi percorso normativo e qualsiasi rapporto istituzionale in materia di impiantistica funiviaria. Concluso il lavoro sul Decreto Esercizio («Il testo elaborato dal gruppo di lavoro di cui abbiamo fatto parte insieme al Ministero del Trasporto e ad altre figure istituzionali è stato inviato a Bruxelles per essere esaminato dall’Europa.
Attendiamo il responso»), per il suo quinto mandato si fanno avanti due altre incombenze: «Dobbiamo compiere una revisione del Decreto Infrastrutture elaborato tre anni fa ma che ora richiede una
rivisitazione per uniformarne i contenuti alle normative europee e poi dobbiamo rivedere il nostro Statuto. Ci sono alcune cose da cambiare, perché i tempi
cambiano…».
Nel 2018 cambierà anche il presidente dell’A.N.I.T.I.F?
«Ah no, il sesto mandato no di sicuro!», conclude Tiezza.
Vedremo…

Tagged under: Associazioni