Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate. Inoltre utilizza cookie tecnici per migliorare la navigazione. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie.

ATM/LISKI - MontagnaOnline.com

ATM/LISKI

Category: Portfolio Created: Lunedì, 05 Giugno 2017 04:57 Hits: 248
Rate this article

Ecco a voi Sniper, il drone con sistema antivalanghe

Dalla provincia di Bergamo, è decollata una grande novità nel campo del disgaggio valanghe: una macchina volante dotata di un esclusivo «sistema di sparo» che si può spostare, pilotata manualmente o in autonomia, fino a raggiungere il punto esatto del manto nevoso dove si vuole intervenire


Diego Parigi a sinistra con Marcello Pezzotti


Si chiama Sistema SNIPER,  trasportato da un drone è la nuova tecnologia per il disgaggio valanghe che irrompe come novità assoluta in quella attività di messa in sicurezza dei pendii innevati che interviene nei casi di eccessivi e pericolosi accumuli di neve prevenendo gli eventi valanghivi. È il primo Sistema al mondo trasportato da un drone concepito per questo tipo di intervento. Lo ha progettato e realizzato la Società ATM di Sovere (Bergamo); lo commercializza in tutto il mondo la Liski di Brembate (Bergamo). È una macchina destinata alle stazioni invernali, ai gestori delle skiarea ma anche ai comuni, ai diversi enti locali, ai vigili del fuoco e alla protezione civile, insomma a tutte quelle entità che si trovano a dover affrontare il problema di evitare che una bella nevicata possa trasformarsi in tragedia. «Non è una sfida a dimostrare chi è il più bravo in questo settore ma, semplicemente, il nostro contributo alla prevenzione e allo sforzo di alzare al massimo possibile l’asticella della sicurezza sulle montagne innevate». Marcello Pezzotti, bergamasco di Lovere (Bergamo), è il titolare della ATM, società con una decina di dipendenti e altrettanti collaboratori fondata nel 2010 con un focus ben preciso: l'innovazione.
L'esperienza a fianco del padre Tiziano, titolare di una storica azienda di commercio nel campo dei rottami ferrosi, ha permesso a Marcello, quarant’anni, di comprendere le dinamiche dell'imprenditoria già dalla giovane età.
La formazione in marketing e la vocazione dell’imprenditore lo hanno guidato nello sviluppo di attività in diversi settori creando nel tempo una sorprendente diversificazione.

«Nelle mie attività – racconta – sono sempre stato sensibile ai valori dell’innovazione e della tecnologia. Sono uno sciatore e parlando di neve e valanghe con un amico, tecnico di Cervino S.p.A. mi è stata presentata e proiettata la sua idea. Una vera e propria illuminazione su cui ho deciso di investire risorse e contatti per la realizzazione». Le risorse sono servite per creare e far lavorare una squadra di ingegneri che progettasse e desse vita alle Tecnologie; i contatti sono stati quelli istituzionali e doverosi, primo fra tutti, l’ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) che sovrintende e regola ogni attività di volo. Dopo una fase di sperimentazione condivisa, l'Ente ha provveduto ad emettere l'«Autorizzazione per Operazioni Specializzate di Disgaggio Valanghe» unica per tutto il territorio nazionale e ottenibile dai diversi operatori,  che rende l’Italia un Paese all’avanguardia essendo il primo al mondo ad utilizzare i droni per questa tipologia di interventi.
ENAC ha inoltre concesso ad ATM il patrocinio per il convegno tenuto durante la fiera internazionale Interalpin 2017, riguardante le tecnologie SNIPER come strumenti per la prevenzione e la sicurezza in montagna.

La macchina ha l’aspetto di un ragno meccanico dotato di otto braccia su cui sono montate le eliche per il volo alimentate da altrettanti motori elettrici. Ma fin qua questo drone sarebbe un «dejà vu». Quello che lo qualifica come specialista per la funzione di disgaggio valanghe è il dispositivo esclusivo e brevettato che è allocato sotto la sua pancia: è questo il vero «sistema SNIPER» che si fa trasportare dal drone dove è necessario. Elettronica e software regolano i vari step di consenso che autorizzano lo sparo.  Il Sistema funziona con l'Esplosivo dedicato SNP studiato e messo a punto grazie ai suggerimenti del Capitano Renato Cresta e prodotto in esclusiva per ATM dalla Parente Fireworks di Melara (RO), azienda leader nel mondo specializzata nella produzione di prodotti pirotecnici.

La partnership tra ATM e Liski, creata all’inizio dello scorso anno, si è rafforzata notevolmente nella stagione invernale 2016/17 con diversi eventi di presentazione del Sistema SNIPER sia in pista che in fiere di settore, tra le quali Interalpin 2017. La fiera è stata un’ottima occasione per far conoscere al pubblico i prodotti SNIPER e stipulare importanti accordi commerciali che hanno evidenziato come queste tecnologie siano una concreta risposta alle esigenze dei vari operatori internazionali.

Tecnologia e rete di distribuzione al top, così come gli impegni che hanno visto la Liski protagonista negli eventi Internazionali di questa stagione appena conclusasi:
• Mondiali di Sci Alpino St. Moritz 2017
• Mondiali di Sci Nordico Lahti 2017
• Mondiali di Freestyle e Snowboard  Sierra Nevada 2017
• Campionati del Mondo di Sci Alpino Junior FIS Are 2017
• Festival europeo invernale delle Olimpiadi Giovanili (EYOF) Erzurum 2017
l• Para Campionato Mondiale di Sci Alpino Tarvisio 2017
• Gare di Coppa del Mondo FIS a Jeongseon in Korea, come test events per i prossimi Giochi Olimpici Invernali PyeongChang 2018
• Trofeo Pinocchio sugli sci, e Alpecimbra FIS Children Cup (Ex trofeo Topolino).

«Per utilizzare SNIPER – dice Pezzotti -  servono dunque due figure: un pilota e un operatore di tiro. La sintonia e l’integrazione tra le due figure è importante per valutare la situazione del territorio su cui si intende operare e per definire modalità di volo e di tiro, partendo dalla scelta della piazzola di partenza fino all'esplosione e alla conseguente bonifica e messa in sicurezza dell'area. SNIPER può muoversi non solo in modalità manuale ma anche in autonomia, grazie allo specifico software che permette il posizionamento su precisi punti GPS predefiniti. Arrivato sul punto dell’intervento, può armare e far esplodere la carica di SNP sospesa sul manto nevoso ad un’altezza consigliata tra 1 e 2 metri». «Il vantaggio di questo sistema – interviene Diego Parigi, il titolare della Liski che è il distributore ufficiale autorizzato delle Tecnologie SNIPER -  è quello di poter sparare quando si vuole, anche senza aspettare che ci sia troppa neve e potendo contare sulla facile detenzione dell’esplosivo». Ma chi lo compra e, soprattutto, chi guida e chi spara? «I potenziali utilizzatori di SNIPER possono essere diversi – risponde Pezzotti – a cominciare naturalmente dai gestori dei comprensori sciistici che devono formare una propria squadra composta da un addetto al tiro dotato del patentino di fuochino o pirotecnico e da un pilota appositamente addestrato. Noi come ATM forniamo, in accordo con ENAC, la SNIPER Academy, «addendum» formativo che si svolge sulla base di una procedura ben precisa. Così, grazie a SNIPER, è nata una nuova professione: lo Sniperista».
In conclusione, dice Pezzotti: «Il Focus del progetto SNIPER è e rimane la prevenzione, la Mission è la salvaguardia di vite umane».

www.snipertechnology.it
www.liski.it