Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate. Inoltre utilizza cookie tecnici per migliorare la navigazione. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Demaclenko Grandi interventi in campo dal Monte Pora al mondo - MontagnaOnline.com

Demaclenko Grandi interventi in campo dal Monte Pora al mondo

Category: Portfolio Created: Sabato, 28 Gennaio 2017 08:27 Hits: 521
Rate this article
 
A sinistra Andreas Dorfmann mentre
consegna il simbolico generatore
Demaclenko ad Angelo Radici

Un'immagine relativa
all'avanzamento dei lavori
sul cantiere a Holdomi

Nella storica località bergamasca l’azienda del gruppo Leitner ha stretto un rapporto di collaborazione con la società di gestione di cui è azionista di maggioranza Angelo Radici, leader del grande gruppo industriale di famiglia e fratello maggiore dell’indimenticabile Fausto, scomparso nel 2002, gioiello della Valanga Azzurra e vincitore di due slalom di Coppa del Mondo nel 1976. Si tratta di garantire la sciabilità delle piste e quindi la «buona salute» della stazione sciistica anche negli inverni più critici rinnovando praticamente «ex novo» l’impianto di innevamento programmato con le competenze e le tecnologie che fanno di Demaclenko una protagonista del settore in Italia e in numerose Nazioni  come Russia, Giappone, Argentina

Le squadre di lavoro Demaclenko hanno trascorso i mesi estivi in piena attività nei vari cantieri aperti per la realizzazione di impianti di innevamento tecnico per la prossima stagione. Alla fine di giugno era stato siglato l’accordo per uno dei progetti più importanti dell’anno. Si tratta di un intervento nel comprensorio sciistico bergamasco Presolana-Monte Pora, di proprietà della società I.R.T.A. . Già lo scorso autunno Angelo Radici, socio di maggioranza, aveva espresso la sua intenzione di investire nel settore turistico invernale poiché riveste  per quel territorio un valore importante sul piano economico-sociale. La storia della famiglia Radici è d’altra parte legata da decenni in modo significativo al mondo dello sci e per questo la scelta di realizzare un progetto così ambizioso sul Monte Pora è venuta naturale ad Angelo Radici, Presidente e CEO del gruppo Radici, una realtà imprenditoriale nell’ambito della componentistica automotive molto conosciuta a livello internazionale con un fatturato che supera il miliardo di euro.  Nella vita di Angelo Radici, grande sciatore, ex Nazionale in gioventù ed ex campione mondiale Master, accanto all’attività imprenditoriale ha sempre avuto una parte importante lo Sci Club Radici, una delle società sportive più organizzate e importanti all’interno della Federazione Italiana Sport Invernali, che dalla sua fondazione appartiene alla famiglia ed è stata protagonista di tante vittorie e di tanti eventi nazionali e internazionali a tutti i livelli dell’agonismo continuando la tradizione di quella passione familiare che ha avuto in Fausto Radici, componente della mitica Valanga Azzurra e vincitore di due slalom di Coppa del Mondo nel 1976, il suo massimo e indimenticabile esponente Grande Sci.
Il comprensorio sciistico in provincia di Bergamo è un’ottima realtà a disposizione soprattutto degli sciatori lombardi e delle zone limitrofe, che raggiungono le ampie piste del Monte Pora in poco tempo. La garanzia di avere le piste bianche in un’area geografica caratterizzata da una forte umidità è la condizione «sine qua non» per ottenere una stagione invernale positiva. Per questo la società di gestione ha messo in atto, con il supporto di Demaclenko, un’opera di ristrutturazione e di nuova costruzione di un impianto di innevamento, alimentato da un bacino idrico con una capacità di 35.000 m³. Il progetto prevede il rinnovamento integrale di una sala macchine, un nuovo impianto di raffreddamento Cooling System, l’installazione di 40 generatori e del software di gestione Snowvisual. In occasione della firma del contratto tra Roberto Meraviglia, CEO della società I.R.T.A. SpA. e Andreas Dorfmann, CEO Demaclenko, in presenza del Presidente del gruppo Leitner, Anton Seeber e di Angelo Radici, così come di Fulvio e Lorenzo Pasinetti, è stato dato l’inizio ad collaborazione che sarà certamente lunga e prestigiosa.
L’importante esordio in Russia
tra Veduchi e Holdomi

Con l’avvio dei lavori di costruzione relativi al progetto del comprensorio sciistico Veduchi in Cecenia, Demaclenko è riuscito nell’impresa di conquistare terreno a livello internazionale, realizzando il primo impianto di innevamento in Russia. Il lavoro professionale di Demaclenko insieme ai vantaggi di carattere tecnico e al servizio professionale di «after sales» hanno convinto il gestore del primo comprensorio sciistico della zona del distretto di Itum-Kale, in Cecenia. La realizzazione della struttura, fino ad oggi l’unica ma esclusiva e progettata secondo gli standard europei, è iniziata in questa regione ancora poco conosciuta nel 2016. Circondato da montagne che raggiungono i 3.000 metri di altitudine, il comprensorio includerà circa 15 piste di vari gradi di difficoltà per una lunghezza complessiva di 15,5 chilometri e una superficie superiore ai 1.500 ettari che si estende sul versante settentrionale della cima Daneduk. Il primo impianto di risalita verrà inaugurato il prossimo 1° dicembre in concomitanza con l’inizio della stagione sciistica.
Per l’impianto di innevamento, il committente ha scelto condutture TRM di dimensioni nominali DN 100 e DN 150, in grado di sopportare una pressione stimata pari a fino 100 bar. Demaclenko completa la dotazione del sistema di innevamento con i suoi cannoni sparaneve più potenti, i Titan 2.0, capaci di produrre in un’ora 105 m³ di neve. Le temperature instabili e i relativi tempi brevi di innevamento richiedono necessariamente una produzione della neve rapida e puntuale di questo tipo.  La Russia è famosa soprattutto per i suoi inverni molto freddi, ma poveri di precipitazioni nevose. Per questa ragione sempre più comprensori sciistici decidono di avvalersi dell’innevamento tecnico per poter garantire il funzionamento degli impianti nel corso dell’intera stagione.
Quest’anno Demaclenko oltre a quello di Veduchi nel Caucaso del nord è riuscita a realizzare in contemporanea anche un altro progetto ad Holdomi, località che ha deciso di affidarsi alle competenze professionali e ai vantaggi tecnici offerti dall’azienda di Vipiteno. L’attuale progetto prevede la realizzazione di un impianto completamente automatizzato che verrà costruito da zero, assicurando così al comprensorio sciistico una stagione con garanzia di innevamento. Oltre all’allestimento di due stazioni di pompaggio, è prevista anche la posa di oltre 80 pozzetti e numerosi generatori di neve Titan 2.0, in grado di produrre in un’ora 105 m³ di neve. Le temperature e i relativi tempi brevi di innevamento richiedono necessariamente una produzione della neve rapida e puntuale di questo tipo. Per alimentare l’intero impianto con le risorse necessarie, verranno posati inoltre 8.600 metri di tubi. Demaclenko non vedo l’ora di affrontare questa sfida nell’Est più remoto della Russia e grazie alle proprie competenze professionali e all’eccellente servizio di assistenza sempre a disposizione, è convinto di poter gettare le basi per un rapporto di collaborazione duraturo.

In Giappone un nuovo
comprensorio a Kamikawa Cho, sull’isola di Honshu
Dopo che i Giochi Olimpici a Sapporo (1972) e Nagano (1998) hanno dato il via a un vero e proprio boom degli sport invernali in Giappone, numerose località reagiscono ora al rallentamento dello sci e investono soprattutto in nuovi comprensori ancora non edificati. Uno di questi investimenti si concentra sulla realizzazione di un comprensorio sciistico completamente nuovo a Kamikawa Cho. Il comprensorio è parte della prefettura di Hyogo e si trova nella parte sud-ovest dell’isola di Honshu.
Per Demaclenko il progetto comprende la fornitura di un impianto di innevamento completo, con la stazione di pompaggio completa premontata nella sede principale e spedita in container in Giappone. Il motivo principale di questa procedura è sicuramente una gestione più rapida ed efficiente dei lavori di costruzione «in loco». Completano l’ordine 3,5 km di condutture e 50 pozzetti che riforniscono i generatori di neve con l’acqua necessaria. Per la temperatura dell’acqua ideale è previsto un impianto Cooling System con una portata totale di 30 l/s. Demaclenko è riuscita nell’intento soprattutto grazie alla sua pluriennale competenza nell’innevamento a temperatura limite e ha fornito in accordo con il cliente un impianto misto formato da generatori di neve e lance. Mentre per le lance la decisione è stata presa in tempi piuttosto rapidi, la scelta per i generatori di neve è ricaduta su Evo 3.0 che, considerando il consumo relativamente ridotto e la gittata comunque ottima, soddisfa al meglio le esigenze del cliente di preparare il comprensorio sciistico in maniera capillare e senza grandi sforzi.  Con la realizzazione della nuova zona ricreativa vicina, gli investitori pubblici vogliono avvicinare allo sport invernale soprattutto bambini e giovani e offrire alle famiglie una compensazione dalla vita quotidiana nelle grandi città.  Dopo l’ultimazione dei lavori il comprensorio sciistico avrà nel complesso due seggiovie ultramoderne e tre nuove piste che possono avvalersi al 100% di un innevamento tecnico.

A Las Leñas si consolida
la presenza in Argentina
Con la realizzazione del nuovo impianto di innevamento a Las Leñas, Demaclenko ha rafforzato la propria presenza anche sul mercato sudamericano, dove gode di ottima reputazione tra gli operatori del settore. La collaborazione con uno tra i principali comprensori sciistici dell’Argentina era stata avviata già due anni fa ed è stata intensificata con successo quest’anno. Il progetto attuale comprende l’ampliamento e l’automazione della stazione di pompaggio esistente per fare in modo che l’impianto di innevamento sia in grado di garantire sempre una completa operatività in fase di gestione della neve. Oltre all’ampliamento della stazione di pompaggio verranno posati oltre 50 pozzetti e 3,5 km di tubi in ghisa per assicurare l’approvvigionamento idrico dei nuovi generatori di neve. Sia i nuovi componenti come anche l’impianto già presente verranno integrati con il sistema Snowvisual 4.0 di ultima generazione per dotare l’impianto del funzionamento completamente automatizzato. Il nuovo impianto di innevamento a Las Leñas è quindi il primo impianto completamente automatizzato e chiavi in mano realizzato da Demaclenko in Sudamerica.
www.demaclenko.com