Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate. Inoltre utilizza cookie tecnici per migliorare la navigazione. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Doppelmayr Nuovi impianti «made in Italy» da Lana alla Cina ...passando per Mosca - MontagnaOnline.com

Doppelmayr Nuovi impianti «made in Italy» da Lana alla Cina ...passando per Mosca

Category: Portfolio Created: Mercoledì, 09 Novembre 2016 12:13 Hits: 927
Rate this article
 

L’anno 2017 è stato particolarmente produttivo per lo stabilimento italiano del gruppo austriaco di Wolfurt. In riva all'Adige sono stati realizzati ben sette impianti ad ammorsamento automatico, tra i quali la D-Line di Canazei, una anteprima nazionale per quanto riguarda l'innovativa tecnologia funiviaria che la caratterizza. Oltre che in Alto Adige, altre realizzazioni importanti sono state messe in opera lungo tutto l'arco alpino, dal Piemonte (Alagna, Bardonecchia) alla Lombardia (Livigno) al Trentino (Canazei, Folgarida). Tra gli impianti speciali figurano la nuova funivia Postal-Verano e due importanti interventi per l’estero, una cabinovia per la località cinese di Lushan e un «People Mover» per l’aeroporto che serve la capitale russa

 

NUOVI IMPIANTI IN ITALIA
Verano (Bolzano) Funivia 35-ATW Postal-Verano
Sabato 7 ottobre è stata aperta al pubblico la nuova funivia Postal – Verano, tra gli omonimi comuni della valle dell’Adige, nei pressi di Merano. Il nuovo impianto finanziato dal comune di Verano, a doppia fune portante, ha sostituito la vecchia piccola funivia costruita nel 1958 ed ormai non più adeguata a sostenere il pendolarismo urbano affiancato da quello turistico, quest’ultimo in continuo aumento negli ultimi anni anche grazie al trasporto delle bici. Due cabine completamente vetrate e dal design inedito viaggiano a 10 m/s aumentando la portata dalle precedenti 100 alle attuali 360 persone/ora; si è passati da 5 ad un solo sostegno. La soluzione a doppia fune portante ha consentito di aumentare la disponibilità del servizio anche in caso di forte vento, e di scongiurare gli accavallamenti sul tratto superiore della linea, che a volte si verificavano sul vecchio impianto. Degna di nota è anche l’architettura delle due stazioni, opera dello studio «WN Architects» di Bolzano.

Val Senales (Bolzano)
Cabinovia 10-MGD Lazaun
La nuova cabinovia Lazaun parte dal fondovalle nei pressi dei parcheggi e risale il versante opposto al famoso ghiacciaio della Val Senales, sostituendo una vecchia seggiovia a morse fisse ormai non più adatta alle richieste della clientela. Sull’impianto 22 cabine (in seguito 30) viaggeranno a 6 m/s percorrendo il tracciato di 1,2 chilometri in circa 5 minuti.

Canazei (Trento)
Cabinovia 10-MGD D-Line Alba – Ciampac
La nuova cabinovia, grazie alla portata oraria di 2000 persone all’ora espandibili a 2400, consente di raggiungere il Ciampac in soli 5 minuti senza più attese e seduti nel massimo comfort su comode panche imbottite in pelle, con gli sci incastrati nel pavimento. «Verrà eliminato il collo di bottiglia che si crea ad Alba in alta stagione - diceTullio Pitscheider, presidente della Funivia Ciampac e Contrin, promotrice dell’intervento con la Sitc - quando non è garantito un passaggio veloce degli sciatori che magari rinunciano a diverse discese sulla pista nera Ciampac, fiore all’occhiello della skiarea, a causa delle code che si generano a valle nello snodo con il Belvedere». Per la prima volta in Italia è stato realizzato un impianto D-Line, la tecnologia funiviaria del futuro, con caratteristiche tecniche molto interessanti. Massimo comfort per i passeggeri, silenziosità di funzionamento, manutenzione semplice e veloce rendono la D-Line un prodotto di prima classe, con componenti e sistemi frutto di una progettazione completamente nuova. Le nuove cabine offrono molto più spazio e comfort rispetto alle cabinovie a 10 posti realizzate fino ad ora, con grande spazio per le gambe, una nuova altezza e panche più ampie. Per garantire il particolare comfort dei passeggeri e del personale operativo, questa nuova generazione di impianti a fune è stata progettata per livelli di rumorosità e vibrazioni estremamente bassi. La Val di Fassa si presenta quindi con una novità nazionale che sicuramente sarà in grado di soddisfare ed entusiasmare le migliaia di ospiti che ogni giorno scelgono il Dolomiti Superski per le proprie vacanze all’insegna del divertimento sulla neve.

Folgarida/Dimaro (Trento)
Seggiovia 4-CLD Malghette
Il nuovo impianto sostituisce una seggiovia triposto risalente al 1987, su una linea che da sempre realizza il collegamento di rientro degli sciatori da Madonna di Campiglio verso Marilleva e Folgarida e che spesso ha visto lunghe code di attesa per il rientro. L’ammorsamento automatico consente di dimezzare il tempo di viaggio, aumentando il comfort grazie anche alle seggiole carenate.

Livigno (Sondrio)
Cabinovie 2x 10-MGD  Livigno - Baite Pel – Lago Salin
La storica linea di Livigno nella zona del Carosello 3000 giunge alla terza generazione, con una totale sostituzione dei vecchi impianti con due cabinovie decaposto consecutive che totalizzano 3 km di lunghezza disposti su un dislivello di 900 metri. Di notevole importanza anche le strutture civili per le tre stazioni, completamente in muratura. La nuova cabinovia di San Rocco segna un passo decisivo nel rinnovamento delle infrastrutture di Livigno, elevando ulteriormente l’experience della clientela appassionata di sport outdoor sia invernali che estivi.

Bardonecchia (Torino)
Seggiovia 6-CLD Fregiusia – Plateau
L’impianto 6-CLD «Fregiusia– Plateau» sostituisce una seggiovia biposto ed una sciovia. Dopo la cabinovia realizzata nel 2006, con la nuova seggiovia si intende portare un ulteriore ammodernamento e una ulteriore valorizzazione del comprensorio sciistico dello Jafferau, mettendo a disposizione degli utenti un impianto di ultima generazione con collegamento temporaneo dei veicoli, in grado di offrire sia una elevata portata di trasporto che tempi ridotti di ricircolo e un elevato comfort di viaggio. La nuova seggiovia ha il duplice compito di ricircolo degli sciatori nella parte mediana del comprensorio, servendo le piste ancora quasi interamente nella parte boscata, e di arroccamento per gli sciatori che vogliono sfruttare la parte alta del comprensorio. Il nuovo impianto consentirà, con un’unica tratta, di raggiungere le seggiovia Pina del Bosco – Testa del Pan, in modo da diminuire drasticamente i tempi di avvicinamento alla zona più nota ed interessante del comprensorio, eliminando l’attuale necessità di utilizzare due impianti.

Alagna Valsesia (Vercelli)
Seggiovia 4-CLD Cimalegna
La realizzazione di questo impianto ha come scopo primario l’aumento di portata dell’impianto Funifor che collega Pianalunga con il Passo dei Salati. Con la realizzazione della nuova seggiovia si riesce a raddoppiare l’attuale portata fino al Passo dei Salati raggiungendo le 2.000 persone/ora.  La posizione della stazione di monte favorisce un facile accesso alla famosa discesa freeride denominata «Balma», mentre la scelta dell’agganciamento automatico con seggiole carenate presenta la soluzione ideale all’interno di un comprensorio grande come il Monterosaski. La realizzazione di un magazzino completamente automatico per il ricovero delle seggiole consente di ricoverare tutti i veicoli all’interno del magazzino in breve tempo, per proteggerli dalle intemperie aumentando notevolmente la loro durata.

Ortisei (Bolzano)
Sciovia 1-SL Furdenan
La sciovia «Furdenan» in Val Gardena è stata sostituita da un moderno impianto, che vede lo spostamento della stazione a monte in direzione sud-ovest e della stazione a valle in direzione sud-est. L’argano motore è dotato di un motore in corrente alternata con alimentazione tramite «inverter» che consente una regolazione continua della velocità in un ampio campo a seconda del tipo di clientela e delle esigenze di portata.

AMMODERNAMENTI IN ITALIA
San Marino
Funivia 50-ATW Borgo  Maggiore – Monte Titano
Ogni anno numerosi impianti vengono sottoposti a revisioni quinquennali, decennali o ventennali e Doppelmayr effettua autonomamente, o in collaborazione con le società esercenti, tutti i lavori richiesti dalla normativa vigente. Tra i circa 30 interventi eseguiti è degno di nota l’intervento effettuato a San Marino. Nella primavera 2017 si è completata la revisione ventennale della funivia Doppelmayr, che oltre ai consueti controlli previsti dalla normativa ha previsto la sostituzione dell’azionamento elettrico e l’installazione di nuove cabine, nonché alcuni lavori di ammodernamento degli interni delle stazioni. Le nuove cabine, dal design moderno e completamente vetrate, consentono ai turisti di godere dello splendido panorama durante la salita, e grazie agli schermi installati all’interno, consentono di fornire informazioni utili su manifestazioni, previsioni meteo e notizie utili.

NUOVI IMPIANTI ALL'ESTERO
Continua l'importante ruolo di Lana nella collaborazione con le altre sedi internazionali del gruppo, che ha portato alla progettazione e realizzazione di soluzioni o elementi tecnici per impianti speciali di grande prestigio e spettacolarità.

Mosca (Russia)
Cable Liner Shuttle Sheremetyevo Airport
Su una distanza di più di due chilometri di lunghezza, il «people mover» collegherà i terminal nord-sud dell'aeroporto di Mosca con un tracciato completamente in galleria. Sheremetyevo è il più grande aeroporto della Russia ed è collegato con oltre 300 destinazioni internazionali. Il nuovo sistema di trasporto garantirà ai passeggeri un miglior comfort per i trasferimenti interni, 24 su 24, 365 giorni all'anno. A Lana sono stati progettati e realizzati i due argani motori e le due unità di rinvio; i lavori procedono alacremente senza nessuna interruzione nell’esercizio aeroportuale, ed il montaggio è stato completato a settembre. La consegna dell’impianto è prevista per gennaio 2018, in tempo per il Campionato Mondiale di calcio in Russia, all’inizio di giugno 2018.

Lushan (Cina)
Cabinovia 30-TGD
Il nuovo impianto a fune fornisce un significativo miglioramento del comfort per i visitatori di Lushan, una delle più popolari destinazioni turistiche della Cina. Esso opererà in estate e in inverno sostituendo un servizio di autobus lungo una strada molto tortuosa e lunga 15 chilometri. La regione è stata designata come sito patrimonio mondiale dell'UNESCO nel 1990. La funivia attraversa l'area protetta con facilità, grazie ad una campata di quasi 1.600 metri di lunghezza senza sostegni. Dal 27 luglio 2017 è iniziato l’esercizio della prima cabinovia trifune della Cina. Anche lo stabilimento italiano di Lana (BZ) ha partecipato alla realizzazione dell’opera.
www.doppelmayr.com