Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate. Inoltre utilizza cookie tecnici per migliorare la navigazione. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Klüber - MontagnaOnline.com

Klüber

Category: Portfolio Created: Sabato, 28 Gennaio 2017 08:27 Hits: 244
Rate this article

Quando lubrificare bene
vuol dire lavorare sicuri

La grande azienda tedesca di Monaco di Baviera produce lubrificanti ad uso industriale da oltre ottant’anni e serve clienti in tutto il mondo, con sedi proprie (compresa quella italiana di San Giuliano Milanese) presenti in 30 Paesi. Tra gli oltre 2000 olii speciali che compongono la sua vastissima gamma sono compresi prodotti studiati appositamente per il mondo funiviario dove le condizioni ambientali e le tipologie degli impianti rendono il tema della sicurezza di chi vi opera particolarmente rilevante. Come nel caso specifico della manutenzione di un impianto bifune…

Partire e arrivare
tra eleganza e comfort

Quello della sicurezza sul lavoro, intesa come insieme delle misure preventive da adottare per ridurre al minimo possibile l'esposizione dei lavoratori ai rischi connessi all'attività lavorativa, è un tema molto importante in ogni ambito lavorativo. Anche negli impianti funiviari si devono eliminare o almeno ridurre i pericoli mediante soluzioni progettuali o costruttive. Questo vale per la progettazione, la realizzazione e i requisiti di idoneità all'esercizio, nonché quelli relativi alla manutenzione tecnica di un impianto. (ad esempio con rif. Legge Regionale n.1 del 7/02/2006, Provincia Autonoma di Bolzano, All.to 2, §2.2.). Presentiamo qui il caso della lubrificazione delle scarpe porta fune. Tali elementi di un impianto funiviario, presenti solo negli impianti bifune dove la fune portante è distinta dalla traente, si trovano in genere ad elevate altezze  e particolarmente esposte agli agenti atmosferici. Il personale addetto alla manutenzione tipicamente provvede a frequenti lubrificazioni manuali di questi elementi, con tempistiche anche bisettimanali nei casi di maggiore deviazione della scarpa. La posizione di tali elementi, la loro accessibilità, l’esposizione ad eventi atmosferici e l’elevata frequenza di interventi espongono gli addetti ad un elevato rischio di infortunio. Inoltre il contesto in cui si opera induce talvolta il personale ad avvicinarsi agli organi quando questi sono in moto, senza attendere gli intervalli tra le corse, con enorme incremento del rischio potenziale.  Da tempo esistono sul mercato impianti automatici di lubrificazione, che possono automatizzare questo tipo di intervento. Tuttavia il nodo cruciale è la scelta del giusto lubrificante da impiegarsi:
• deve essere efficace nella riduzione di attrito tra fune e scarpa al fine di garantire un corretto scorrimento della fune
• deve minimizzare l’usura dei corpi in attrito
•  deve essere impiegato in quantità minime: l’impiego di lubrificante in eccesso sicuramente implica la fuoriuscita dello stesso che quindi rappresenta un continuo inquinamento ambientale, nonché un eventuale rischio per persone sottostanti e necessità di frequenti pulizie.
• deve essere pompabile ed essere funzionale alle temperature tipiche cui sono soggetti questi tipi di impianti, che molte volte sono eserciti sia durante inverni molto rigidi in alta quota che in estati calde.
• deve poter resistere al dilavamento causato dalle intemperie (ghiaccio, pioggia, vento ecc..).
Il grasso speciale «Staburags NBU 12 Altemp» di Klüber Lubrication, disponibile in lubrificatori automatici Klübermatic Nova, risponde a tutte queste esigenze. Tale soluzione ha dato risultati positivi anche a quote superiori a 3000 m sul livello del mare.  A seconda delle condizioni di lavoro dell’impianto, ogni singolo lubrificatore con «Staburags NBU 12 Altemp»  può durare in esercizio 2/3 stagioni. Presso gli impianti di Ski-Area Col Rodella di proprietà della Società Incremento Turistico Canazei, costruiti da Doppelmayr, questa soluzione è stata testata per la prima volta con successo già nel 2015 su una sola scarpa e quindi, vista anche la soddisfazione del personale ed i costi limitati, estesa poi nel 2016 alle altre tre. L’installazione e la calibrazione dei dispositivi sono agevoli e veloci; il beneficio in termini di accessi alle scarpe molto interessante: durante la stagione si sale in pedana solo per il controllo ordinario del macchinario e della regolare lubrificazione, senza necessità di operazioni prestabilite. Grazie alla sua efficacia, più che collaudata sul campo, «Staburags NBU 12 Altemp»  in lubrificatori Klübermatic Nova rappresenta una soluzione tecnica affidabile per ridurre i pericoli di manutenzione della scarpa porta fune in impianti funiviari.
www.klueber.com