Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate. Inoltre utilizza cookie tecnici per migliorare la navigazione. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Arctic Cat/Snopex - MontagnaOnline.com

Arctic Cat/Snopex

Category: Portfolio Created: Lunedì, 05 Giugno 2017 04:57 Hits: 229
Rate this article

Nuove proposte Arctic Cat con l’impronta «made in USA»



Le motoslitte «made in USA» della Arctic Cat sono importate da vent’anni in Italia dalla società di Balerna (Svizzera). Vengono prodotte da cinquant’anni con rigorosi sistemi di monitoraggio industriale a Thief River Falls, un paesino del Minnesota dove  la neve non manca mai e dove i suoi abitanti le usano ogni giorno, anche per andare al lavoro.  Negli anni la produzione si è allargata ad una gamma che conta ormai una quarantina modelli tra i quali spicca sempre la «Bearcat 7000 XT», l’ammiraglia di una flotta in grado di risolvere qualsiasi problema di spostamento e di lavoro sulla neve. Ma ad Interalpin Arctic Cat, attraverso Snopex, ha presentato altri nuovi prodotti per il 2018. Un nuovo modello entra nel mercato, diametralmente opposto ai nuovi modelli da 800cc. All’ anteprima europea di Innsbruck Arctic Cat ha manifestato la speranza di poter puntare su questo modello per attirare e mantenere legati al marchio i futuri piloti Cat. Stiamo parlando del nuovo modello ZR200, progettato come mezzo di transizione per portare i giovani piloti dalla motoslitta-bambino ZR120 ai modelli a grandezza intera. Lo  ZR200 è completamente «sospeso» e soddisfa tutte le necessarie certificazioni di sicurezza per motoslitte. Porta il concetto della «vecchia» Kitty Cat ad un nuovo livello nella speranza di coltivare i piloti che possono passare dalla piccola «slitta giocattolo» ad una slitta più grande ma gestibile. ZR200 è dotato di un motore a quattro tempi Yamaha da 200 cc e 9 CV che non necessita manutenzione, raffreddato ad aria. Per le sue caratteristiche offre una guida sportiva per giovani fino a circa 80 kg. Inoltre, sulla base del telaio ZR120, la piattaforma ZR200 è estesa e presenta una nuova sottostruttura anteriore per accogliere il motore a singolo cilindro da 192cc Yamaha e per supportare la nuova sospensione a braccio anteriore più lunga. Comunque, al top di gamma della scuderia Arctic Cat rimane sempre posizionata la motoslitta da lavoro Bearcat 7000 XT. Con le sue caratteristiche, questo modello di enorme successo è il binomio perfetto tra motoslitta da lavoro e trasporto e piacere di una guida facile e sicura. Dispone di cambio a 3 marce avanti (Superlow. Low, high) e 1 retromarcia, sistema di raffreddamento completamente indipendente, variatori Heavy Duty Team, sospensione anteriore Arctic Race, sospensione posteriore XTRA-Action, cingolo ProUte largo 20“ (51 cm) con profilo alto 35 mm, indicatori Power Sport, faro posteriore, paraurto anteriore robusto, poggiapiedi per 3 persone, sedile per passeggero amovibile, presa posteriore 12 V, scompartimento posteriore. Il Bearcat rimane la «numero 1» tra le motoslitte da lavoro, sempre più richiesta tra gli impianti sciistici di tutto il mondo.  Gli appassionati di Arctic Cat però aspettavano con impazienza anche il nuovissimo motore 800cc C-TEC2, ma la notizia che sicuramente ha fatto più clamore è stata l’acquisizione di Arctic Cat da parte di Textron, ex proprietario di Polaris Industries dal 1968 al 1981. Indipendentemente dalla situazione di Textron, poco dovrebbe cambiare in un futuro prossimo nella politica industriale del marchio. Arctic Cat ha creato il suo nuovo twin 800cc basandosi leggermente sul suo popolare 600cc C-TEC2. Gli appassionati riconoscono che l'ingegneria ha avuto un compito difficile nella sostituzione del «due tempi 800cc Suzuki». Quel motore ha goduto di una buona reputazione per una forte potenza e durata. Ma l'era Suzuki è chiusa insieme ad una filosofia costruttiva che doveva essere aggiornata badando all'efficienza dei consumi e delle emissioni. In una breve sessione di corsa con il nuovo C-TEC2 twin nel gennaio scorso, Arctic Cat  ha riscontrato con orgoglio gli apprezzamenti ricevuti per ciò che l'equipaggio tecnico ha realizzato con un nuovo motore, più forte del Suzuki, con l’ingresso di coppia più ampio che va via molto liscio! Questo nuovo motore senza dubbio non deluderà nessuno! Insieme al nuovo motore viene fornita una frizione ad azionamento Team Rapid Response II con prestazioni costanti e regolazione automatica con un rapporto di avvio più basso del 12,5% per una corsa dolcissima.
www.snopex.com