Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate. Inoltre utilizza cookie tecnici per migliorare la navigazione. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Gallery 3 Columns - MontagnaOnline.com

Tag: Impianti Di Risalita

Created: Giovedì, 22 Marzo 2018 09:33
Hits: 142
Category: Portfolio
Tags: Impianti Di Risalita

 

La modernità della tecnologia trifune
conquista il cuore della Norvegia

Entro il 2019 sarà realizzata una nuova cabinovia a Voss, rinomata località turistica dove le due società «Voss Resort AS» e «Voss Gondol AS» stanno operando un rinnovamento radicale del comprensorio sciistico ed escursionistico con un investimento di oltre 30 milioni di Euro e in una logica di servizi intermodali che influirà positivamente sull’intera mobilità urbana. Il nuovo impianto, dotato di tredici cabine «Symphony», sostituirà una vecchia funivia «va e vieni» e sarà il primo in Scandinavia realizzato secondo il sistema trifune, quella tecnologia innovativa e particolarmente adatta alle condizioni orografiche più difficili di cui l’azienda di Vipiteno è grande protagonista

Dopo i due ultimi prestigiosi progetti firmati dall'azienda altoatesina sul fronte della tecnologia trifune (la funivia sul ghiacciaio austriaco dello Stubai e l’impianto record sul versante svizzero del Piccolo Cervino che entrerà in funzione nel prossimo settembre) ecco ora la prima cabinovia trifune della Scandinavia, che verrà realizzata in Norvegia a Voss,  rinomata località turistica nella contea di Hordaland che in passato ha anche ospitato numerose gare della Coppa del Mondo di sci alpino. Si tratta di un progetto che rientra nel piano di rinnovamento del famoso comprensorio escursionistico e sciistico di Monte Hanguren, promosso da Voss Resort AS e Voss Gondol AS con un investimento complessivo di 31 milioni di Euro. Voss è una cittadina di circa 15 mila abitanti situata in posizione strategica lungo la linea ferroviaria che collega Oslo e Bergen, ed è meta preferita di numerosi sportivi ed escursionisti sia in inverno che in estate. La scelta di un impianto di tipo trifune non segue solo l’attuale tendenza del momento, ma è dettata anche dalle particolarità morfologiche del luogo, che si contraddistinguono, nella parte iniziale del tracciato, per un notevole dislivello e per la necessità di sorvolare un’ampia zona residenziale. Il nuovo impianto entrerà in funzione nell’estate 2019, sostituendo la precedente funivia va e vieni «Hangursbanen», già dismessa da tempo, ma rimasta nel cuore di locali e turisti per le sue cabine gialle e rosse ribattezzate «Dinglo» e «Danglo». Al loro posto, il nuovo impianto sarà dotato di tredici cabine modello «Symphony» design Pininfarina, da 35 posti ciascuna, in grado di trasportare sino a 1.500 persone all’ora; un viaggio di solo sette minuti. 

In un unico edificio la stazione funiviaria, quella degli autobus e quella dei treni
Il nuovo impianto avrà una lunghezza di poco più di due chilometri e rientra in un progetto complessivo che rivoluzionerà tutta la mobilità di Voss. La stazione a valle sarà infatti integrata in una moderna struttura che ospiterà anche la stazione ferroviaria e quella degli autobus, in modo da creare, a ridosso del centro di Voss, un centro intermodale, snodo chiave per la mobilità urbana. L’intento è proprio quello di rendere la nuova cabinovia parte integrante del sistema di trasporto pubblico, ottimizzando l’uso di autobus, treni e impianto di risalita: la stazione della funivia, al terzo piano dell’edificio comune, sarà direttamente accessibile sia dalla fermata degli autobus che si trova al piano-terra, che dai binari dei treni, la cui stazione sorge al primo piano.  Anche presso la stazione a monte non mancheranno le novità con la costruzione di un ristorante panoramico per 450 persone, che darà vita ad un’unica e armoniosa unità strutturale insieme alla stazione funiviaria.  Voss è rinomata non solo come meta turistica invernale ma anche come destinazione estiva, soprattutto per gli escursionisti e gli appassionati di parapendio, e per questo il nuovo impianto sarà in funzione tutto l’anno, rendendo la località norvegese una destinazione ambita 365 giorni all’anno. «Abbiamo scelto Leitner ropeways per realizzare questo progetto non solo per la lunga e felice collaborazione che si protrae da ann , ma anche perché il sistema trifune da loro presentato è in assoluto il più avanzato e sicuro oggi disponibile sul mercato», dice Øyvind Wæhle, amministratore delegato di Voss Resort AS e Voss Gondol AS.

La scheda tecnica
3S VOSS:
Lunghezza: 2.020 m
Dislivello: 742 m
Velocità: 5 m/sec
Capacità max: 1.544 p/h
Numero massimo di cabine: 13
Nr di sostegni: 3


La leadership nei Paesi scandinavie nella produzione trifune
Con questo nuovo progetto Leitner ropeways conferma la propria posizione di leader di mercato nei Paesi Scandinavi e al contempo riafferma il ruolo da protagonista sul fronte degli impianti trifune. Le realizzazioni di successo dell’azienda altoatesina sul versante della tecnologia trifune sono oramai davvero numerose ed importanti, a partire dall’impianto che da Bolzano conduce fino a Soprabolzano, sull’altopiano del Renon, superando un dislivello di oltre 1.000 metri, alleggerendo significativamente il traffico cittadino. O ancora l’impianto trifune Les Prodains, che collega le località sciistiche francesi di Morzine e Avoriaz. Da ultimo non si possono non citare la funivia Eisgratbahn recentemente entrata in funzione sul ghiacciaio dello Stubai, in Tirolo, e la funivia trifune più alta del mondo, sul Piccolo Cervino, versante svizzero, che da fine settembre permetterà di raggiungere quota di 3.883 metri.
www.leitner-ropeways.com

Created: Mercoledì, 21 Marzo 2018 15:23
Hits: 153
Category: Portfolio
Tags: Impianti Di Risalita

BMF
Un debutto «strategico»sulle nevi francesi

La nuova cabinovia a otto posti entrata in funzione quest’inverno tra L’Enversin d’Oz e Vaujany è la prima realizzata in Francia dall’azienda svizzera di Flums. L’impianto, dotato delle eleganti cabine Porsche Design, si trova nella parte settentrionale del grande comprensorio sciistico dell’Alpe d’Huez e, con la sua capacità di trasporto, è stato determinante per sciogliere un «nodo» particolarmente critico nel traffico sciistico della località

Nell’area sciistica di Vaujany, in Francia, é in funzione da questa stagione una nuova telecabina 8 posti realizzata da Bartholet Maschinenbau, l’azienda elvetica di Flums protagonista nel mercato degli impianti a fune per il trasporto su neve e per il trasporto urbano fondata nel 1962 da Anton Bartholet. Il marchio svizzero debutta cosí in Francia con la sua prima telecabina che può esibire il fiore all’occhiello delle eleganti e confortevoli cabine «Design by Porsche Design Studio». Il nuovo impianto si trova fra L’Enversin d’Oz e Vaujany sul lato settentrionale dell’area sciistica dell’Alpe d`Huez. Viene cosí sostituito dopo trent’anni il vecchio impianto ad ammorsamento fisso che girava con una capacitá di sole 600 p/h e non rispettava piú le richieste dello sciatore e gli standard moderni. Con il collegamento diretto alla stazione a valle della funivia Grandes Rousses a Vaujany, la localitá L’Enversin d’Oz è con i suoi 1100 mslm il punto piú basso di accesso al comprensorio sciistico dell’Alpe d’Huez. La funivia lunga solo 600 mt. era ed è tuttora l’unico mezzo di ritorno per gli sciatori che scendono per la famosa pista nera «La Fare», che per gli sportivissimi è anche la pista finale della discesa lunga 2200 mt. dal Pic Blanc (3330 mslm). Oggi, con la sua capacitá di trasporto 1200 p/h, il nuovo impianto BMF evita agli sciatori piú abili di imbottogliarsi nelle code e aumenta l’attrattivitá turistica di Oz-Vaujany (1100 – 2800 m). A solo un’ora di macchina da Grenoble, questo «domaine skiable» é una meta amata dalle famiglie e offre 18 impianti di risalita al servizio di 53 km di piste. La societá impianti investe regolarmente non solo nel comfort della risalita ma anche nell’innevamento e nell’ampiamento delle piste. Nel prossimo futuro aprirá la nuova pista «Outres» lungo l’impianto BMF e perció é giá stato pianificato un‘incremento nella portata oraria a 2000 p/h aggiungendo ulteriori 10 cabine (ad oggi sono 15), quelle cabine che vengono immagazzinate automaticamente nelle stazioni, con gli azionamenti disposti nella stazione a valle.

La scheda tecnica
Tipologia di impianto:  Cabinovia 8 posti
Quota stazione a valle: 1126,00 m 
Quota stazione a monte: 1238,70 m
Dislivello: 112,70 m
Lunghezza inclinata: 573,80 m
Quantitá sostegni: 4
Potenza: 00 kW
Quantitá cabine: 15 (estendibile a 25)
Velocitá: 0 – 5 m/s
Capacitá: 1200 p/h (estendibile:2000 p/h)
Tempo di percorrenza: 2 min 1 s
Azionamento:  Seirel

www.bmf-ag.ch

Created: Mercoledì, 14 Marzo 2018 19:03
Hits: 256
Category: Portfolio
Tags: Impianti Di Risalita

Come ottimizzare
la lubrificazione delle morse

Descrivendo un esempio pratico di successo monitorato su una seggiovia esaposto, l’autore dell’articolo parla delle qualità del Klübersynth EM 94-102, uno tra gli oltre 2000 lubrificanti speciali che la grande azienda tedesca di Monaco di Baviera produce per diversi settori industriali compresi (come in questo caso) quelli studiati appositamente per il mondo funiviario, per garantire la perfetta efficienza e la sicurezza delle diverse parti degli impianti. Klübersynth EM 94-102 in particolare è un lubrificante speciale adatto per difficili condizioni ambientali e condizioni d’esercizio impegnative

 
Andrea Dittadi
Sales Manager
Klüber Lubrication Italia
 
 
Boccola lubrificata in primo equipaggiamento con prodotto concorrente dopo 950 ore

Boccole lubrificate con Klübersynth EM 94-102
dopo 1600 ore e 75.000 cicli

Klüber Lubrication ha introdotto con successo una nuova soluzione per la lubrificazione preventiva in impianti di risalita: Klübersynth EM 94-102 è un lubrificante speciale adatto per difficili condizioni ambientali e condizioni d’esercizio impegnative. Grazie alle sue particolari caratteristiche riesce a soddisfare le più esigenti richieste del mondo funiviario: riduzione dell’usura dei componenti ed eliminazione di fenomeni critici come il percolamento, minimizzando le attività di lubrificazione.  Limitando l’attrito tra i componenti e proteggendo gli elementi critici dagli agenti atmosferici, si è offerto agli addetti ai lavori un prodotto unico, appositamente studiato per il contenimento degli sprechi e dei costi di manutenzione, aspetto importante anche per gli esercenti del comparto a fune. L’ampio range di temperature nel quale il prodotto può essere impiegato e lo spettro applicativo permettono di utilizzare un singolo prodotto per proteggere ed ottimizzare l’efficienza di più componenti caratterizzati da diverse specifiche criticità. Così facendo si è riusciti a semplificare l’attività principe della manutenzione: la lubrificazione. Klübersynth EM 94-102 è un grasso lubrificante sintetico che contiene uno speciale sapone complesso di calcio. L'addensante consente la formazione di una pellicola lubrificante resistente ai carichi meccanici dinamicie che pertanto assicura un'eccellente protezione dall'usura. Le caratteristiche sono state testate su banco prova LEITNER (morsa LPA) ed il prodotto è stato omologato ed utilizzato in primo equipaggiamento da Agudio (gruppo Leitner).

La sperimentazione
sulla seggiovia Arabba Fly
A comprova dei risultati studiati si è provveduto a condurre una sperimentazione sul campo presso la seggiovia a collegamento temporaneo Arabba Fly (impianto CD6 Leitner) nel giro del Sella Ronda, uno dei circuiti sciistici tra i più importanti al mondo. Su gentile concessione del cliente siamo in grado di presentare quanto è emerso dall’applicazione del grasso Klübersynth EM 94-102 nelle fasi di manutenzione ordinaria delle morse tipo LPA dell’impianto esaposto che collega i due versanti di Arabba (BL). L’impianto ha la caratteristica di avere una lunghezza molto contenuta. Di conseguenza, durante l’orario di servizio quotidiano, i componenti delle morse vengono sottoposti ad un elevato numero di cicli rispetto ad una seggiovia a collegamento temporaneo tradizionale. La sperimentazione ha avuto luogo nel corso del secondo anno di esercizio (da 950 a 2100 ore di funzionamento, corrispondenti dunque a 1150 ore) durante la stagione invernale 2016/2017. Nell’arco della stagione di prova, considerata una velocità media di 4 m/s, si sono stimati circa 55.000 cicli di apertura e chiusura della morsa. La morsa oggetto d’indagine è quella relativa al veicolo n. 5, che ha lavorato il primo anno con il grasso di primo equipaggiamento per 950 ore di esercizio senza alcun intervento manutentivo di rabbocco durante la stagione. In seguito al primo anno vi è stata la necessità di sostituire tutte le boccole in plastica dell’articolazione ganasce. La Società esercente ha deciso di effettuare il rimontaggio del primo lotto delle morse in fase di anticipazione di revisione quinquennale (dalla n. 1 alla n. 6) lubrificandole con il grasso Klübersynth EM 94-102. Durante la seconda stagione invernale le morse sono rimaste in esercizio senza essere soggette ad alcuna manutenzione. Si ricorda che le morse non sono mai state immagazzinate in quanto l’impianto in questione non è dotato di un locale separato per il ricovero di tutti i veicoli. Alla fine della stagione nella quale è stata condotta la sperimentazione, si è voluto osservare lo stato di conservazione delle boccole, confrontandole con quelle del secondo lotto di anticipazione quinquennale (dalla n. 7 alla n. 12). Mentre la morsa n. 5 non presentava alcun segno d’usura, i componenti delle morse del nuovo lotto d’ispezione presentavano un elevato numero di boccole usurate e conseguentemente la maggior parte di queste è stata sostituita. Un risultato sorprendente a dimostrazione delle caratteristiche altamente performanti del prodotto che si presenta sul mercato funiviario come vera e propria soluzione per la manutenzione preventiva: minore manutenzione ed ottimizzazione dei costi per una maggiore affidabilità e risparmio economico.
www.klueber.com

Created: Mercoledì, 28 Febbraio 2018 15:19
Hits: 260
Category: Portfolio
Tags: Fiere Convegni, Impianti Di Risalita
 
Il Consiglio Direttivo dell'ANITIF del 24/02/2018 ha convocato l'Assemblea della propria Associazione a RIVA DEL GARDA (TN), presso l'HOTEL GRAND RESORT DU LAC ET DU PARK in viale ROVERETO 44
(tel.: 0464-566600 fax.:0464-566566 www.dulacetduparc.com Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) per il giorno venerdì 25 maggio 2018 ad ore 8.00 in prima convocazione ed ore 15.00 in seconda convocazione col seguente o.d.g.:

PRIMA PARTE
ASSEMBLEA STRAORDINARIA, alla presenza del Notaio dr. Piero Avella 1. Modifica dello statuto associativo

SECONDA PARTE
ASSEMBLEA ORDINARIA 2. Relazione del Presidente 3. Approvazione del bilancio ANITIF al 31/12/2017 4. Definizione delle quote associative per il 2019 5. Elezioni dei Consiglieri e dei Probiviri 6. Varie ed eventuali L’appuntamento di quest’anno è di particolare importanza, in quanto costituisce l’occasione per modificare il ns. Statuto adeguandolo ai tempi ed alle esigenze emerse negli ultimi anni di gestione dell’Associazione. Nel corso dell’Assemblea sarà presentato anche il nuovo “registro di manutenzione e controllo” digitalizzato, realizzato per gli impianti a fune su iniziativa di ANITIF, in ottemperanza ai disposti del Decreto Esercizio.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Created: Martedì, 13 Febbraio 2018 07:00
Hits: 212
Category: Portfolio
Tags: Impianti Di Risalita

Ai Giochi Olimpici Invernali di PyeongChang che si stanno svolgendo in Corea del Sud, sono moltissimi gli impianti Doppelmayr che sostengono un ruolo da protagonisti nell’ingranaggio organizzativo e logistico del grande appuntamento con i cinque cerchi. Il Gruppo austriaco di Wolfurt si era aggiudicato tutti e quattro i bandi di gara per gli impianti a fune per le sedi olimpiche di PyeongChang 2018 consolidando una partnership di lunga data che lega da molti anni Doppelmayr con la Repubblica di Corea. Dal primo ingresso in quel mercato nel 1985, il principale produttore mondiale di impianti a fune ha realizzato un totale di 64 impianti in Corea del Sud. Per supportare lo svolgimento delle gare olimpiche, sono in funzione in quattro sedi di gara 22 impianti Doppelmayr che trasportano gli atleti olimpici, le loro squadre ed i visitatori: sei al Yongpyong Resort, dove si svolgono le competizioni di slalom e slalom gigante, dieci nel Phoenix Snow Park per gli eventi di sci freestyle e snowboard, tre all'Alpensia Resort per salto con gli sci, biathlon, sci di fondo e slittino, tre al Jeongseon Alpine Center per discesa, super-G e supercombinata. Ma ecco, nel dettaglio, le tipologie di impianti Doppelmayr presenti a PyeongChang 2018 e le loro collocazioni nei diversi siti dove si svolgono le gare olimpiche

Jeongseon Alpine Centre
(discesa, super-G, supercombinata)
■ 1 cabinovia a 8 posti ad ammorsamento automatico (Downhill Gondola, 2016)
■ 2 seggiovie a 4 posti ad ammorsamento automatico (Tourist Chair and Slalom Chair, 2016)

Yongpyong Resort
(slalom, slalom gigante)
■ 1 seggiovia a 4 posti ad ammorsamento automatico
■ 2 seggiovie a 4 posti a morse fisse
■ 2 seggiovie a 3 posti a morse fisse
■ 1 seggiovia a 2 posti a morse fisse

Phoenix Snow Park
(freestyle, snowboard)
■ 1 cabinovia a 8 posti ad ammorsamento automatico
■ 1 seggio-cabinovia da 6/8 posti
■ 1 seggiovia a 6 posti ad ammorsamento automatico
■ 5 seggiovie a 4 posti ad ammorsamento automatico (Cross Lift, 2017)
■ 2 seggiovie a 4 posti a morse fisse

Alpensia Resort
(salto con gli sci, biathlon, sci di fondo, slittino, bob, skeleton)
■ 2 seggiovie a 6 posti ad ammorsamento automatico
■ 1 seggiovia a 4 posti ad ammorsamento automatico

 

Created: Mercoledì, 07 Febbraio 2018 13:48
Hits: 355
Category: Portfolio
Tags: Trasporto urbano, Impianti Di Risalita
 

Il 4 febbraio scorso Doppelmayr -l’azienda austriaca di Wolfurt- ha aperto al pubblico la funivia più lunga del mondo su tronco unico. Con una lunghezza di 7.899,9 metri, la «3S Hòn Thơm» supera di quasi un chilometro e mezzo il precedente primato detenuto dalla 3S «Fansipan Legend», anch'essa costruita in Vietnam. La linea della nuova cabinovia trifune attraversa il mare e collega le due isole per vacanze di Phú Quốc und Hòn Thơm, nel sud del Vietnam.

La cerimonia di posa della prima pietra della «3S Hòn Thơm» si era svolta all’inizio di settembre del 2015. Nel giro di due anni e mezzo è stata costruita questa funivia spettacolare nel sud del Vietnam che supera di un chilometro e mezzo il record precedente della funivia più lunga del mondo. La nuova «3S Hòn Thơm», lunga 7.899,9 metri, è un comodo mezzo di trasporto e allo stesso tempo una fantastica attrazione: la linea conduce da Phú Quốc a Hòn Thơm, sorvolando il mare. I piloni, alti fino a 164 metri, sono stati eretti anche su due isole situate tra le isole principali dedicate alle vacanze. Questo offre ai passeggeri, durante il tragitto, una vista mozzafiato. Il tempo di viaggio di soli 15 minuti è reso possibile dalla velocità di 8,5 metri al secondo. Le confortevoli cabine CWA possono ospitare comodamente 30 persone ciascuna. L'innovativo generatore nei rulli alimenta di energia elettrica l’illuminazione ed il sistema citofonico delle cabine durante la marcia. Anche il concetto di recupero sviluppato da Doppelmayr è stato integrato, garantendo la sicurezza dei passeggeri in caso di soccorso.  Le funivie con caratteristiche spettacolari come la 3S Hòn Thơm sono eccezionali anche per i montatori della Doppelmayr/Garaventa. I lavori ad altezze vertiginose, in condizioni meteorologiche estreme, soprattutto nella stagione delle piogge, sono sfide speciali che questi uomini hanno imparato a padroneggiare in modo professionale e affidabile.

La intensa collaborazione con Sun Group Corporation
Con il nuovo impianto a fune la Sun Group Corporation, committente dell’opera, contribuisce ulteriormente allo sviluppo del turismo in Vietnam. Le isole nel sud del Paese sono già una destinazione turistica popolare. La cabinovia 3S è una parte importante dell’infrastruttura. La regione si svilupperà nel prossimo futuro come un hotspot per vacanze, con una vasta gamma di attività ricreative e alloggi moderni. Sun Group Corporation, in collaborazione con il gruppo Doppelmayr/Garaventa, ha già realizzato numerosi impianti a fune, molti dei quali sono stati inseriti nel Guinness dei primati. Tra queste, la cabinovia monofune ad ammorsamento automatico più lunga su tratto unico (Bana Big Ropeway) e la funivia Ha Long Queen Cable Car con le cabine più grandi (portata 230 persone) ed il pilone più alto (188,88 metri). La «Fansipan Legend» è stata la funivia più lunga del mondo ma è ora superata dalla «Hòn Thơm».

Il sistema «a tre funi», garanzia di affidabilità
Il collaudato sistema 3S del gruppo Doppelmayr/Garaventa unisce i vantaggi delle cabinovie e delle classiche funivie a va e vieni: il sistema a 3 funi è costituito da due funi portanti ancorate fisse che fungono da «binari», e da una fune traente chiusa ad anello a cui si ammorsano automaticamente i carrelli a 8 rulli.  Questo sistema a moto unidirezionale continuo è quindi estremamente potente ed affidabile: anche in condizioni estreme, fino a 35 persone per cabina godono di una esperienza di viaggio molto confortevole. Elevata stabilità al vento, basso consumo energetico e lunghe campate sono i punti di forza inconfondibili del sistema 3S. Una velocità di viaggio fino a 8,5 m/s ed una capacità di trasporto fino a 5.500 persone all'ora per direzione sono le caratteristiche prestazionali di questo moderno impianto a fune.

LA SCHEDA
Committente Sun Group Corporation
Costruttore Doppelmayr Seilbahnen
Luogo Phú Quốc, Vietnam
Tipo di impianto Cabinovia 3S
Lunghezza inclinata 7.899,9 m
Stazioni 2
Sostegni 6
Portata oraria 3500 persone per direzione
Modello cabine Taris 3200 CWA Constructions SA/Corp.
Capacità cabine 30 persone (24 sedute e 6 in piedi)
Velocità 8,5 m/s (30,6 km/h)
Tempo di viaggio 15,6 min
www.doppelmayr.com

Created: Venerdì, 19 Gennaio 2018 10:42
Hits: 311
Category: Portfolio
Tags: Impianti Di Risalita
 

Il famoso comprensorio sciistico del Tirolo si è arricchito di una cabinovia dieci posti e di una seggiovia sei posti prodotte e installate dal gruppo di Vipiteno. Con questi due importanti interventi la località austriaca compie un grande salto di qualità sul piano delle potenzialità di risalita e perfeziona ulteriormente il progetto che i proprietari svedesi della società di gestione si sono posti: elevare il livello qualitativo della fruibilità delle piste per l’utenza e fare della loro stazione sciistica un modello di accoglienza a misura di famiglie

Se tutto andrà secondo i piani degli svedesi di SkiStar, proprietari di maggioranza della stazione sciistica, St. Johann in Tirol dovrà diventare in futuro un modello di accoglienza «family friendly». Da questa stagione, con i due nuovi impianti realizzati da Leitner ropeways, l’obiettivo è un po’ più vicino. Ammontano complessivamente a 20 milioni di Euro gli investimenti destinati alla costruzione di nuovi impianti e ad altri interventi per l’innalzamento del livello qualitativo del comprensorio. Sull’Eichenhof la modernizzazione arriva con una seggiovia 6 posti e una cabinovia 10 posti di Leitner ropeways. La particolarità del progetto risiede nel fatto che i due impianti servono zone molto diverse tra loro dal punto di vista topografico, rispondendo così contemporaneamente alle esigenze di più gruppi di utenza. Mentre la seggiovia è concepita per gli sportivi, poiché copre la parte alta della regione dell’Eichenhof con piste particolarmente impegnative, la nuova cabinovia assolve invece principalmente alla funzione di mezzo di trasporto per sciatori principianti e semplici escursionisti. «Per le nostre funivie - afferma Manfred Bader, amministratore delegato di SkiStar St. Johann -  cerchiamo sempre la soluzione in grado di soddisfare al 100% le esigenze specifiche, dalla scelta della tecnologia fino all’implementazione, che deve essere in perfetta sintonia con le nostre aspettative. E con Leitner ropeways abbiamo trovato il partner ideale». La cabinovia Eichenhof è un mezzo pratico e confortevole per accedere alla stazione sciistica soprattutto per i bambini, i principianti e le scuole di sci e inoltre, essendo situata nei pressi del parcheggio, è utile anche per coloro che intendono raggiungere facilmente a piedi il rifugio senza incontrare alcun tipo di barriera od ostacolo. Le 24 cabine, che sono in grado di trasportare fino a 1880 persone l’ora, percorrono una distanza di 904 metri con arrivo al «Granderschupf». Da lì l’accesso al cuore del comprensorio per gli sciatori esperti è reso possibile dalla nuova seggiovia 6 posti che dal «Granderschupf» sale fin sopra la vecchia stazione a monte «Eichenhof 2». L’impianto, dotato di cupole di protezione e sedili riscaldati, trasporta 2400 persone all’ora e si sviluppa per una lunghezza di 1630 metri. Grazie alla maggiore capacità di trasporto e con la fine dell’epoca in cui per salire bisognava togliersi gli sci, il gestore SkiStar prevede un aumento delle corse pro capite. Considerando anche gli altri investimenti, St. Johann si prepara quindi a vivere con grande slancio la nuova stagione invernale. SkiStar, azienda leader sul mercato scandinavo nella gestione di impianti sciistici, punta ad offrire nel centro sciistico austriaco non solo un’accoglienza il più possibile a misura di famiglia, ma soprattutto un’esperienza invernale a tutto tondo. E grazie alla più moderna tecnologia funiviaria di Leitner ropeways ci sono ora tutti i presupposti per riuscirci. Affidabilità e qualità sono stati criteri decisivi nella scelta, come spiega Per Granas, direttore tecnico di SkiStar: «Perché tutto fili liscio, è essenziale che gli impianti forniscano effettivamente nella pratica le prestazioni previste e che siano consegnati e completati nei tempi concordati. Da questo punto di vista la collaborazione con LEITNER ropeways funziona alla perfezione!»

LA SCHEDA
GD10 Eichenhof:
Lunghezza: 904 m
Dislivello: 140 m
Velocità: 5 m/sec
Capacità: 1880 p/h
Numero di cabine: 24
Numero di sostegni: 8

CD6C Eichenhof:
Lunghezza: 1.630 m
Dislivello: 445 m
Velocità: 6 m/sec
Capacità: 2.400 p/h
Numero di seggiole: 66
Numero di sostegni: 13

www.leitner-ropeways.com

Created: Venerdì, 19 Gennaio 2018 10:42
Hits: 309
Category: Portfolio
Tags: Impianti Di Risalita, Trasporto urbano
 

In Spagna l’azienda di Vipiteno ha curato l’ammodernamento della Funicular de Montjuïc, lo storico impianto del capoluogo catalano che si inerpica sul colle a sud della città, inaugurato nel 1928 in previsione dell’ esposizione universale del 1929.
Già ritoccata in occasione delle Olimpiadi estive del 1992, mezzo di trasporto fondamentale per la mobilità urbana e il turismo, la funicolare ha visto ora la ristrutturazione generale dei due vagoni, la sostituzione dei componenti elettromeccanici e delle funi, la modernizzazione dei freni nonché l’applicazione del sistema di controllo LeitControlto complessivo da parte del Gruppo su tutto il polo produttivo di circa 25 milioni di Euro

Da decenni ormai il Montjuïc, il promontorio che si erge nei pressi di Barcellona, è un luogo d’attrazione sia per i turisti sia per gli abitanti del capoluogo catalano. Alto circa 170 metri e situato a sud della città, il colle ha già ospitato l’Esposizione universale del 1929 e i Giochi Olimpici Estivi del 1992. Proprio in occasione dell’Esposizione universale, nel 1928 entrò in funzione la Funicular de Montjuïc, che oggi collega la stazione «Parallel» della linea 3 della metropolitana con l’Avinguda Miramar, sul Montjuïc, dove si trovano il Parco di Montjuïc, lo stadio e la piscina olimpionica. Per raggiungere la cima su cui troneggia il Castell de Montjuïc, la fortezza di Barcellona, si deve proseguire il viaggio con la Téléferic de Montjuïc, una cabinovia 8 posti realizzata da Leitner ropeways nel 2007. Gran parte del percorso della funicolare, il 75% circa, scorre in galleria. Ristrutturata da Waagner Biró per i Giochi Olimpici Estivi del 1992, era già allora uno degli impianti più moderni d’Europa. Da novembre 2015 ad aprile 2016 l’impianto è stato oggetto di un’opera di ammodernamento da parte di Leitner ropeways, che ha comportato la ristrutturazione generale dei due vagoni, la sostituzione dei componenti elettrici e meccanici e delle funi e la modernizzazione dei freni e dei freni d’emergenza. La funicolare è stata inoltre dotata di un nuovo sistema di controllo, il LeitControl, e di un impianto audio e video sia per i veicoli sia per le stazioni. Carlos Sanchez, direttore della funicolare e della cabinovia del Montjuïc, si dichiara soddisfatto del moderno sistema di controllo LeitControl e dice: «La caratteristica principale del LeitControl è sicuramente la quantità e la varietà delle informazioni che si possono rilevare a colpo d’occhio». I due vagoni, con una capienza di 400 persone, superano un dislivello di 72 metri su una distanza di 718 metri in meno di due minuti. Con una capacità di trasporto di 8000 persone all’ora in ciascuna direzione, la Funicular de Montjuïc raggiunge prestazioni tra le migliori al mondo. L’impianto, in funzione tutti i giorni dalle 7.30 alle 22, trasporta complessivamente 1,5 milioni di passeggeri all’anno

LA SCHEDA

Funicular de Montjuïc
Lunghezza: 720 m
Dislivello: 72 m
Velocità: 10 m/sec
Capacità: 8.000 p/h
Tempo di percorrenza: 2 min
Capienza vagoni: 400 persone/convoglio
Motori: 2x555 kW
Fune traente: Ø 50 compattata
Fune zavorra: Ø 24 compattata

 

www.leitner-ropeways.com

Created: Venerdì, 19 Gennaio 2018 10:42
Hits: 255
Category: Portfolio
Tags: Impianti Di Risalita
 

II prodotti dell’azienda di Vipiteno soddisfano i più elevati standard in termini di qualità, innovazione e funzionalità, e per garantire agli impianti prestazioni eccezionali tutti i giorni anche i ricambi devono offrire la massima affidabilità. Mai come nel settore degli impianti a fune vale quindi la certezza che i ricambi originali garantiscono ai clienti la massima sicurezza e servizi esclusivi: consulenza dedicata, qualità originale e One Stop Shopping

Per i clienti uno dei principali criteri di valutazione di un fornitore è il perfetto funzionamento dell’impianto e la riduzione dei tempi di fermo. Per questo Leitner ropeways non si limita a fornire e costruire nuovi impianti, ma garantisce tempestività e qualità dei pezzi di ricambio grazie ad un elaborato sistema e programma di gestione del servizio di assistenza, che garantisce ai clienti massima sicurezza ed affidabilità. I ricambi originali Leitner ropeways sono fatti per durare a lungo; grazie alla qualità dei ricambi quindi, insieme ad un team di assistenza altamente qualificato che conosce le specifiche di ogni singolo sistema, l’azienda di Vipiteno può offrire ai propri clienti un pacchetto di servizi davvero completo.

Si possono ridurre i costi
migliorando l’operatività
I componenti originali Leitner garantiscono ai clienti la piena conformità e la stessa qualità degli impianti cui sono destinati e permettono di ridurre al minimo i tempi di fermo-impianto e quindi i costi connessi. Un pacchetto di servizi non può dirsi completo se però non è supportato dal giusto know-how: per questo motivo il team di assistenza è formato da esperti in grado di individuare tempestivamente i problemi dei clienti e di garantire la consegna delle componenti necessarie in tempi record, in tutto il mondo, anche quando si tratta di impianti datati, per i quali Leitner ropeways garantisce nel tempo la disponibilità dei pezzi di ricambio

One Stop Shopping:
tutto da un unico fornitore
Leitner ropeways, con una gamma di prodotti e servizi personalizzati, garantisce ai clienti la massima sicurezza, a partire dai pezzi di ricambio, componenti che rispettano gli standard più severi, ma offerte ad un ottimo rapporto prezzo-qualità; componenti prodotte direttamente dall’azienda che garantiscono massima sicurezza ed affidabilità. Ma la proposta di Leitner ropeways non si ferma qui: l’azienda ha infatti sviluppato il concetto di «One Stop Shopping», un modo innovativo per garantire al cliente di avere sempre a disposizione, in maniera rapida e semplice, i ricambi necessari; è infatti possibile ordinare con un semplice passaggio qualsiasi ricambio o utensile Leitner direttamente all’azienda, senza dover ricorrere a fornitori terzi. Un ulteriore vantaggio è la capillare presenza globale, che garantisce a clienti la consegna di migliaia di componenti in tempi record in tutto il mondo; il tutto unito ad un eccellente supporto tecnico, con un team di tecnici esperti a disposizione dei clienti. Leitner ropeways è il partner d’elezione per l'acquisto di utensili e ricambi originali, anche per impianti non più nuovissimi.
Servizi moderni, massima qualità e prezzi interessanti: questa è la ricetta vincente che ha convinto anche Tomáš Markoči, responsabile tecnico del comprensorio sciistico di Tatranská Lomnica in Slovacchia: «Se abbiamo bisogno di pezzi di ricambio per il nostro impianto Leitner ropeways – dice Markoči - scegliamo sempre ricambi originali acquistati direttamente dal produttore: in questo modo possiamo essere sicuri di avere componenti di qualità, la cui sicurezza è stata testata. Questa per noi è la soluzione migliore e più conveniente, perché ci garantisce un ottimo rapporto prezzo-qualità. Inoltre, Leitner ropeways, grazie alla divisione sviluppo prodotti, è in grado di offrirci anche versioni modificate dei componenti. Per tutti questi motivi noi scegliamo esclusivamente ricambi originali Leitner».

Ricambi originali Leitner: ecco, per concludere, i vantaggi per i clienti:
• massimi standard di qualità a prezzi convenienti
• funzionamento sicuro ed affidabile dell'impianto
• one stop shopping: tutte le componenti e i ricambi Leitner direttamente dal produttore
• consegna in tutto il mondo: il giusto pezzo al momento giusto nel posto giusto
• eccellente supporto tecnico da parte del nostro personale esperto

www.leitner-ropeways.com