Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate. Inoltre utilizza cookie tecnici per migliorare la navigazione. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Gallery 3 Columns - MontagnaOnline.com

Tag: Motori Sulla Neve

Created: Giovedì, 17 Maggio 2018 16:07
Hits: 10
Category: Portfolio
Tags: Motori Sulla Neve
 

LEITWOLF: il precursore, il capofila, la leggenda
Leitwolf, un nome che richiama varie associazioni: potenza, eleganza, forza di carattere e indipendenza, un misterioso legame con la natura e una superiorità inarrivabile. Il motore: motore diesel a sei cilindri MTU con 390 kW/530 PS e coppia da 2.460 Nm, sottoposto a test severissimi. Niente è lasciato al caso, tutto è ben collaudato! Solo quando la tecnologia riesce a vincere il vento, la neve, la pioggia e il ghiaccio, quando supera il battesimo di fuoco sulle ripide pendici di montagna e quando si dimostra la migliore della classe in tutti i campi, allora è pronta per il Leitwolf. La fresa Power con spostamento parallelo brevettato fornisce prestazioni straordinarie e stile assolutamente essenziale. È «geniale» la definizione appropriata per la fresa Power, dotata di una struttura robusta e resistente che richiede una ridotta manutenzione. Allo stesso tempo realizza piste di precisione duratura con un risultato di fresatura a grana fine. Grazie allo spostamento parallelo brevettato della fresa, il Leitwolf arriva dove gli altri non possono: anche su terreni in pendenza riesce a mantenere il finisher parallelo alla direzione di spostamento.  La lama Master è un’altra componente essenziale: l'angolo di attacco bilanciato in maniera strategica consente all'ampia lama di rompere facilmente ghiaccio e neve. La forma ottimale lascia scivolare la neve più agevolmente nella lama, riducendo la potenza necessaria. Il risultato sono una maggiore forza di spinta e una migliore arrampicabilità. Su richiesta, il Leitwolf può essere potenziato con il verricello Automatic con forza di trazione di 4,5 t. La rotazione a 360° e la regolazione automatica della forza di trazione del verricello garantite da Prinoth parlano da sé.
Capitolo comfort e design: per Prinoth le esigenze dei conducenti sono importanti. Sul Leitwolf il sedile in posizione centrale consente la massima visibilità; grazie al display a colori da 8,4" tutte le informazioni importanti sono a vista d'occhio; e il joystick multifunzione consente di controllare con una mano tutte le funzioni primarie del veicolo. Inoltre, un veicolo sportivo ha bisogno di quell'eleganza dinamica che solo un designer esperto può conferirgli, sia sulla strada che sulla neve. Pininfarina disegna veicoli per Ferrari, Maserati... e anche per Prinoth. Il Leitwolf ha dimostrato il suo valore sulle piste di tutto il mondo e si è conquistato la fiducia dei comparti sciistici più prestigiosi. La sua tecnologia abbondantemente collaudata e ricercata convincerà qualsiasi scettico. Un Leitwolf  non fa mai promesse vuote: solo affermazioni chiare.

X - COMMUNITY: la più vasta rete di snowpark al mondo
Gli snowpark più belli, le costruzioni più emozionanti, le performance più spettacolari, le esperienze più divertenti: la community Prinoth di snowpark è come una grande famiglia che cresce sempre di più! Si chiama  X-Community ecomprende professionisti esperti, dotati sia di un sesto senso per le esigenze degli atleti professionisti e amatoriali sia delle conoscenze tecniche necessarie.
I veicoli Bison X e  Leitwolf X sono stati concepiti specificamente per gli snowpark. Con il loro efficiente sistema di comando, i veicoli X Prinoth possono far fronte alle più elevate esigenze in termini di precisione nella preparazione della neve: un controllo joystick-in-joystick, in combinazione con un sistema idraulico multifunzione, consente il comando contemporaneo di tutte le funzioni importanti. Grazie alla maggiore libertà di manovra di lama e fresa e all’elevata manovrabilità e precisione delle macchine, è possibile costruire le features con grande efficienza ottenendo parchi di massima qualità. Durante la progettazione dei parchi e dei terreni vengono raccolti dati in 3D, che vengono poi adattati a ogni comprensorio sciistico e alle esigenze del cliente. Tali dati possono essere facilmente riversati nel sistema di misurazione della neve di Prinoth/Leica Geosystems. I conducenti di battipista possono così visualizzare i dati direttamente sul display installato nel veicolo, risparmiando tempo e denaro e garantendo inoltre precisione ed efficienza nella costruzione e manutenzione quotidiana del parco. Un vantaggio unico nell’intero settore!Per la gestione ottimale di una risorsa come la neve, i veicoli Prinoth possono essere equipaggiati con il sistema digitale di misurazione dell’altezza del manto nevoso di Leica Geosystems. In tal modo il conducente può visualizzare sul monitor installato a bordo l'esatta altezza del manto nevoso nonché il profilo del terreno in tempo reale.

I CINGOLI:  veri guerrieri sul fronte della neve
I cingoli Prinoth non hanno eguali al mondo: offrono la gamma più completa e collaudata di tutto il settore e possibilità di impiego illimitate su tutta la linea! Prinoth è sinonimo di pista perfetta: per ottenere ciò servono strumenti di lavoro eccellenti con cingoli altrettanto eccellenti per le condizioni di neve più diverse. I cingoli Prinoth sono un grande classico, i più usati e affidabili sul mercato internazionale.  Si prestano particolarmente alle condizioni più difficili, pur essendo al contempo i più longevi e di più facile manutenzione. I cingoli in acciaio sono dei talenti a tutto tondo e vengono offerti con profilo aperto e chiuso, a seconda delle speciali esigenze in termini di trazione. La cerniera nastri cingolo a sovrapposizione, inoltre, agevola l'utilizzo e rende la manutenzione dei cingoli ancora più semplice.
I longevi e versatili cingoli in alluminio Prinoth sono la soluzione ideale per la neve farinosa. Si distinguono per elevata arrampicabilità e manovrabilità. Anche in questo caso la cerniera nastri cingolo a sovrapposizione semplifica l'utilizzo e agevola i lavori di manutenzione. Nella gamma Prinoth non mancano i cingoli «4 stagioni» che, rispettosi del suolo, sono particolarmente adatti in caso di ridotte quantità di neve. Utilizzabili in qualsiasi stagione, sono ideali anche per il trasporto di persone o materiali, in particolare nelle aree in cui il veicolo deve spesso attraversare la strada.
Oltre ai cingoli in acciaio, in alluminio e i «4 stagioni», anche i cingoli Gamskette offrono vantaggi speciali. Questi cingoli si distinguono per elevata arrampicabilità e massima manovrabilità, oltre a convincere grazie alla loro longevità ed efficienza. Grazie alla cerniera nastri cingolo a sovrapposizione, anche questi soddisfano i fondamentali criteri Prinoth: facile utilizzo e ridotti lavori di manutenzione. Così tante caratteristiche positive non rimangono inosservate. Per questo i cingoli Prinoth rappresentano la soluzione più utilizzata e affidabile nel mercato internazionale. Così questa vasta offerta diventa la prima scelta per tutti coloro che vogliono solo il meglio in pista.

SNOW HOW: tecnologia ai massimi livelli per una gestione efficiente dei «gatti»
Grazie al vantaggio tecnologico di Prinoth, i gestori dei comprensori sciistici e i conducenti dei battipista possono concentrarsi completamente su ciò che conta davvero. Efficienza sulle piste, massime prestazioni e utilizzo ottimale delle condizioni della neve. Il software SnowHow comprende il sistema di misurazione dell’altezza della neve di Leica Geosystems e il nuovo software di Prinoth per la gestione della flotta. Queste innovative soluzioni software permettono un risparmio fino al 20% dei costi e un aumento dell’efficienza fino al 15%.
Misurazione altezza neve: grazie al moderno sistema di misurazione dell’altezza del manto nevoso, la cabina di guida dei battipista Prinoth diventa una centrale di comando esclusiva. Già nella fase di sviluppo l’attenzione è stata focalizzata sul collaudo da parte di conducenti nei comprensori sciistici di numerosi paesi, nonché sulla cooperazione con i migliori partner in termini tecnologici. Così Prinoth, in collaborazione con Leica Geosystems, offre il sistema di misurazione del manto nevoso più preciso al mondo. A tal fine, l'azienda lavora a stretto contatto con i clienti per sviluppare il programma e migliorarlo. Nasce così una tecnologia di ultima generazione che non soltanto fornisce valori precisi e completi per una maggiore produttività, ma è anche facile e intuitiva da utilizzare. Questa vicinanza alle persone che lavorano quotidianamente in pista garantisce il giusto focus. Prinoth si basa su programmi ben concepiti che tengono testa alle particolari condizioni di lavoro in montagna e ottimizzano la gestione della flotta nel suo complesso, facendo segno su tre aspetti: la minimizzazione dei costi, l’efficienza delle operazioni di lavoro e l'elevata qualità della gestione della neve. 
Il sistema di «fleet management» globale di Prinoth è un sistema di localizzazione e trasmissione dei dati per battipista di qualsiasi marca e per l'intero parco veicoli di un impianto sciistico. La nuova dimensione nella preparazione delle piste e nella gestione della neve si basa sulla massima qualità dei dati. Le informazioni relative ai movimenti della neve, l’efficienza del veicolo, il consumo di carburante e molto altro, indicate direttamente sullo schermo e che possono essere trasmesse in formato digitale, permettono un risparmio dei costi del 20% e un aumento dell’efficienza fino al 15%. L’innovativo SnowHow di Prinoth è il software che entusiasma e che convince dove conta davvero: nei lavori quotidiani in pista, a prescindere dalle condizioni. Con un’unica interfaccia utente, è possibile visualizzare a proprio piacimento la misurazione dell’altezza della neve, il fleet management e gli impianti di innevamento. Così la gestione delle piste giunge in una nuova era digitale.

TRAINING: formazione d’eccellenza per i conducenti professionali
La sfida per i comprensori sciistici diventa sempre più grande. I costi continuano ad aumentare ma non possono essere trasferiti al cliente in egual misura. In questo contesto è fondamentale un uso efficiente dei battipista. E proprio per questo uso Prinoth ha sviluppato un concetto di formazione e training che non potrebbe essere più personalizzato. Non importa dove, la pista perfetta risulta dall’interazione tra uomo e macchina. Il training teorico e pratico per conducenti Prinoth spiega le funzioni più avanzate delle macchine high-tech e dimostra il loro potenziale sul posto. Le esigenze del cliente sono sempre al primo posto: La formazione viene adeguata al grado di conoscenza del conducente, ai requisiti del comprensorio sciistico e al veicolo disponibile, indipendentemente dal tipo di veicolo e dal suo costruttore. Le funzioni della macchina, le particolarità del terreno e le diverse condizioni della neve vengono spiegate e testate insieme. Che si tratti di formazione di base o avanzata, il corso tenuto dal nostro esperto team di formazione Prinoth ottimizza l’impiego di conducenti e veicoli, anche in fatto di sostenibilità e sicurezza sulla pista. La formazione si concentra su:
l know-how: uso e manutenzione
l speciali caratteristiche tecniche: suggerimenti e trucchi
l ottimizzazione dei processi lavorativi: incremento dell’efficienza e dell’efficacia
l tutela dell’uomo e dell’ambiente: sicurezza e sostenibilità
Con oltre 50 anni di esperienza nella preparazione di piste, costruzione di park in occasione di numerose manifestazioni agonistiche e grandi eventi, il team di training Prinoth garantisce un trasferimento ottimale di conoscenze e abilità ai conducenti per una perfetta realizzazione di qualsiasi pista, in modo personalizzato, intensivo e competente.

Il vostro referente: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Created: Giovedì, 17 Maggio 2018 12:25
Hits: 8
Category: Portfolio
Tags: Motori Sulla Neve
 

Andre Huter, proprietario Mount St. Louis Moonstone, Canada
«Abbiamo acquisito SNOWsat per la stagione 2017/2018. Quello che mi piace particolarmente di SNOWsat è che creiamo una traccia migliore e sono più efficienti. Una situazione "win-win" vantaggiosa per i nostri clienti e la nostra organizzazione!»

Grazie alla nuova applicazione «ToDo», il sistema satellitare di gestione della flotta e della misurazione della neve in dotazione ai PistenBully si è arricchito di una utilissima funzione con la quale squadre di soccorso o responsabili piste possono prendere nota direttamente delle mansioni quotidiane nel comprensorio sciistico, associarvi data e ora e creare un ordine di lavoro abbinato ad un preciso operatore o ad una certa macchina. Senza dimenticare nulla ed eseguendo puntualmente ogni lavoro. In più, ogni squadra, sa sempre di cosa deve occuparsi

La tempesta della notte passata ha spazzato via alcuni recinti. In alto, sotto la vetta, la pista è molto gelata. E, mentre saliva con la seggiovia, il responsabile piste ha appena visto uno sciatore andare a sbattere contro un segnale a bordo pista. Nessun problema. Smartphone alla mano, prende nota anche di questo lavoro sul suo cellulare, dove sono già registrate anche tutte le altre «cosucce» da sbrigare nell'arco della giornata. Se possibile, inserisce subito anche chi e quando deve eseguire il lavoro. E prende nota dell'ubicazione, come nel caso del tappeto di protezione scivolato via dal cannone da neve n. 76. Ha giustappunto avvertito un maestro di sci del pericolo. I suoi colleghi addetti al controllo delle piste e il responsabile innevamento fanno lo stesso. Tutti quanti girano tutto il giorno per il comprensorio sciistico e scoprono in continuazione che c'è qualcosa da riparare, spostare o montare.  Non appena un operatore avvia il suo PistenBully, o quando entra nella zona coperta dal WiFi, il server trasmette automaticamente al veicolo le sue mansioni. Gli operatori possono così eseguire puntualmente i compiti assegnati. È finita l'era dei foglietti o dei «qui c'era ancora qualcosa da fare, ma cosa?»: tutte le mansioni sono visualizzabili a bordo-veicolo, incluso il loro stato attuale. La funzione è particolarmente utile quando si lavora su due turni, perché non c'è più bisogno di perdere tempo col passaggio di consegne. Il secondo operatore vede subito quali sono gli incarichi assegnati al suo PistenBully e se sono già stati eseguiti o meno. Così, non appena ha finito di ricoprire di neve fresca e di preparare il punto gelato in vetta, mette un segno di spunta. Il suo capo, in ufficio, vede che il pericolo è scongiurato. Nel frattempo l'innevatore avvisa direttamente via smartphone, non appena ha finito di fissare di nuovo il tappeto sul cannone da neve.  Con «ToDo», SNOWsat offre a tutti uno strumento semplice di grande effetto. Tutti sono informati. Tutti sono aggiornati nello stesso momento. Grazie al login personale, ogni operatore sa esattamente quali sono gli incarichi che gli competono, o che competono a un determinato veicolo (ad esempio lo spostamento di alcuni elementi del park) indipendentemente da chi oggi manovra quella macchina.  In base alle condizioni meteo vengono mostrati gli «Standard Tasks»: in realtà tutti sanno cosa c'è da fare dopo una forte nevicata, ma adesso i lavori vengono visualizzati a tutti gli operatori e non si corre più il rischio di perdere un pezzo per strada, soprattutto quando si lavora a ritmo frenetico.  SNOWsat ToDo semplifica e rende perfetta la comunicazione nel comprensorio sciistico. Capirsi meglio significa poter pianificare meglio e contribuire in forte misura ad una maggiore efficienza e ad una preparazione impeccabile della pista.

www.pistenbully.it

Created: Giovedì, 17 Maggio 2018 12:25
Hits: 12
Category: Portfolio
Tags: Motori Sulla Neve
 

In tutto il mondo è in aumento la domanda di operatori qualificati nel settore della preparazione delle piste. Ma non sempre chi è alla ricerca di un percorso di formazione trova interessanti i corsi tradizionali. È in contante aumento la richiesta di una maggiore flessibilità, con orari elastici e unità didattiche brevi da poter inserire tra le proprie attività quotidiane, ovunque ci si trovi in quel momento. Quale risposta migliore se non la creazione di un training ProAcademy online per principianti?

Ingresso nel mondo dell'operatore di battipista
Secondo Florian Profanter, (nella foto sotto) la ProAcademy dovrebbe offrire i suoi corsi ovunque vi siano battipista in servizio. In qualità di responsabile dell’accademia, è convinto che l’addestramento in loco fornisca ad operatori e operatrici una formazione di massimo livello. Che fare però quando non è possibile essere presenti fisicamente in tutti i comprensori sciistici? La soluzione: lezioni teoriche digitali su una piattaforma didattica intuitiva cui collegarsi via Internet. Del resto, tutti ormai possiedono uno smartphone, un tablet o un PC.

Paese che vai, piste che trovi
I compiti della ProAcademy sono molteplici ed emozionanti. Non si tratta soltanto di superare barriere linguistiche e linee internazionali del cambio di data. L’accademia deve considerare anche le metodologie specifiche di ogni Paese nella preparazione delle piste. Con l’ausilio della moderna learning technology, Europa, Scandinavia, Russia, Nord America, Asia ed emisfero meridionale potranno ricevere importanti contenuti didattici.
Il training online

«Preparazione delle piste per principianti»
Ogni membro del team vanta una profonda esperienza nella prepara- zione delle piste, ad esempio come ex responsabile tecnico di un comprensorio sciistico o come operatore di batti- pista ai Giochi Olimpici. Tutti insieme, gli istruttori della ProAcademy dispongono di un grande bagaglio di conoscenze che non vogliono certo tenere per sé. I training multimarca per principianti si possono fare in qualunque momento e forniscono le competenze di base su veicolo, operatore e piste. I contenuti del corso spaziano dagli aspetti tecnici del funzionamento di un battipista alle sue corrette modalità d’uso. Particolare attenzione è riservata ad uno stile di guida parsimonioso e rispettoso della macchina e dell’ambiente e all’uso sicuro del veicolo. Il corso è quindi molto simile alle lezioni di teoria di una scuola di guida.

A chi si rivolgono i corsi online per principianti?
Chi si vede bene nei panni di operatore/operatrice di battipista, con il corso teorico va sul sicuro. Qui infatti vengono poste le basi per la carriera professionale: i partecipanti che superano l’esame ottengono un attestato che li abilita a frequentare il successivo training pratico. Il corso teorico è la scelta giusta anche per chi nutra semplicemente interesse per i batti- pista o desideri rinfrescare la propria preparazione. Se ci sono al momento altri progetti per la ProAcademy? La risposta è sì. In tempi non troppo lontani, Florian Profanter e il suo team intendono offrire il programma di training non soltanto ai principianti ma anche agli operatori esperti. Staremo a vedere cosa ci porta il futuro!
www.pistenbully.it

Created: Lunedì, 14 Maggio 2018 09:19
Hits: 20
Category: Portfolio
Tags: Motori Sulla Neve, Fiere Chiusura Stagione 2018
 

Superclass 1.2L VVT 12V: il trionfo della «piccola star»

Da quando è stata presentata in anteprima all’Interalpin 2017, la motoslitta bicingolo «compatta» dell’azienda vicentina ha mietuto consensi e vendite in Italia e nel mondo. Riproposta quest’anno al Moutain Planet,  si è confermata la «top model» di una scuderia che propone una vasta gamma di macchine per ogni esigenza di lavoro sulla neve

Per Alpina, l’azienda vicentina dei fratelli Vedovato che produce motoslitte, la stagione 2017/18 è stata più che positiva, sia in termini di fatturato che di stipula di nuovi accordi commerciali. Degno di nota il nuovo contratto di distribuzione per il Canada, un mercato in forte espansione che fino ad ora era curato da un distributore unico per il Nord America con base in Vermont (USA) e che inevitabilmente ha necessitato di un ricollocamento della sede in British Columbia per soddisfare adeguatamente il forte incremento di lavoro. Soddisfacente comunque anche il mercato  nazionale con il costante rafforzamento della presenza del marchio Alpina lungo tutto «lo stivale».  Dalla prima presentazione all’Interalpin 2017, la «piccola» bicingolo Superclass 1.2L VVT 12V è divenuta una vera «top-model» tenuta costantemente sotto i riflettori del mercato per le sue ricercate soluzioni tecniche, il design attraente e pulito e, non ultimo, l’ottimo rapporto qualità / prezzo.
L’intera produzione destinata all’inverno appena concluso è stata venduta con ampio anticipo rispetto agli obiettivi fissati, e l’attuale portafoglio ordini registra numerose prenotazioni per consegne che inizieranno già a partire dalle prime settimane di giugno. Ma quel che più conta è il positivo il giudizio espresso dal mercato dopo la prima stagione di vendite, con gli utilizzatori unanimemente soddisfatti sia nell'impiego per il trasporto di persone / materiali, sia nell'impiego per la battitura e la gestione delle piste da sci di fondo, a conferma di quel carattere spiccatamente professionale che contraddistingue Superclass alla pari di tutte le macchine Alpina. L’ultima «star» e le altre macchine della scuderia vicentina non hanno mancato di farsi apprezzare nelle fiere di settore. Come di consueto, ad inizio novembre Alpina era già presente al salone internazionale della motoslitta «KelkkaMessut» di Rovaniemi in Lapponia (punto di riferimento non solo per i visitatori provenienti dai mercati scandinavi e baltici ma anche per numerosi operatori provenienti da Europa e Russia) dove è stata presentata al mercato locale la nuova Superclass 1.2L VVT 12V, riscuotendo entusiastici apprezzamento che in taluni casi hanno creato simpatiche situazioni di sovraffollamento all’interno dello stand. Presenza obbligatoria anche al Moutain Planet di Grénoble in Francia, che ha coronato nel miglior modo la chiusura della più che positiva stagione invernale, tanto da impegnare il distributore francese presente allo stand Alpina ad effettuare alcune dimostrazioni fuori programma, complice l’ancora abbondante presenza di neve in montagna. Il cospicuo portafoglio-contatti raccolto in fiera, tra cui diverse ski-area di spicco e qualche importante ente governativo Francese, conferma le già ottime prospettive per l’avvio della prossima stagione invernale e in generale per il proseguo dei programmi commerciali. Oltre al citato lancio della nuovissima Superclass 1.2L VVT 12V avvenuto per i mercati del Nord Europa nella sede del KelkkaMessut di Rovaniemi, nella medesima occasione era anche stato presentato il nuovo apparato fresa-battipista D-180 destinato sia ad un mercato di nicchia quale la battitura dei percorsi turistici da sled-dog (diffusi soprattutto in Lapponia), ma anche la tracciatura dei più popolari sentieri pedonali e dei circuiti per fat-bike. Facilmente utilizzabile al traino di Sherpa o Superclass, il D-180 ricalca sostanzialmente lo schema del fratello maggiore D-250 (altrimenti noto come F-250 se dotato di tracciapista per la tecnica classica), ma con una larghezza operativa standard di 180 cm, che si riduce a poco più di 100 cm con i finisher laterali sollevati. Caratteristica che lo rende particolarmente maneggevole e idoneo alla battitura dei percorsi più tortuosi e all’interno delle foreste. Con questi prodotti Alpina è saldamente presente in un mercato esposto altalenanti andamenti. È fuor di dubbio che, come per la maggior parte delle attività del comparto invernale, anche Alpina in passato abbia risentito del «fattore neve» il quale comunque, a dispetto dei catastrofisti, ha le sue naturali ciclicità tanto in positivo che in negativo. Così se una valutazione oggettiva nel breve termine non potrebbe apparire particolarmente indicativa proprio a causa della altalenanza degli ultimi inverni, nel medio e soprattutto nel lungo termine è evidente quel trend di crescita che da decenni è la linfa che alimenta tutti i programmi di investimento e di sviluppo di Alpina in ambito strutturale, commerciale e dei nuovi progetti. E in quanto a nuovi progetti, Alpina ne ha in serbo alcuni destinati a breve a far molto parlar di sé.
www.alpina-snowmobiles.com

Created: Lunedì, 14 Maggio 2018 09:19
Hits: 14
Category: Portfolio
Tags: Motori Sulla Neve, Fiere Chiusura Stagione 2018
 

Festival delle novità nella famiglia PistenBully

Al MountainPlanet di Grenoble, l’azienda tedesca di Laupheim ha presentato ufficialmente al mondo il nuovo modello di battipista «600», il nuovo training online di ProAcademy e le nuove funzionalità di Snowsat

Anche quest'anno Kässbohrer Geländefahrzeug AG ha presentato numerose innovazioni al salone Mountain Planet di Grenoble, dove il suo megastand è stato tra i più frequentati oltre che tra i più estesi.  Tra queste il nuovo PistenBully 600, il training online della ProAcademy e le novità di Snowsat. Il nuovo PistenBully 600 ha destato grande ammirazione da parte dei visitatori professionali della fiera. Si tratta di un battipista che concentra tutte le più avanzate tecnologie in materia di preparazione delle piste da sci e applica le potenzialità operative di ben 16 nuove soluzioni costruttive brevettate. La nuova macchina è ormai in circolazione in tutto il mondo e sta raccogliendo grandi consensi presso i clienti dell’azienda di Laupheim. Tra le sue principali caratteristiche spiccano la logica di comando, che è la più innovativa ed intuitiva tra le soluzioni sul mercato, e la migliore arrampicabilità e capacità di spinta del settore. Carro, assi, elettronica e logica di comando sono nuovi e corredati di un gran numero di brevetti, freschi di deposito. È inoltre il primo battipista al mondo a soddisfare i requisiti antinquinamento EU V. A Grenoble è stato presentato anche il nuovo training online della ProAcademy, la prima accademia online al mondo per la preparazione delle piste. A chi si rivolgono i corsi online per principianti? A chiunque si veda bene nei panni di operatore professionale di PistenBully. Il training pone infatti le basi per questo tipo di carriera lavorativa. Ai blocchi di partenza anche le nuove funzionalità di Snowsat. Il sistema satellitare di gestione delle flotte di battipista e di misurazione dello spessore del manto nevoso continua a mietere successi commerciali con la sua formula che garantisce alle società di gestione delle skiarea più fatturati riducendo i costi e l’impatto ambientale. Non c'è dunque da stupirsi che il sistema di gestione della flotta e delle piste di PistenBully venga utilizzato in tutto il mondo e abbia ormai conquistato la leadership internazionale nel settore.  Particolare consenso hanno raccolto le nuove funzionalità di Snowsat, come Snowsat «ToDo» o la visualizzazione della profondità della neve sulla lama.  Come sempre Mountain Planet annuncia la fine di una stagione, ma le innovazioni e i colloqui con i clienti, acquisiti o potenziali, spingono la Casa tedesca a guardare con trepidazione al prossimo inverno, che di sicuro promette ancora più novità di quello passato.
www.pistenbully.it

Created: Lunedì, 14 Maggio 2018 09:19
Hits: 18
Category: Portfolio
Tags: Motori Sulla Neve, Fiere Chiusura Stagione 2018
 

Il piacere dell'innovazione, la certezza dei risultati

Il marchio di battipista del gruppo Leitner non ha mancato di essere protagonista al Mountain Planet di Grenoble con un stand sempre gremito di visitatori dove sono stati esposti i gioielli della sua produzione,  dal «leader» Leitwolf  al  Bison, all’Husky. Senza dimenticare «SnowHow», il software di gestione che garantisce precisione e risparmio nel lavoro di battitura delle piste

Nella vetrina di Mountian Planet a Grenoble, Prinoth ha presentato i suoi battipista, la più vasta gamma di cingoli e soluzioni software pionieristiche per alleggerire il lavoro in pista. I battipista e i veicoli cingolati multiuso del marchio Prinoth si impongono per massima produttività, sostenibilità, efficienza e un design solido. Con il Leitwolf, il  marchio leader di innovazione e tecnologia dispone del miglior battipista al mondo. Il Leitwolf non ha rivali tra i battipista: il suo collaudato motore diesel a sei cilindri MTU assicura 530 CV (390 kW) e 2.460 Nm di coppia, garantendo forza, sicurezza e massima efficienza anche in condizioni estreme. Grazie ai cingoli di 4,5 metri di larghezza che offrono un’elevata superficie di appoggio, il Leitwolf garantisce le massime prestazioni in termini di resa di superficie battuta e arrampicabilità. Il Leitwolf X è la versione del Leitwolf pensata apposta per i park, caratterizzata da una maggiore area di movimento di lama e fresa. Grazie alla possibilità di regolare la superficie di appoggio, Leitwolf e Leitwolf X garantiscono risparmio di tempo, massima resa di superficie battuta e consumi ridotti: un combinato di potenza e sostenibilità, conforme alla nuova normativa sui gas di scarico «Stage IV/Tier 4 final». Prinoth punta su tecnologie collaudate per offrire a ogni cliente autentici vantaggi e agevolarne il lavoro. Solo Prinoth vanta il brevetto per lo spostamento parallelo della fresa, nonché un sedile centrale unico nel suo genere per una visuale perfetta. La fresa Power e il verricello Automatic, ovviamente con regolazione automatica della forza di trazione del verricello e rotazione illimitata a 360°, sono solo alcuni esempi che rendono Prinoth la scelta ideale.  Per funslope, snowpark, piste di cross o piste il modello Bison può fare davvero tutto, grazie alla sua ottima manovrabilità, con una lunghezza totale di 8.848 mm e una larghezza di lavoro di 4.216 mm, e al potente motore Caterpillar C9.3 da 406 CV (298 kW) e 1.726 Nm di coppia. Caratterizzato da dimensioni e prestazioni ottimizzate per la realizzazione e la costruzione di snowpark, il Bison è conforme alla nuova normativa sui gas di scarico «Stage IV/Tier 4 final», e garantisce consumi ridotti, massima flessibilità e forza di spinta. Nel Bison X l’estrema manovrabilità di lama e fresa, ottimizzate per l’applicazione park, l’innovativa lama per i park con i frantuma-ghiaccio e le dotazioni speciali come inclinometro, distanziometro, DAB radio e Bluetooth permettono di costruire park, jump, step, pipe, line sempre perfetti! Per Prinoth è importante non solo la precisione del lavoro, ma anche la sicurezza e il comfort; per questo il sedile di guida è posizionato centralmente nella cabina di guida del Bison / Bison X in modo da garantire massima visibilità durante le operazioni. Completano la dotazione di guida la tecnologia Sliding Seat, il joystick multifunzione e il display a colori digitale da 8,4". Comodo, preciso, sicuro: il BISON offre le migliori condizioni per progettare con creatività park e piste perfette. Il Bison X, con Leitwolf X compone la Prinoth X Community, la rete più ampia del mondo di costruttori e designer di snowpark nella quale know how e precisione nell'implementazione svolgono un ruolo estremamente importante È solo grazie all'intesa tra uomo e macchina che si ottiene lo snowpark perfetto e Prinoth si avvale di partnership consolidate con esperti del settore. Husky, il «piccolino», eclettico, agile ed efficiente, ha una larghezza di lavoro di 5110 mm x 2445 mm x 2655 mm e un motore a 4 cilindri da 231 CV (170 kW) e 900 Nm di coppia fanno di HUSKY un concentrato di potenza estremamente flessibile. Conforme alla nuova normativa sui gas di scarico «Stage IV / Tier 4 final» garantisce ridotte emissioni che, unite ad un’eccezionale manovrabilità, lo rendono perfetto sia per i piccoli comprensori sciistici che per l’impiego indoor, oltre che per la preparazione di piste da fondo e per motoslitta. Ma non solo: l’Husky è perfetto anche per il trasporto di materiale e persone su qualsiasi terreno. E poi c’è da parlare dei cingoli  Prinoth che non hanno eguali nel mondo: offrono una gamma completa e collaudata di cingoli in tutto il settore e possibilità di impiego illimitate su tutta la linea! Prinoth è sinonimo di pista perfetta - per ottenere ciò servono strumenti di lavoro eccellenti con cingoli altrettanto eccellenti per le condizioni di neve più diverse. I cingoli Prinoth sono i più usati e affidabili sul mercato internazionale. Come sempre più affidabile e urtilizzato è il software SnowHow di Prinoth che comprende il sistema di misurazione dell’altezza della neve di Leica Geosystems e il nuovo software di di «fleet management». Tutte le informazioni che possono essere trasmesse in formato digitale, come i movimenti della neve, l’efficienza del veicolo, il consumo di carburante e molto altro, possono essere visualizzate su un'unica piattaforma molto intuitiva. Grazie a un software compatibile, è possibile disporre anche di un’interfaccia per gli innevatori artificiali.
www.prinoth.com

Created: Lunedì, 14 Maggio 2018 09:19
Hits: 16
Category: Portfolio
Tags: Motori Sulla Neve, Fiere Chiusura Stagione 2018
 

Tecnologia e alte prestazioni per tutte le sfide sulla neve

La gamma di motoslitte utility e leisure della Casa giapponese è stata progettata e prodotta per rispondere a tutte le esigenze di chi pratica in inverno le più varie attività, dalle più impegnative prestazioni di servizio alle missioni di soccorso, dal trasporto al piacere delle escursioni motorizzate in neve fresca

Per la grande Casa giapponese il business che ruota intorno al «mondo neve», come risaputo, rimane di per sé imprevedibile per via della stagionalità corta e della variabile meteo. Tuttavia la stagione 2017/2018 appena conclusa è stata positiva. La presenza prolungata della neve nelle aree dei vari comprensori sciistici ha permesso buoni risultati dal punto di vista commerciale sia per i mezzi utility sia per quelli leisure. Il modello Viking II Eps ad iniezione ha confermato la sua forte presenza nel mercato dei mezzi utility offrendo confort e affidabilità ai massimi livelli. Si tratta di un modello carismatico, noto per le prestazioni e il comfort di riferimento, che adotta l'Electric Power Steering e ricalibra la geometria delle sospensioni anteriori, confermandosi come la migliore motoslitta utility al mondo. Il motore da 1049 cc con iniezione elettronica, con coppia e potenza da vendere, è abbinato a uno speciale setting della trasmissione per una marcia fluida, trasporti facili e una spinta che sembra non finire mai. La configurazione unica di motore e airbox ha consentito di disegnare l'intera motoslitta, dal cofano anteriore alla sella, fino al serbatoio e al parabrezza, rispettando l'ergonomia e il comfort del pilota. Inoltre il rinvigorimento della gamma Sidewinder, grazie al modello M-TX 162, l’ammiraglia del segmento Mountain, dalle grandi prestazioni e massimo divertimento in sella, ha riscosso grande successo fra i clienti più sportivi. Questa motoslitta muscolosa, forte sulla neve fresca è fatta della materia dei sogni per chi ama la guida sulla neve. Il vertice reale della tecnologia delle motoslitte, in una confezione mozzafiato che regala prestazioni eccezionali. L'ammiraglia della gamma SideWinder non è solo apparenza, ma mantiene davvero le promesse, col rivoluzionario motore turbo Genesis 190 da 998 cc che eroga valanghe di coppia e potenza. Le prestazioni d'eccellenza, perfettamente accoppiate con il telaio Mountain, le sospensioni, gli sci e il cingolo, danno come risultato un mezzo impressionante, tutto da godere.
Con proposte come queste, ispirate all’avanzamento tecnologico e all’affidabilità, l’andamento del mercato Snowmobile 2017/2018 per Yamaha è stato positivo grazie alla stagione «lunga» e al meteo favorevole con abbondanti nevicate. Il buon risultato stagionale è stato possibile anche grazie all’esperienza dei nostri concessionari presenti nel territorio e al sentiment dei nostri clienti affezionati. «Possiamo quindi affermare – dicono i dirigenti -  che stiamo vivendo un momento di crescita generale sia per gli operatori del settore sia per tutto l’indotto che ne ruota attorno». Yamaha crede in questo mercato e per questo per la stagione 2018/2019 sono previste importanti novità…
www.yamaha-motor.it

Created: Lunedì, 05 Giugno 2017 04:57
Hits: 609
Category: Portfolio
Tags: Motori Sulla Neve
 

Si è ulteriormente allargata la gamma di cingoli per ATV della Camso, l’azienda canadese i cui prodotti sono importati in esclusiva per l’Italia dall’azienda di San Vendemiano (Treviso) fondata da Piero Toffolatti. Ai già collaudatissimi modelli protagonisti da anni sul mercato, si aggiungono il «piccolo» R4S dedicato agli ATV/quad con cilindrata fino ai 500 cc. e neve non molto alta, e il DTS 129, rinnovato con migliorie che lo rendono ancora più performante nel trasformare le moto off road in moto da neve


RF Moto, Via Venezia 24, San Vendemiano (Treviso): se cercate ATV (All Terrain Vehicle) e UTV (Utility Task Vehicle), quad, side bye side, macchine nuove di pacca o usate o da noleggiare, di tutte le migliori marche; se siete amanti della libidine di scatenare cavalli nel fango o sulla neve; se avete bisogno di mezzi adeguati per lavorare nel bianco e nel gelo dell’inverno, questo è l’indirizzo giusto dove trovare tutto il meglio del meglio di quello che cercate. Il padrone di casa si chiama Piero Toffolatti, uno che va in estasi non appena sente il rombo di un motore. Ha fondato l’azienda nel 2000 e da allora non ha smesso di ampliare e perfezionare la propria offerta commerciale in cui spicca l’importazione dei cingoli prodotti dalla Camso (ex Camoplast), l’azienda canadese leader mondiale in questo particolare segmento produttivo che Toffolatti ha conquistato con la sua passione e la sua competenza riuscendo a conquistare l’esclusiva di commercializzazione per l’Italia. Tra i cingoli Camso ricordiamo i già ben noti, ATV T4S (cingoli 4 stagioni per quad 4x4 di tutti i marchi più comuni nel mercato) che rimangono sempre il miglior prodotto sul mercato con prestazioni eccellenti in tutte le condizioni di neve, fango, disgelo e terreni difficili  e gli UTV 4S1 (cingoli per side by side) rinnovati completamente la scorsa stagione in struttura e componentistica ancora più robusta,. L’UTV 4S1 porta il vostro Side by Side dove non si sarebbe mai pensato di arrivare. Per lavoro, trasporti, traini ed hobby con questi cingoli  i veicoli si possono utilizzare in inverno come in estate. Ma le novità non mancano. Sono stati introdotti di recente due nuovi prodotti mirati. Il primo, riguardante sempre i mezzi ATV, è il cingolo più piccolino R4S destinato agli ATV /quad di piccola cilindrata fino ai 500cc. Inoltre la Camso, analizzando il mercato e valutando che il 60% dei quad è compreso nella fascia dai 300 ai 570cc (comprendendo anche un vasto parco usato) ha ideato ed introdotto un nuovo sistema di cingoli 4 stagioni: R4S è stato progettato per loro, per piccoli spostamenti  e neve non troppo alta. R4S (non utilizzabile per alta velocità, neve alta fuori pista o lavori di traini pesanti) ha un livello di prezzo e prestazioni più basse che si adeguano al veicolo. E, «last but not least», è stato lanciato da poco un innovativo prodotto dedicato alle due ruote. Presentato a settembre 2016 a livello Internazionale ed accolto dal pubblico con interesse, curiosità ed eccitazione, il nuovo Camso DTS 129 per la stagione 2017/18 sarà ancora più performante solo con piccole migliorie apportate. Attiva nell’ ingaggiare piloti per sviluppare soluzioni innovative che superino le aspettative, RF Moto ha soddisfatto a pieno le attese di appassionati e dei professionisti che hanno ottenuto risposte estremamente positive nel testare il cingolo sulla loro moto, riscontrando veramente le qualità di un ottimo prodotto. Divertente e performante, facile nelle sterzate e da guidare con la stessa agilità della moto anche per i meno esperti, il DTS 129 trasforma la moto off road in moto da neve «Dirt to snow-bike». Il Camso DTS 129 è molto di più di un sistema di conversione: un misto di tecnologia ed alta ingegneria. Una conversione per tutti quegli amanti dell’off road che sognano di portare la loro moto anche d’inverno sulla neve. Ma, come abbiamo detto all’inizio, alla RF Moto non trovate solo i cingoli Camso ma un’azienda esperta che opera nel mondo dei quad da più di 20 anni, concessionaria Can Am e Polaris con prodotti nuovi ed un vasto parco usato, in un panorama d’offerta dove si può  sicuramente trovare il quad o il side by side ideale. Senza dimenticare il vasto assortimento di tutti i tipi di accessori (da agricoli a racing) e la possibilità di noleggiare sia quad che cingoli.
www.rfmoto.com

Created: Lunedì, 05 Giugno 2017 04:57
Hits: 1394
Category: Portfolio
Tags: Motori Sulla Neve
 
 
 


Il 21 febbraio scorso, a cura della filiale italiana diretta da Valter Tura, è stata organizzata a La Villa in Val Badia la presentazione per l’Italia dell’ultimo gioiello dell’azienda tedesca di Laupheim, il mezzo battipista più avanzato dell’ultima generazione caratterizzato da ben 16 nuovi brevetti. Alla presenza di numerosi dirigenti della montagna bianca italiana e con la partecipazione di 500 operatori professionali provenienti da oltre 100 stazioni invernali di Alpi e Appennini, l’ultimo «gatto rosso» prodotto dallo storico marchio avviato a festeggiare i cinquant’anni di attività ha svelato tutti i suoi segreti e dimostrato le sue enormi potenzialità. Caratteristiche costruttive intonate alla ecosostenibilità, capacità operative di eccellenza, livelli d’avanguardia di guidabilità, design, sicurezza e comfort ne fanno un mezzo che segna una svolta evolutiva importante nel settore



Un grande palcoscenico per un grandissimo interprete. Se la Gran Risa è la Scala dello slalom gigante e un tempio consacrato dello sci alpino, il nuovo Pisten Bully 600 di Kässbohrer è «il tenore» ideale, il Luciano Pavarotti, il fuoriclasse dei mezzi battipista. L’ultimo gioiello prodotto dalla storica azienda tedesca di Laupheim che l’anno prossimo compirà i 50 anni di attività nel settore dei battipista, è stato presentato in Italia in una bella giornata di sole ai piedi della pista-mito inaugurata nel 1985 con l’80a vittoria di Ingemar Stenmark, da allora sempre presente nel calendario di Coppa del Mondo e da allora sempre preparata dalla scuderia di casa Badia dei «gatti rossi» di Kässbohrer.  Nello scenario incantevole incorniciato dalla cima Santa Croce, dalle montagne di Fanes, dal Sassongher e dalla Gardenaccia, lo spettacolo (un vero spettacolo di emozioni e partecipazione!) è andato in scesa a La Villa in Alta Badia il 21 febbraio scorso, organizzato dalla filiale italiana di Kässboher guidata dal direttore Valter Tura con la collaborazione di Andy Varallo, presidente della società degli impianti della Val Badia  e vicepresidente del Dolomiti Superski, e con la sapiente regia di Barbara Pucci, braccio destro e sinistro di Tura. Un ristretto Gotha di invitati che rappresentava una nobile fetta del mondo dei gestori delle skiarea italiane si era ritrovato la sera precedente l’evento attorno ai tavoli di legno antico del Runch Hof a Pedraces, un maso contadino costruito nel 1898 che la famiglia Nagler ha saputo conservare intatto e valorizzare trasformandolo in un ristorante che da 25 anni propone lo stesso (inimitabile) menù fisso, con prodotti tipici fatti in casa e per gustare il quale bisogna prenotare con settimane di anticipo. Valeria Ghezzi (presidente ANEF), Andrea Formento (presidente Federfuni), Francesco Bosco (direttore Funivie Campiglio), Luciano e Marco Rocca (Mottolino di Livigno), Massimo Fossati (Impianti Valsassina e ANEF Lombardia) e tantissimi altri protagonisti della montagna bianca tra Alpi e Appennini hanno gustato zuppa allo speck, frittelle con verdure e patate, ravioli di magro, stinco e costine di maiale (da bis e da tris), gulash, strudel e lamponi caldi con gelato. 

Il popolo dei «gattisti»
in prima fila per la presentazione

Tutti hanno tirato un po’ tardi leccandosi i baffi ma tutti erano presenti il mattino dopo per l’inizio della festa  nel parterre della Gran Risa insieme ad un autentico popolo di operatori specializzati nella preparazione delle piste, oltre 500 professionisti in rappresentanza di oltre 100 stazioni invernali che non hanno voluto mancare all’appuntamento nonostante la stagione invernale fosse nel pieno del suo

svolgimento. Nella struttura di accoglienza dell'Alpine Ski Wordl Cup Alta Badia antistante il parterre della Gran Risa, l’ottima speaker Silvia Fontanive (perfetta padrona di italiano, tedesco e ladino) ha avviato la presentazione delle caratteristiche costruttive e operative del nuovo Pisten Bully 600 Polar, l’ultima e più avanzata ammiraglia della scuderia Kässbohrer, un potente e avanzatissimo gioiello tecnologico che porta con sé ben 16 nuovi brevetti industriali. Valter Tura ha ringraziato tutti i presenti per la partecipazione e la Val Badia per una solida collaborazione che dura da anni.  Il direttore di Kässbohrer Italia non a caso ha ricordato che eventi simili erano già stati organizzati nel 2006 per la prima versione del Pisten

 

Bully 600, nel 2008 per il 400 e nel 2013 per l’«ibrido» E+.  Dopo aver visto il video d'immagine di Casa Kässbohrer, pluripremitao a Cannes per il «Corporate Media al TV Awards 2017», con le Palme d' oro e d'argento, non restava che uscire sulla neve per conoscere il protagonista della giornata dal vivo, potremmo dire «in carne ed ossa», nella bellezza del suo nuovo design, nelle risorse segrete del suo nuovo motore, nelle comodità superaccessoriate del suo posto di guida, nelle geniali funzionalità dei suoi strumenti di controllo e di pilotaggio con il joystick a doppio snodo con cui si può fare tutto (avanzamento, fresa, verricello), compresa l’attivazione di Snowsat, il sistema satellitare di gestione della flotta dei gatti e di misurazione del manto nevoso. Eccoli! Due esemplari del nuovo Pisten Bully 600 spuntano da una pista laterale della Gran Risa e scendono dietro un «antenato» Kässbohrer lungo le due «gobbe del gatto» realizzate negli ultimi anni per arricchire di pendenze l’ultimo tratto del tracciato. Uno dei due monta anche il verricello a regolazione automatica. Sono bellissimi, esprimono forza, potenza e souplesse solo a guardarli; si fermano e presto vengono circondati, toccati, esaminati, visitati e commentati da occhi e mani che se ne intendono, che sanno tutto su come si batte una pista da sci a regola d’arte e su che cosa serve per avere insieme potenza e agilità, forza di spinta e arrampicabilità, sicurezza e comfort. A ognuno di quegli uomini, a ognuno di quei gattisti è stato assegnato un numero perché il bello, vale a dire la possibilità di provare il nuovo mezzo risalendo le pendenze vertiginose della Gran Risa, doveva ancora venire. L’ambaradan logistico delle prove è stato gestito da Martin Gasser, responsabile tecnico per l’Italia di Kassböhrer, rappresentata per l’occasione anche da Harald Häge, responsabile vendite della casa madre per l'Italia. Break di mezzogiorno a base di prelibatezze provenienti da Sestola, qualche birra, un goccio di vino e infiniti scambi di esperienze e commenti tra colleghi dello stesso difficile lavoro e poi via alle danze nel pomeriggio. Il nuovo Pisten Bully 600 Polar non ha tradito nessuno ed ora è pronto a dare il meglio di sé sulle nevi italiane dopo essersi già presentato nel roadshow all’insegna dello slogan «Red Level» avviato in Germania in diverse località ed ora, dopo l’Italia, in vista delle presentazioni che avverranno in Svizzera (Andermatt), Austria (Haus im Ennstal, Kitzbühel, Warth e Sölden), Francia (Les Saisies, Alpe d’Huez).

Dalla Germania
al resto del mondo
Già alla sua primissima presentazione, a Nebelhorn (Germania), il nuovo Pisten Bully 600 ha impressionato il pubblico. Dal cliente dell'Algovia al rappresentante PistenBully della Nuova Zelanda, professionisti da tutto il mondo si sono presentati all’anteprima assoluta per scoprire le straordinarie novità del battipista di nuova generazione. Tra queste, brevetti consolidati, sviluppi tecnologici sorprendenti e, come d'abitudine, massimi requisiti qualitativi. A guardarlo da fuori non si direbbe, ma il nuovo PistenBully 600 sta già scrivendo la storia della tecnologia. Chi ha avuto l'opportunità di provarlo, ne è rimasto entusiasta, perché non esiste in questa categoria un altro battipista capace di sprigionare dall'interno prestazioni superiori.

 

16 brevetti!

Nell'ultima generazione di battipista c'è tutta l'esperienza e l'entusiasmo degli ingegneri PistenBully, come sottolinea con forza la grande quantità di brevetti. Tecnologia innovativa e funzioni intelligenti sono state sviluppate in stretta collaborazione con i clienti, nel segno tipico di Kässbohrer.


Logica di comando innovativa
e intuitiva con il massimo del comfort
Quando la preparazione delle piste punta a risultati ambiziosi, bisogna lavorare con la massima concentrazione, anche di notte o in condizioni di scarsa visibilità. In questi casi, un battipista facile e comodo da guidare e, per di più, incredibilmente silenzioso è proprio il mezzo che ci vuole perché offre…
●    iTerminal chiaro e intuitivo con touch control
●    ergonomico joystick a doppio snodo per quattro movimenti contemporanei della lama
●    sedile comfort di serie con armrest integrato
●    più spazio, più comfort e più libertà di movimento
●    comodo comando manuale per tutti gli attrezzi
●    più silenzioso grazie all'isolamento ottimizzato della cabina
●    abitacolo di pregio e di facile manutenzione
●    concezione ottimizzata della cabina per la massima sicurezza (ROPS 14,5 t)
●    disposizione unificata degli elementi di comando per una rapida familiarizzazione al cambio di veicolo
●    SNOWsat ready

Migliore arrampicabilità
e superiore capacità di spinta
Robusto e leggero al tempo stesso, il PistenBully 600 è un battipista che convince. Lo dimostrano, senza ombra di dubbio, tutte le sue principali caratteristiche.
●    il battipista più leggero della categoria con la migliore arrampicabilità e capacità di spinta
●    il migliore rapporto peso/potenza della categoria: meno peso a fronte di una maggiore potenza ● maggiore coppia
●    cabina rinforzata collaudata ROPS 14,5 t
●    maggiore stabilità del carro
●    massima portata utile
●    impiego molto versatile

Il primo battipista al mondo
con motore EU V pulito e silenzioso
Salvaguardia delle risorse ed eccellenza delle prestazioni non devono escludersi a vicenda. Il PistenBully 600 dispone di un propulsore molto particolare: il primo motore sul mercato a soddisfare la fase Euro V:
●    motore potente con filtro anti-particolato
●    motore di facile manutenzione e semplice nella sua struttura, per ridurre i tempi fermi e aumentare la disponibilità
●    meno rumore grazie alla silenziosità del motore
●    maggiore autonomia grazie al serbatoio di maggiori dimensioni ed ai consumi ridotti

Preparazione intuitiva delle piste,
ergonomica ed efficiente
I sistemi di assistenza elettronica alleggeriscono il lavoro dell'operatore in molte situazioni. Per il nuovo PistenBully 600 Kässbohrer non si è limitata a ottimizzarli, li ha anche ampliati con intelligenza. Per dare ancora più sicurezza, efficienza e comfort di marcia.
●    regolazione automatica del tiro del verricello: il verricello più affidabile in circolazione, con la funzione unica di rotazione libera a 360° senza torsioni della fune. 
●    autoTracer: assistenza attiva in curva, assistenza allo sterzo, compensazione automatica sui pendii laterali
●    SNOWtronic: comando intelligente degli attrezzi; supporto-attrezzi posteriore utilizzabile in combinato o in parallelo, raggi di movimento molto ampi, uso semplificato.
www.pistenbully.it