Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate. Inoltre utilizza cookie tecnici per migliorare la navigazione. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Il nuovo stabilimento per un altro passo avanti - MontagnaOnline.com

Il nuovo stabilimento per un altro passo avanti

Category: Portfolio Created: Martedì, 26 Aprile 2016 08:24 Hits: 394
Rate this article
   
  Da sinistra, Giulio Misconel (proprietario della ditta Misconel), Walter Rieder (Presidente TechnoAlpin), Josef Negri (Direttore di Assoimpreditori Alto Adige), ArnoKompatscher (Presidente della Provincia), Richard Moser (dell’organismo di vigilanza di TechnoAlpin), Renzo Caramaschi (Sindaco di Bolzano), Erich Gummerer (CEO TechnoAlpin), Fabio Rossa (architetto)

L’azienda di Bolzano, leader nel settore della produzione di sistemi per l’innevamento tecnico, ha avviato la costruzione di un nuovo sito produttivo nel capoluogo altoatesino. L’iniziativa si è resa necessaria per assecondare la costante crescita di ordinativi che provengono da tutto il mondo. Ad oggi il marchio fondato nel 1990 da Walter Rieder, Georg Eisath ed Erich Gummerer assiste oltre 2.200 clienti in più di 50 Paesi ma il mercato dell’innevamento programmato continua a crescere ed è necessario attrezzarsi per affrontare nuove prospettive di sviluppo

Il 21 febbraio 2018 si è svolta la cerimonia di avvio dei lavori per la costruzione del nuovo stabilimento di produzione di TechnoAlpin. Entro il 2019 l'intera produzione del leader d'innovazione globale nel settore dell’innevamento tecnico sarà trasferita in via Siemens a Bolzano. All'evento, che ha avuto luogo alla presenza degli amministratori delegati Erich Gummerer e Walter Rieder, hanno partecipato anche il Presidente della Provincia Arno Kompatscher, il Sindaco Renzo Caramaschi, Josef Negri, Direttore di Assoimprenditori Alto Adige e l’architetto Fabio Rossa.

Il cuore della produzione
di neve tecnica
I comprensori sciistici di tutto il mondo effettuano annualmente investimenti mirati al futuro. L'aumento degli ordinativi comporta una crescita dinamica dell'azienda TechnoAlpin. «I comprensori sciistici - spiega Walter Rieder, Presidente di TechnoAlpin - fanno affidamento su una pianificazione consolidata per poter garantire un turismo invernale che sostenga i profitti. Oggigiorno un’elevata e costante qualità della neve, anche su piste molto sollecitate, è un prerequisito indispensabile. Per soddisfare queste esigenze, il nuovo stabilimento di produzione a Bolzano avrà in futuro un ruolo fondamentale». L'azienda vanta un organico di ben oltre 300 dipendenti a Bolzano. Durante l'alta stagione saranno impiegati nel nuovo stabilimento di produzione 150 operai, alcuni dei quali assunti nel corso delle operazioni di cantiere. I lavori di costruzione saranno completati entro la fine dell'anno. L'entrata in funzione del nuovo edificio è prevista per gennaio 2019. La decisione di scegliere Bolzano come sede di costruzione è stata chiara e dal valore inequivocabile, poiché si tratta di un impegno nei confronti dell'Alto Adige. «Il legame che ci unisce a questa regione è speciale - afferma convinto Erich Gummerer, CEO di TechnoAlpin -  e si fonda su una collaudata partnership con i nostri clienti. Un altro elemento significativo è rappresentato dai collaboratori altoatesini, il cui impegno, flessibilità e alti standard qualitativi hanno reso TechnoAlpin ciò che è oggi. Questo nuovo stabilimento di produzione – continua Gummerer -  ci permetterà anche di crescere in altri segmenti. L'innevamento indoor, per esempio, è un settore in continua espansione con una crescita in Paesi che non sono stati ancora inseriti nella nostra lista di riferimento. Doha e l'Egitto sono solo due casi di paesi in cui abbiamo ottenuto di recente l’autorizzazione a realizzare progetti».
Grande soddisfazione ha espresso anche il Presidente della Provincia Arno Kompatscher, soprattutto per quel che riguarda l'ubicazione della sede: «TechnoAlpin è attiva in uno dei settori di competenza di importanza strategica per l'Alto Adige, quello delle tecnologie alpine. Sono quindi molto lieto del fatto che la scelta del leader mondiale del mercato nella produzione di impianti di innevamento artificiale sia quella di continuare a investire nel territorio di Bolzano, rafforzando così l’economia e la ricerca dell'Alto Adige. L’importanza internazionale dell'azienda contribuisce a far brillare a livello globale l'eccellenza altoatesina». Anche Renzo Caramaschi, sindaco di Bolzano, è orgoglioso della decisione di TechnoAlpin: «Mi compiaccio di assistere allo sviluppo delle imprese che a Bolzano operano per sviluppare eccellenze e che si affermano sul mercato. TechnoAlpin, leader innovativo degli impianti di innevamento, sceglie di rimanere nella nostra città con la sua nuova sede centrale, e ciò è motivo d’orgoglio oltre che la conferma dei vantaggi competitivi che il nostro territorio è in grado di offrire per la produttività aziendale. In questo quadro cittadino, urbanizzato con attenzione ai marciapiedi, alle piste ciclabili, ai servizi di trasporto pubblico e al verde, trova il suo massimo significato la trasformazione dell’ex Alumix in parco tecnologico».

Un edificio industriale
tra forma e funzionalità
Il nuovo stabilimento di produzione in via Siemens comprenderà quasi 110.000 m³ di volumetria su un’area di 14.500 m². I quattro piani dell’edificio (uno dei quali sotterraneo) ospiteranno in futuro l'intera produzione, un magazzino per i generatori di neve, alcuni uffici e sale riunioni. L'architetto Fabio Rossa dello studio «area17» spiega il suo approccio progettuale: «La progettazione di un edificio industriale deve porsi come obiettivo la ricerca di una coerenza tra l’immagine esterna e il processo produttivo che contiene». La parte dell'edificio dove avviene la produzione crea una facciata tecnica attraverso la composizione e rotazione di due tipologie di pannelli prefabbricati in cemento portando luce all’interno dell’edificio in maniera puntuale. «Il blocco uffici - prosegue Rossa - è un parallelepipedo dinamico che afferma e comunica in maniera chiara l’identità dell’azienda attraverso un uso sapiente di forma e colori che richiamano il marchio TechnoAlpin».

Il 2017: un anno record
per una storia di successo
Durante il 2017 l'azienda ha prodotto nel complesso più di 7.000 generatori di neve (macchine a ventola e lance). L’anno scorso è stato un’autentica pietra miliare di estrema importanza nella storia di TechnoAlpin: per la prima volta, infatti, l’azienda di Bolzano è riuscita a produrre 3.000 macchine a ventola. Questo record di produzione simboleggia in un certo senso la crescita di TechnoAlpin. Il 30 aprile 2017 l'azienda ha registrato un fatturato annuo pari a 200 milioni di euro. Sono dati, questi, che certificano il successo dell’azienda che dal 1990 costruisce impianti di innevamento per comprensori sciistici in ogni parte del mondo. In virtù degli elevati investimenti nel settore ricerca e sviluppo, l'azienda si è imposta come leader innovativo di settore. La sede principale è situata e resterà a Bolzano, ma TechnoAlpin comprende anche 12 filiali internazionali e 25 partner commerciali. Sono più di 2.200 i clienti di oltre 50 Paesi, che hanno deciso di affidarsi al know-how della società altoatesina. L'azienda è partner ufficiale della Federazione Internazionale Sci (FIS) ed ha allestito l'80% delle piste dei Giochi Olimpici invernali che si sono svolte in Corea del Sud in febbraio.

www.technoalpin.com