Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate. Inoltre utilizza cookie tecnici per migliorare la navigazione. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie.

STAGIONE 2017/18 Tutte le capitali della neve partono in «pole position» - MontagnaOnline.com

STAGIONE 2017/18 Tutte le capitali della neve partono in «pole position»

Category: Portfolio Created: Domenica, 29 Gennaio 2017 08:27 Hits: 489
Rate this article

Sta per cominciare una nuova avventura, un nuovo inverno che coinvolge interessi imprenditoriali, economie di interi territori, miliardi di impegni finanziari e fatturati. Il tutto mosso dal fascino irresistibile della montagna bianca, dalla passione di un popolo di turisti e appassionati delle diverse possibilità di sport e vacanza proposte dalla stagione invernale.
Come ogni anno, da diversi anni, le incognite delle bizzarrie meteorologiche incombono sugli esiti della stagione ma il mondo professionale della neve ha dimostrato di possedere ormai le risorse per affrontare (salvo cataclismi epocali…) anche le contingenze più critiche. Ed ecco dunque con quali proposte, con quali novità e con quali obiettivi i più importanti comprensori sciistici italiani si sono preparati anche quest’anno per vivere un altro inverno di passione

VALLE D’AOSTA

Monte Bianco, Rosa, Cervino: lo sci al cospetto dei «quattromila»

Monte Bianco, Monte Rosa, Cervino: sulla Valle d’Aosta si affacciano i «quattromila» delle Alpi e al loro cospetto si scia tra panorami di imponente bellezza. La stagione invernale dello sci in Valle d’Aosta è già partita, con l’apertura completa dal 28 ottobre del comprensorio di Cervinia e si concluderà, sempre nel medesimo comprensorio il 6 maggio 2018. Le altre stazioni sciistiche valdostane stanno invece preparando e attrezzando i loro comprensori per poter garantire l’apertura il 25 novembre prossimo. Nel suo insieme la Valle d’Aosta mette in campo 23 stazioni, 800 chilometri di piste, 160 impianti di risalita, 10 snowpark, un unico skipass elettronico internazionale. Anche nella stagione 2017-2018, le tariffe dello skipass «stagionale regionale», che permette di sciare in tutti i comprensori di sci valdostani, inclusi quelli di fondo, non subiranno aumenti. Infatti, quest’inverno si potrà sciare in tutte le 23 stazioni valdostane, compresi il comprensorio di La Rosière, sul territorio Francese, e quello di Alagna, su quello Piemontese, acquistando lo stagionale «rosso» al prezzo invariato di 998,00 Euro, mentre lo stagionale «rosso+ Zermatt», che permette di sciare anche sull’intero comprensorio della località Svizzera, sarà disponibile al prezzo invariato di 1.179,00 Euro. Con l’acquisto dello «stagionale regionale» è inoltre confermata, per l’inverno prossimo, la possibilità di sciare, nell’ambito dello «Ski découverte», nel comprensorio sciistico delle «4 Vallées», in territorio Svizzero; tale opportunità, sarà nuovamente estesa anche ai possessori degli «stagionali di stazione» validi sulle principali stazioni valdostane (Pila, Courmayeur, La Thuile, Cervinia, Monterosa-ski). Inoltre, con lo stagionale a validità regionale, sarà possibile accedere alle nuove Funivie Skyway del Monte Bianco a Courmayeur sia per godere degli splendidi panorami sia per affrontare emozionanti discese in fuoripista sui pendii innevati ai piedi della vetta più alta d’Europa oltre alla possibilità di beneficiare di molte altre occasioni e agevolazioni in convenzione: l’accesso gratuito alle piscine regionali, al Casinò di Saint-Vincent, oppure l’accesso scontato a musei e castelli della Valle d’Aosta, al Forte di Bard, alle terme di Pré-Saint-Didier, all’osservatorio astronomico e al planetario di Saint Barthélemy, a voli in mongolfiera, e tante altre opportunità.
Continua poi l’impegno dei comprensori valdostani per facilitare l’accesso diretto agli impianti di risalita ed evitare così le fastidiose code di attesa alle biglietterie. il servizio «Pick Up» si affianca all’acquisto on line con tessera magnetica e alla possibilità di acquistare lo skipass direttamente in hotel. A partire dalla stagione invernale 2017/2018 sarà possibile acquistare lo skipass on line senza essere in possesso della tessera magnetica. Dopo aver selezionato il biglietto desiderato e effettuato il pagamento verrà rilasciato un voucher da presentare alle casse dedicate per il ritiro dello skipass. Accedere alle piste diventa sempre più veloce!
Un altro servizio molto apprezzato dagli sciatori è il Teleskipass. Valido in tutte le stazioni sciistiche della Valle d’Aosta, il teleskipass consente di accedere direttamente agli impianti di risalita senza dover acquistare lo skipass alle biglietterie. A fine giornata verrà calcolato automaticamente l’importo della giornata di sci in base alla tipologia di skipass fruito (giornaliero o mezzo giornaliero), alla tariffa relativa alla stazione sciistica interessata, eventuale sconto legato all’età (junior < 8 anni, junior < 14 anni , giovane < 18 anni o senior > 65 anni). E’ possibile attivare il servizio presso tutte le biglietterie della stazioni sciistiche valdostane.

Nuovi impianti e più piste con l’innevamento programmato
Per quanto riguarda i singoli comprensori, gli investimenti e gli adeguamenti realizzati nel periodo della pausa estiva, hanno riguardato diversi ambiti sia con rinnovi tecnologici degli impianti (funiviari e per l’innevamento programmato) sia in materia di sicurezza (miglioramenti, livellamenti e allargamenti piste, messa in opera di reti di protezione fisse, ecc.) sia incentrati ad incrementare l’attuale offerta turistica (nuovi tracciati, implementazione della dotazione nei parchi giochi, ecc)
A Cervinia è stata predisposta un’area riservata all’esercitazione per la ricerca con l’ARTVA ed è stato potenziato l’innevamento artificiale sulla pista 3bis per il rientro sic ai piedi presso la partenza della telecabina. Nel Monterosa nasce l’offerta Monterosa Freeride Paradise per promuovere la consapevolezza dell’alta montagna. Per prepararsi adeguatamente, in località Sant’Anna a Gressoney, è stato allestito un campo ARTVA per allenarsi alla sicurezza. Per chi si diverte ad andare controcorrente e le discese più belle vuole guadagnarsele, Monterosa Ski propone tre percorsi di risalita, tracciati e battuti, da percorrere con le pelli. Interventi di ampliamento e potenziamento degli impianti di innevamento programmato sono stati realizzati nelle stazioni sciistiche del Monterosa, di Pila, di Courmayeur e del Cervino mentre i lavori sulle piste per migliorare la percorribilità e aumentare le larghezze per una maggiore sicurezza degli sciatori sono stati realizzati a Cervinia, Torgnon, La Thuile e a Gressoney Saint Jean.

Arriva anche lo «Ski-Pic» per condividere le emozioni in pista
L'utilizzo dei social media per condividere in tempo reale le proprie esperienze è sempre più diffuso anche tra gli amanti di sport invernali. Questi ultimi però hanno difficoltà a registrare i momenti migliori delle proprie esperienze ed è qui che Ski-Pic entra in azione. Ski-Pic ha sviluppato un sistema unico di fotografia basato su geolocalizzazione univoca delle persone in spazi aperti. L'obiettivo è di offrire allo sciatore la possibilità di salvare i momenti migliori delle proprie vacanze e condividerli con gli amici senza interruzioni, senza la collaborazione di terzi e senza acquistare equipaggiamenti specifici. Per avere le proprie immagini sarà sufficiente scaricare l'app Ski-Pic nel proprio smartphone e sciare in prossimità delle postazioni di Ski-Pic. SKI-PIC sarà presente nelle stazioni di sci di Cervinia, Monterosa ski, La Thuile e Pila!

Una lunga stagione ricca di appuntamenti
Anche per l’inverno 2017-2018 non mancheranno importanti appuntamenti ed eventi sportivi sulla neve: Pila dal 30 novembre al 3 dicembre ospiterà una tappa di Coppa del Mondo Master. Il mese successivo, il 19 e 20 gennaio, a La Thuile, dopo il successo del 2016 con la Coppa del mondo di discesa libera femminile e le gare di Coppa del Mondo di Telemark del 2017, per la prossima stagione invernale è rientrata a pieno titolo nel circo bianco come località ufficiale per eventuali recuperi di gare di coppa di Sci Alpino. Il 3 e il 4 marzo a Courmayeur, infine, per gli amanti dello sci fuoripista farà tappa il circuito Freeride World Tour qualifier. L’emozione di una discesa in notturna si può vivere a Gressoney-Saint-Jean con l’apertura serale della pista Leonardo David: le date saranno definite nel corso della stagione considerando le migliori condizioni del tracciato per offrire un’esperienza esclusiva. Non mancheranno anche per questo inverno gli appuntamenti dedicati alla solidarietà e alla beneficenza come la fiaccolata «I Light Pila» o le gare di sci solidali non competitive come quella a supporto di «Telethon» o del «Telefono Azzurro» di La Thuile, oltre poi alle numerose occasioni più folkloristiche dedicate alle tradizionali cene e aperitivi nei numerosi rifugi/ristoranti in quota e alle numerose fiaccolate organizzate con i maestri di sci. Gli amanti dello sci di fondo e dello scialpinismo non potranno non seguire la 37° edizione della Marciagranparadiso in programma a Cogne dal 2 al 4 febbraio 2018 e nei giorni 21/22 dicembre arriva a Breuil-Cervinia la Coppa del Mondo di Boardercross
Tra le altre iniziative segnaliamo che, anche per questa stagione invernale, l’Associazione Valdostana Impianti a Fune (AVIF), l’Associazione Valdostana Maestri di sci (AVMS) e l’Associazione Sport Invernali della Valle d’Aosta (ASIVA) riproporranno l’iniziativa «Safe Ski Project» con l’obiettivo di contribuire a sviluppare una coscienza collettiva più consapevole e rispettosa, per il bene di tutti gli sciatori, della montagna e dello sci. Tramite volantini, poster e la creazione di un QR-Code, verranno divulgate all’interno dei comprensori sciistici, 12 semplici regole di condotta da tenere e rispettare nella pratica dello sci alpino. Durante la stagione invernale, inoltre, saranno allestiti dei “campi sicurezza” dove verranno esposti i cartelli e la segnaletica utilizzati nei comprensori sciistici valdostani, illustrati dal personale delle società di impianti a fune e/o dai maestri di sci.


MONTEROSASKI
Una scorpacciata di piste e di storia tra la «pétite patrie» e la Valsesia

Situato nel cuore delle Alpi Occidentali, ai piedi del secondo massiccio più alto d’Europa, Monterosa Ski è oggi un vasto sistema di stazioni sciistiche: allo storico
comprensorio che da Champoluc e Gressoney-La-Trinité permette di raggiungere, sci ai piedi, Alagna Valsesia, si affianca una costellazione di stazioni satellite. Possibilità di sci per tutti i gusti e le possibilità, fino alle discese più impegnative sul carosello principale, salendo a quote che sfiorano i 3.000 m per poi scendere fino a fondo valle, su dislivelli fino a 2.000 metri. Panorami mozzafiato, impianti efficienti e numerose alternative di piste e percorsi garantiscono divertimento ed adrenalina. Su fronte dell’impiantistica la novità più importante per la stagione 2017/2018 è la nuova seggiovia quadriposto Cimalegna-Passo Salati in Valsesia che andrà ad affiancare il funifor già in attività da qualche anno. Sul fronte della comunicazione, durante l’ultimo periodo la volontà aziendale è stata fortemente indirizzata al rafforzamento delle sinergie con il territorio: per consolidare questo legame dal luglio 2017 il sito web del comprensorio è stato dismesso e Monterosa Ski è diventata parte integrante nel nuovo portale di destinazione www.visitmonterosa.com che mira alla promozione turistica dell’area Monterosa, identificata nelle valli valdostane di Ayas, Gressoney e Champorcher e da Alagna Valsesia in Piemonte. Perché il Monterosa è un segreto da scoprire, fatto di tradizioni ancora vive e ben radicate, dominato da una natura incontaminata e selvaggia e popolato da persone che diventano amici. Il Monterosa è il luogo in cui si può  vivere la tradizione della montagna sentendosi parte della natura e, essendo raggiungibile percorrendo una distanza che non supera le due ore di auto dalle principali città di Piemonte e Lombardia, diventa luogo in cui rifugiarsi per ritrovare il contatto con ritmi più lenti e rilassati godendo di una natura senza eguali.
Compatbilmente con le condizioni di innevamento, la stagione dello sci prenderà il via venerdì 1° dicembre 2017 e proseguirà fino a domenica 15 aprile 2018. Da domenica 8 aprile rimarrà aperta la dorsale Frachey-Stafal-Alagna che garantirà il collegamento intervallivo, mentre rimarranno chiuse le sezioni del Crest in Val d’Ayas e di Punta Jolanda a Gressoney La Trinité. La prevendita degli abbonamenti stagionali è già iniziata con l’interessantissimo prezzo di prevendita, che sarà valido fino al 5 novembre e che permette un notevole risparmio. Esclusivamente nel periodo di prevendita è anche possibile abbinare il divertimento sugli sci a momenti di puro relax nei centri benessere in Val d’Ayas e in Valle di Gressoney acquistando lo ski pass insieme all’ingresso stagionale a MonterosaTerme di Champoluc ed alla SportHaus di Gressoney-Saint-Jean. Riconfermata anche per la prossima stagione la formula che differenzia il prezzo dello ski pass in feriale e festivo con suddivisione in tre stagionalit.. Il prezzo del giornaliero per lo sci in pista costerà, in base a periodo e giorno scelto, 40, 43 o 48 Euro. Per chi desidera accedere a Monterosa Freeride Paradise è  disponibile un’integrazione giornaliera di 2,00 Euro che dà accesso all’impianto che conduce al ghiacciaio ed alla freeride zone. Rimane invariata la scontistica riservata a determinate fasce d’età. Riduzioni tutti i giorni ed in tutte le stagionalità anche per la categoria Senior, nella quale rientrano tutti coloro nati prima del 31/05/1953 e ski pass gratuito per i nostri affezionati  sciatori nati prima del 01/11/1937. Anche per la prossima stagione nel Monterosa Ski sarà possibile «Sciare Gratis» prenotando la propria vacanza in Val d’Ayas o in Valle di Gressoney nei periodi di validità dell’iniziativa. Per i soggiorni dal 9 al 24 dicembre 2017, dal 6 gennaio al 4 febbraio 2018 e dal 17 marzo al 15 aprile 2018 lo ski pass è in regalo.
Il comprensorio Monterosa Ski si sviluppa a quote elevate, su un territorio complesso. La Società vuole trasmettere ad alta voce un messaggio di consapevolezza dell’alta montagna. L’impianto che dal Passo dei Salati conduce al ghiacciaio di Indren, quota 3.275 m, è la porta di accesso al Monte Rosa, meta di amanti del freeride in inverno e di alpinista in estate. Negli ultimi anni l’alta quota e gli sport estremi sono stati oggetto di una massiccia esposizione mediatica portando un numero crescente di persone ad avventurarsi sul ghiacciaio senza un’adeguata preparazione. Il funifor di Indren diventa dunque Monterosa Freeride Paradise, a disposizione di tutti coloro che si sentono pronti a fare il passo successivo, che ritengono di avere una preparazione adeguata per affrontare una discesa in fuoripista o l’ascesa ad una delle ve(e del Monte Rosa. L’accesso all’impianto non sarà più dunque compreso nello ski pass Monterosa Ski, ma lo sarà nello ski pass Monterosa Freeride Paradise, che include il passaggio ai tornelli del Funifor che porta al ghiacciaio.

La sicurezza resta sempre la nostra mission più importante
Garantire la sicurezza di chi frequenta il nostro comprensorio è il nostro obiettivo principale. Uno staff dedicato ed attento si occupa della preparazione e della battitura delle piste, tecnici addestrati e competenti verificano la loro sicurezza ed un’équipe di pisteurs aiuta coloro che si infortunano o si trovano in difficoltà in pista. Grande attenzione va sicuramente riservata a Monterosa Freeride Paradise: chi decide di acquistare l’accesso al ghiacciaio deve obbligatoriamente avere con s. gli strumenti necessari per garantire la propria sicurezza. ARTVA, pala e sonda diventano dunque parte indispensabile per l’accesso alla Freeride Zone, dove le operazioni di soccorso si fanno più complicate. Per offrire l’opportunità di allenarsi alla sicurezza è stato installato un campo di addestramento ARTVA in località Sant’Anna a Gressoney-La-Trinit. il cui utilizzo è totalmente gratuito. Il progetto, attivato da Fondazione Montagna Sicura nell’ambito del progetto n. 342 «PrévRiskHautesMontagnes», finanziato all’interno del Programma di cooperazione transfrontaliera Interreg V-A Italia-Francia Alcotra 2014-2020, vuole diffondere la cultura della sicurezza in alta montagna. La pratica del fuoripista richiede profonda conoscenza del territorio, capacit. di valutazione ed esperienza nell'utilizzo dei materiali di autosoccorso.In caso di incidente da valanga é necessario saper agire in modo tempestivo ed efficace per soccorrere le eventuali vittime. Questo richiede un costante allenamento nell'utilizzo dei materiali da soccorso quali l'ARTVA, la pala e la sonda in modo tale da saper far fronte ad un evento valanghivo. Il sistema, prodotto dalla ditta svizzera Genswein, è gestito da una centrale di comando dove gli utenti possono allvare uno o più trasmettitori (5 in totale) sepoti a diverse profondità e inclinazioni simulando situazioni realistichedi ricerca, con diversi livelli di difficoltà.



PIEMONTE

Arrivano gli stagionali
differenziati per confermare una stagione record


Nel più vasto comprensorio delle Alpi Occidentali gestito dal 2007 dalla società Sestrière S.p.A. ci si prepara ad una stagione che confermi  gli ottimi risultati commerciali di quella passata, arricchita tra l’altro anche dal grande ritorno nel calendario della Coppa del Mondo femminile con le gare disputate sulla pista Kandahar Giovanni Alberto Agnelli. La sciopoli fondata dal senatore Giovanni Agnelli nel 1930 ha nel suo pedigree un pezzetto di storia dello sci con la presenza, in era pre-Coppa, tra le località ospitanti il celebre concorso dell’Arlberg Kandahar e poi con la partecipazione costante anche se intermittente al calendario della Coppa del Mondo e con l’organizzazione dei Campionati Mondiali di sci alpino del 1997. Una gara del massimo circuito dello sci alpino mancava dal 2011 ed è quindi evidente che l’evento, in attesa del replay previsto per il dicembre 2019, ha dato ulteriore lustro ad una località e a un comprensorio che guardano comunque oltre l’agonismo di vertice per consolidare la propria presenza nel Gotha delle zone sciistiche in Italia e nel mondo. Sono Sestriere, Sauze d’Oulx Cesana Sansicario, Oulx, Claviere, Pragelato, Montgenevre le località dell’alta Val Susa sul confine tra Piemonte e Francia che compongono il comprensorio sciistico della Via Lattea, un immenso skirama integrato che offre agli appassionati la possibilità di sciare su 212 piste (7 verdi, 67 blu, 97 rosse e 41 nere) con l’ausilio di 69 impianti di risalita. Il comprensorio ha chiuso la stagione scorsa con un consuntivo che il presidente della società Seistrières Spa Giovanni Brasso ha così riassunto  nella sua relazione introduttiva alla stagione 2017/18: «Prima di concludere vi invito a riflettere sui numeri che avete visto esposti sui monitor per quasi tutta la durata della conferenza: il primo (1.246.600) rappresenta il numero delle giornate sci vendute, il secondo (13.797.742) rappresenta il numero di passaggi realizzati sugli impianti, il terzo (29.951.994) gli incassi provenienti solo dalle biglietterie ed il quarto (0) l’indebitamento bancario. Non credo che in Italia ci siano, oggi, tante società del settore anche solo capaci di avvicinarsi a questi numeri e credo che anche in Europa siano poche quelle che fanno meglio di noi. Questa è la Sestrieres e questi sono i nostri numeri, più importante ancora però è il nostro potenziale di crescita, ma la crescita non dipende solo da noi, la crescita come ho già detto è una questione di sistema che parte dalla politica, passa attraverso le Istituzioni e finisce con le imprese, ovviamente non solo la nostra, più in generale la crescita è una questione di fiducia e soprattutto di certezze e le certezze, in Italia ma anche nel nostro Piemonte, oggi sono una merce rara. Purtroppo senza certezze non ci possono essere investimenti (almeno investimenti importanti) e senza investimenti non si va da nessuna parte». Per questa stagione si è studiata una soluzione diversa rispetto al passato nell’offerta degli skipass stagionali, introducendo per la prima volta tre categorie di prodotto: Open, destinata ai clienti che vogliono sciare dall’apertura alla chiusura degli impianti, Standard, destinata a coloro che vogliono sciare solo in quella che chiamiamo stagione vera e propria, dal 23 dicembre alla prima domenica di aprile, e Montiluna, destinata a chi intende sciare solo sull’area Montiluna Claviere.  Si è leggermente ritoccato il prezzo degli stagionali per armonizzarlo al nuovo progetto, mentre per quanto riguarda i settimanali e i giornalieri abbiamo mantenuto le tariffe inalterate. La politica della Sestrieres resta sempre quella di fornire il miglior prodotto possibile al minor prezzo praticabile per aumentare la base dei clienti. Ma vediamo più da vicino l’offerta 2017/18 degli stagionali che formano «lo zoccolo duro» dell’utenza.

CUNEESE
Un inverno per tutti i gusti nel paradiso della «Provincia Granda»

Le montagne di Cuneo sono un gioiello incastonato tra le Alpi ed il mare, dove ogni attività  sportiva è praticabile. Dal cicloturismo, alla MTB, dall’escursionismo all’arrampicata, sino alle attività invernali quali lo sci da discesa, il fondo, lo sci escursionismo, lo sci alpinismo, il freeride, lo snowboard e le arrampicate su ghiaccio. Un vero paradiso per gli amanti dello sport e della natura incontaminata. Dalla Valle Po, con la cima del Monviso che svetta con i suoi 3.481 m, alla Val Tanaro, venti vallate si aprono a raggiera intorno alla splendida città capoluogo, offrendo panorami mozzafiato, borghi alpini autentici ed accoglienti, centri storici e moderne strutture ricettive. Binomi perfetti caratterizzano la «provincia Granda»: Alpi e Mare, sport e benessere, arte e gastronomia.
Limone Piemonte, in inverno stazione sciistica internazionale e in estate importante centro di villeggiatura, ospita il comprensorio sciistico della Riserva Bianca, che vanta un bacino sciabile di 80 km. 19 impianti di risalita all’avanguardia (cabinovia, seggiovie, tapis roulant) e sistema manilibere servono le 41 piste sempre ben innevate, garantendo divertimento in sicurezza per tutti, grandi e piccini. Per chi non scia, oltre alle mille occasioni di divertimento con pista di pattinaggio, piste per la pratica del fondo e per l’escursionismo su neve, l’accogliente centro storico offre svago con locali alla moda e caffè ricercati, oltre alla possibilità di fare un salto nella storia visitando l’antica parrocchiale gotica e la storica «Fontana blu» dove si dissetò Papa Pio VII. L’eccellente riqualificazione del centro storico ha riportato allo splendore questo borgo alpino già conosciuto dai romani. Per i più piccini, che si avvicinano allo sci, sono presenti due kinder park con giochi gonfiabili, percorsi divertenti e 4 tapis roulant, mentre per gli amanti dello snowboard sono a disposizione due snowpark. La Valle Vermenagna è una valle di passaggio verso la vicina Francia: con poco meno di 2 ore di auto si possono raggiungere Nizza e Montecarlo, cuore pulsante della Costa Azzurra. Vicino a Limone Piemonte, il piccolo abitato di Vernante propone a grandi e piccini i Murales dedicati a Pinocchio, oltre ad un centro fondo illuminato anche in notturna.
Mondolé Ski è il secondo grande comprensorio delle Alpi di Cuneo con le stazioni sciistiche di Artesina, Frabosa Soprana e Prato Nevoso, dove gli oltre 120 km di piste sono serviti da 31 impianti di risalita tra seggiovie, skilift e tapis roulant. Tutto il dominio sciabile è accessibile con un unico biglietto. Il comprensorio propone animazioni e servizi per tutti: ristoranti, locali tipici, bar, discoteche, baite e rifugi, due musei dedicati alle tradizioni locali, le grotte del Caudano e di Bossea con le loro suggestive ambientazioni sotterranee, attività commerciali che rendono il comprensorio vivo per tutta la stagione invernale. A disposizione anche Snowpark per gli amanti della tavola e lo sci notturno a Prato Nevoso ogni martedì, venerdì e sabato e tutti i giorni durante le vacanze di Natale. Per i bambini l’offerta è variegata, con campi scuola serviti da tapis roulant, kinder park e parchi di divertimento sulla neve e più di 400 maestri di sci a disposizione. Ricchissimo il programma eventi sulla neve con più di 50 appuntamenti per l’inverno 2016/17: si parte dall’Open Season che dà ufficialmente il via alla stagione sciistica ai mercatini sulla neve ed al Market day di Frabosa Soprana, dagli eventi natalizi con il Presepe Vivente di Pianvignale al Capodanno in piazza a Frabosa ed Artesina ed in Conca a Prato Nevoso, fino alla Festa delle Mascottes di Artesina e lo Spring Splash che chiuderà la stagione sciistica.
Il Monregalese comprende le stazioni sciistiche adagiate sulle Alpi Liguri, località che permettono uno sci «a misura di Famiglia». Sangiacomo Cardini Ski, con 35 km di piste, è una stazione adatta a tutti e propone un campo scuola in paese illuminato in notturna ed un campo scuola in quota, al Monte Alpet (1.611 m) con vicina area gioco bimbi e tapis roulant. La stazione propone anche molti itinerari per il freeride. A St. Grée di Viola le piste molto tecniche per la discesa e lo snowpark sapranno far divertire gli amanti del brivido. A disposizione degli sciatori un ristorante sulle piste, un agriturismo e pizzerie. Lurisia è un paradiso a portata di mano, con le terme ed i centri benessere ottimi per il relax del doposci. 30 km di piste da discesa adatte a tutti, con vista mozzafiato delle Marittime al Cervino. Completano la stazione una pista da fondo, itinerari per lo scialpinismo e per racchette da neve. A disposizione, un baby parking sul piazzale per permettere ai genitori di sciare in tutta tranquillità.Pacchetti turistici per weekend dedicati alle famiglie, a prezzi contenuti.
Garessio, prima stazione sciistica a nascere sulle Alpi Marittime, quest’anno non attiverà gli impianti, ma sarà comunque possibile effettuare in loco escursioni con racchette da neve e sci alpinismo. Luogo ideale per la pratica dello sci di fondo e del biathlon è Chiusa di Pesio, in Valle Pesio, con il Centro Fondo Marguareis, ai piedi della Certosa fondata nel 1173 e sviluppatasi fino al XVIII secolo, visitabile anche nel periodo invernale. Il Centro Fondo è rinomato a livello nazionale ed i suoi tracciati sono aperti anche agli amici delle ciaspole. Nel 2016 è stato ristrutturato il Centro Sportivo Marguareis che offre agli sciatori la possibilità di usufruire di una sala polivalente, di nuovi servizi e spogliatoi e di un nuovo locale ristoro, con free wifi.
Entracque, in Valle Gesso, offre sia piste di discesa, sia anelli per il fondo. Il Centro Fondo Gelas, vero paradiso naturale nel cuore delle Marittime, conta un totale di 35 km di piste. Le Sciovie del Viver, a soli 20 minuti da Cuneo, sono un ottimo campo scuola per i principianti: la particolarità della stazione è che tutte le piste per lo sci alpino sono ben visibili dal solarium. L’offerta turistica ad Entracque è varia, basti pensare alla presenza del Centro Faunistico «Uomini e lupi» dove le famiglie possono «avvicinarsi» e conoscere i lupi delle Aree protette delle Alpi Marittime. Dalla passata stagione è attivo uno skilift in più, il Santa Lucia.
La Valle Stura vanta molti centri per il fondo: Festiona ed Aisone formano un anello servito anche da minibus per coloro che vogliono usufruire di un comodo mezzo per il rientro. Festiona si conferma un ottimo campo scuola per la pratica del fondo da parte di studenti e diversamente abili. Bagni di Vinadio, più in quota, garantisce panorami mozzafiato. Sarà attivo il servizio di Ski shuttle di collegamento da Vinadio a Festiona per tornare alla partenza in piena comodità. Argentera, con 4 impianti (1 seggiovia e 3 skilift) per 20 km di piste, è meta ideale per gli amanti dello sci alpino e del free ride. Qui il campo scuola è separato dagli impianti che servono gli altri sciatori, per garantire ai principianti il massimo della tranquillità. Sport praticabili ad Argentera: free ride, snowboard ed eliski.
A Castelmagno in Valle Grana, dove sorge il noto Santuario e si produce l’omonimo formaggio D.o.p., sono disponibili percorsi per escursioni con racchette da neve e sci alpinismo. Più a valle, in località Pradleves, è disponibile una pista di pattinaggio su ghiaccio coperta. Nella passata stagione invernale si è estesa di ulteriori 6 km la pista da fondo.
La Valle Maira viene annoverata tra le più affascinanti mete invernali alpine per lo sci nordico, lo sci alpinismo e le racchette da neve, ancora così selvaggia senza impianti di risalita. Numerose e spettacolari le possibili escursioni con gli sci ai piedi: in tutta la valle gli itinerari sci alpinistici sono più di 100 di cui circa la metà nel territorio di Acceglio. In alta valle sono presenti anche piste per il fondo omologate FISI. Anelli per il fondo sono presenti anche a Canosio, Marmora, Prazzo ed Elva. La valle è costellata da borgate alpine ancora autentiche e da piccole chiese che custodiscono tesori sconosciuti ai più.
La Valle Varaita offre sia impianti di risalita che anelli per il fondo: Bellino, Casteldelfino (con la sua pista omologata «La Trasà»), Chianale e Valmala sono centri specializzati per lo sci nordico con anelli praticabili sia da esperti che da principianti. A Sampeyre gli impianti portano fino a quota 1800 m e garantiscono il divertimento per grandi e piccini, grazie a 2 seggiovie e 2 tapis roulant che servono sia le piste, sia i 2 campi scuola. La stazione è dotata di 4 cannoni per la neve artificiale e propone piste per tutti, dalla verde alla nera. Sulla neve anche servizi ristoro e relax aperti a tutti. Più in quota, le piste di Pontechianale si sviluppano tra distese di pinete e di abeti, per untotale di 20 km, al cospetto del «Re di pietra», il Monviso (3841 m) che dà vita al fiume Po. 5 gli impianti di risalita attivi, di cui una seggiovia (attiva anche in estate), 3 skilift ed 1 tapis roulant. Notevoli, in alta Valle Varaita, le colate di ghiaccio sulle quali è possibile scalare, in sicurezza.