Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate. Inoltre utilizza cookie tecnici per migliorare la navigazione. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Prowinter - MontagnaOnline.com

Prowinter

PROWINTER - RSS Comunicati
  1. In occasione di Prowinter 2018, Alfredo Tradati, insieme a tutta l’equipe di Prowinter Lab, ha condotto il primo Ski Rental Summit: focus centrale del confronto è stato il tema del noleggio. Alla luce del fatto che, oggi, oltre il 50% degli sciatori su territorio italiano usufruisce di questo servizio è di facile comprensione come l’argomento sia particolarmente delicato e di come incida, in modo significativo, sugli equilibri della montagna. Nella sala Cevedale di Fiera Bolzano, alla presenza di esponenti del noleggio, aziende produttrici e operatori turistici, si è quindi svolto il primo incontro nazionale sulla tematica del rental.

    La diciottesima edizione di Prowinter, la fiera “trade” degli sport di montagna, è stata l’occasione per riportare al centro dell’attenzione l’originale vocazione della fiera altoatesina: il noleggio. Il tema “rental” mai come nelle ultime stagioni, ha spostato gli equilibri del mondo montagna e analizzarne la curva di sviluppo è importante per tutti i soggetti che operano in questo scenario.
    Proprio per questo motivo a Prowinter 2018 si è tenuto il primo Ski Rental Summit, l’incontro nazionale sulla tematica del noleggio. Un summit che, per volontà di Fiera Bolzano, non ha voluto solo snocciolare numeri ma anche fornire spunti che hanno aperto un dibattito allargato tra tutti i partecipanti all’incontro.

    IL RENTAL IN ITALIA: LA SITUAZIONE
    Dalla ricerca condotta da Prowinter Lab, è emerso che in Italia sono attive 851 strutture di noleggio così organizzate: il 43% ha una esclusiva attività rental, il 42% affianca al noleggio la vendita di attrezzatura e il restante 15% è composto dal noleggio organizzato da scuole sci o altri operatori vari. Il mercato che viene mosso dalla passione per gli sci coinvolge 7.500.000 sciatori, di cui 4,9 milioni di italiani e 2,9 milioni provenienti dall’estero per un volume di attrezzatura pari a 177.000 paia di sci venduti ogni anno (dati FESI Federation of the European Sporting Good Industry) di cui l’11% (20.000 paia) è specificatamente progettato e costruito per il noleggio.

    Ma chi è il cliente tipo di un noleggio? Si stima che oltre il 50% degli appassionati sciatori che affollano le montagne italiane usufruisca di un servizio a noleggio. Confrontando i valori FESI con i dati della ricerca condotta da Prowinter Lab (secondo il team di Fiera Bolzano sono oltre 100.000 le paia di sci venduti ai noleggi, pari al 56% del totale circolante in Italia) si può riscontrare come la clientela del noleggio, durante il proprio soggiorno, richieda un attrezzo di un livello qualitativo elevato in modo tale da poter vivere al meglio la propria passione per lo sci.

    Il motivo di questa ricerca della qualità si potrebbe spiegare grazie alle riflessioni portate all’attenzione dei partecipanti al summit da parte di Andrea Macchiavelli, professore dell’Università degli Studi di Bergamo: «Non si vuole più possedere un bene materiale, ma tramite il suo utilizzo diventare protagonista della propria storia – ha commentato il professore universitario - e, attraverso il mondo dei social, mostrare a tutti la propria esperienza». Ecco perché anche nel noleggio, l’aspettativa di qualità è molto alta.

    IL RENTAL IN ITALIA: L’ANALISI
    A curare, e a regolare, la “tavola rotonda” che è nata da questi numeri, è stato Alfredo Tradati responsabile del programma Prowinter Lab, l’osservatorio nazionale sul noleggio in Italia. «Prowinter Lab è un’esperienza partita lo scorso anno con il “censimento” dei noleggi e, dopo una minuziosa ricerca portata avanti in questi mesi, oggi possiamo presentare una panoramica generale dettagliata della realtà del noleggio in Italia – commenta Alfredo Tradati – e con il nostro lavoro abbiamo voluto dare un senso qualitativo all’opera iniziata nel 2017: abbiamo raggiunto direttamente oltre la metà dei titolari di noleggio chiedendo loro una serie di informazioni riguardanti la loro impresa».
    Il lavoro di ricerca dell’equipe di Prowinter Lab si è svolto su quattro elementi portanti: numero degli addetti nel noleggio, tipologie del prodotto noleggiato, turnover periodico del parco sci e formazione del personale.
     
    IL RENTAL IN ITALIA: DENTRO LA RICERCA
    In media, tra alta e bassa stagione, negli 851 noleggi sparsi sul territorio nazionale operano 1500 addetti (1,74 addetti/noleggio). Del totale dei noleggi censiti il 75% dichiara di adottare un percorso di formazione che va dalla preparazione dell’attrezzatura fino all’utilizzo finale da parte dell’utente, questi corsi sono organizzati da enti esterni (regione, provincia…) oppure svolti internamente alla struttura. Il 25% dei noleggiatori non ha saputo dare indicazioni precise in merito alla formazione del proprio personale «e questo è un dato che a nostro avviso deve farci riflettere, perché le competenze tecniche degli addetti nei punti noleggio sono un aspetto delicato su cui il comparto dovrebbe intervenire» commenta Geraldine Coccagna, responsabile di Prowinter.

    Materia di studio è, quindi, tutta l’attrezzatura di cui il noleggio dispone: la totalità delle strutture intervistate dispone di sci da discesa, l’82% offre il noleggio anche di snowboard e il 77% consente l’affitto delle protezioni come il casco: «Il fatto che quasi un quarto dei noleggi non offra il servizio di noleggio del casco ci ha colpito molto, perché il tema della sicurezza in pista dovrebbe essere prioritario» sottolinea la exhibition manager di Fiera Bolzano.
     

    IL RENTAL IN ITALIA: UN PARCO SCI DA RINFRESCARE

    Inoltre, il 45% affitta sci freeride, il 26% sci di fondo e tra le discipline in forte crescita spicca il 21% di sci d’alpinismo. Solo il 14% delle strutture contattate dal team di Prowinter Lab ha un’attività continuativa durante tutto l’anno noleggiando mountain bike e biciclette nel periodo estivo: «E anche questo indice dovremo monitorare nel prossimo futuro per analizzare le aree in cui esiste un cross-over tra lo sci e il ciclismo» conclude Geraldine Coccagna.

    Incrociando i dati forniti dai titolari si stima che l’intero parco sci presente nei noleggi italiani sia di 376.000 paia, con una media di 442 paia di sci per ogni noleggio. Tuttavia, il dato più sensibile riguarda la turnazione e il rinnovo della dotazione nei noleggi: la ricerca condotta da Prowinter Lab ha individuato in 3,7 anni il ritmo di ricambio medio del 100% degli sci mentre, annualmente, si stima che ogni noleggio ricambi il 27% della propria attrezzatura con materiale nuovo.
     
    IL RENTAL IN ITALIA: CONCLUSIONI
    Il tema del noleggio sci, quindi, è risultato di fondamentale importanza per il futuro della disciplina, e la sua struttura è piuttosto articolata con numerosi player: noleggiatori e aziende produttrici in primis, ma anche operatori del settore turistico quali albergatori e impiantisti sono in egual modo coinvolti. «Una buona o cattiva esperienza di noleggio può incidere in maniera positiva o negativa sulla percezione dell’intero soggiorno in una precisa località con effetti economici variabili» conclude Tradati. E per questo motivo il lavoro di Prowinter Lab non si esaurisce qui e in occasione di Prowinter 2019 l’analisi continuerà estendendosi per proseguire sul percorso di incontro e confronto.

  2. Ieri si è conclusa Prowinter, la fiera B2B dedicata al business degli sport invernali. A Fiera Bolzano sono stati tre giorni di incontri e di manifestazioni ma soprattutto di festa, una festa con un'unica, grande, protagonista: la neve. L’abbondanza di precipitazioni ha permesso a tutti gli addetti ai lavori di vivere un inverno intenso e stimolante che ci ha lasciato con un sorriso. Quest’atmosfera positiva si è toccata con mano tra i 240 espositori e 6000 visitatori, anche grazie alla partecipazione di ospiti eccezionali come la medaglia d’argento norvegese Henrik Kristoffersen e tutti i campioni FISI.

    Prowinter è il tradizionale appuntamento di fine stagione per gli atleti, i noleggi, negozianti, maestri di sci e tutti gli operatori del settore neve.

    "In un'atmosfera positiva, grazie al buon andamento della stagione invernale, siamo stati in grado insieme ai nostri partner di dare nuovi impulsi al settore degli sport invernali grazie a  format nuovi come lo Ski Rental Summit o affermati come lo Startup Village, giunto alla terza edizione. Continueremo a concentrarci per promuovere il dialogo tra tutti gli operatori del mercato al fine di creare insieme nuove potenzialità di crescita", spiega Thomas Mur, direttore della Fiera di Bolzano.

    Dopo una lunga stagione nel segno dei giochi olimpici di Pyeongchang, la “famiglia” degli sport invernali si è ritrovata a Fiera Bolzano. Il Prowinter Forum ha ospitato i FISI Award con i migliori atleti italiani e la premiazione dell’Energiapura Children Series con i campioni del futuro. Anche i nuovi maestri di sci e snowboard hanno ricevuto il loro diploma dalle mani del Presidente della Provincia autonoma di Bolzano, Arno Kompatscher. Il convegno tra gli esercenti funiviari dell'Alto Adige e del Tirolo ha richiamato numerosi impiantisti a Prowinter.

    Insieme verso un noleggio responsabile
    Da sempre, Prowinter è l’unica manifestazione in Italia che accompagna ed analizza lo sviluppo del noleggio. Tra gli incontri che si sono tenuti a Fiera Bolzano un grande riscontro è stato registrato per il primo Ski Rental Summit by Prowinter Lab che ha analizzato in modo capillare la situazione del noleggio sul territorio italiano aprendo un interessante dibattito sul presente e sul futuro della realtà del rental. Prowinter Lab calcola attualmente 851 rental sul territorio nazionale, 196 (23%) dei quali in Alto Adige. Oltre ottanta ospiti, esponenti delle aziende produttrici di attrezzatura sportiva, noleggiatori, negozianti e addetti ai lavori, hanno partecipato alla “tavola rotonda” che ha affrontato i temi della sicurezza, della qualità e della formazione. Dal confronto è emersa la necessità di creare un sistema condiviso fra tutti i protagonisti coinvolti per garantire un’esperienza sicura e positiva all’utente finale.

    Nuove tecnologie che segneranno il futuro degli sport di montagna
    Per la terza volta, Prowinter ha dato spazio all’innovazione con un proprio Startup Village, promosso da Fiera Bolzano in collaborazione con l’Ecosystem Sports & Alpine Safety di IDM Alto Adige, Brennercom e Plank. Startup selezionate da tutta Europa hanno potuto illustrare le proprie idee innovative a una platea di esperti che ha valutato il valore dei singoli progetti. La vincitrice della prima giornata è stata Hallas. La startup islandese offre barelle appositamente progettate per l’uso in circostanze “scomode”, come sui pendii montani: sono leggere e possono essere piegate in modo che si adattino meglio agli impieghi in quota.

    Ad aggiudicarsi la seconda sessione di pitches è stata la tedesca Bluebird Mountain con l’innovativo PowderBuddy: un prodotto progettato pensando alla sicurezza in caso di valanghe per sciatori, snowboarder e chiunque si muova in aree a rischio di valanghe. PowderBuddy è un drone ripiegabile che si fissa su un tubo montato allo zaino. In una situazione pericolosa il drone viene sparato fuori dal suo tubo, si apre e tiene traccia del segnalatore di valanghe dell'utente sopra la massa di neve.
    Le due startup vincitrici ricevono in premio uno stand preallestito in occasione dell’edizione 2019 di Prowinter.

    La piattaforma di business in Italia
    Alessandro Marrese, Key Account Manager Eyewear da Bushnell sottolinea l’importanza della fiera specializzata: “Prowinter ci piace ed è importante esserci per un discorso di presenza e soprattutto di business. Di clienti ne sono passati tanti, a livello di ordini notiamo un aumento di quantità, sicuramente anche dovuto all’ottima stagione passata. In generale è un bella edizione, riparteciperemo assolutamente.”

    Remigio Fellet, Sales Representative per l’Italia da Reichmann, conferma: “Prowinter è molto importante per noi perché è la fiera di chiusura della stagione invernale e degli sport sulla neve. Qui a Fiera Bolzano vengono tutti gli interessati degli noleggi e degli laboratori, quindi la fiera è molto valida per noi. Anche l’organizzazione a Bolzano è sempre ottima, c’è un ottima collaborazione.

    La prossima edizione di Prowinter è in programma dal 9 all’11 aprile 2019 a Fiera Bolzano.

     

  3. L’unica manifestazione B2B in Italia che si dedica al noleggio per gli sport di montagna, è più di una semplice fiera: Prowinter si è affermata come una piattaforma, che dà spazio all’innovazione di prodotto e al futuro. Alla fine dell’inverno, oltre 240 espositori e marchi rappresentati, di cui il 40% dall’estero, incontrano gli operatori dei settori rental, sport e turismo in montagna. La 18esima edizione della fiera specializzata si svolge da martedì 10 a giovedì 12 aprile a Fiera Bolzano.

    Prowinter è snow: finale di stagione per la grande famiglia degli sport invernali
    Per la chiusura di una lunga stagione nel segno dei giochi olimpici di Pyeongchang, la “famiglia” degli sport invernali si ritrova a Bolzano. Il Prowinter Forum è il teatro di diverse premiazioni, fra cui anche i FISI Award con i migliori atleti “Azzurri“, in programma giovedì 12 aprile. Energiapura invece premia le star del futuro mercoledì 11. Da non dimenticare la consegna dei diplomi ai maestri di sci e di snowboard. Prowinter è la cornice ideale per i bilanci di fine stagione, lo scambio di opinioni e anche per un primo sguardo al futuro: il prossimo inverno arriverà prima di quanto si pensi.

    Prowinter è rental: il primo Ski Rental Summit

    Dopo che a lungo il noleggio di articoli sportivi ha giocato un ruolo secondario, oggi è diventato un trend globale. Noleggi ben forniti sono diventati con il tempo un elemento imprescindibile di ogni destinazione turistica che si rispetti, sia invernale che estiva. Questo è confermato dai numeri attuali sullo sci: se fino a cinque anni fa il mondo del noleggio si attestava sul 25% del totale degli sciatori, oggi questa realtà sfiora il 60% degli appassionati di sci in Italia, addirittura l’80% in Francia e nei paesi di lingua tedesca. Prowinter si presenta come una piattaforma per l’osservazione e l’analisi del settore, ma soprattutto come un punto d’incontro. Con Prowinter Lab, questa fiera specializzata raccoglie i dati principali dell’attività degli 851 noleggi sciistici aperti ad oggi in Italia.

    Grazie ai continui e rapidi cambiamenti nell’industria del tempo libero oggi in atto, proprio in questo settore si presentano sempre nuove sfide e potenzialità interessanti. È comunque necessario trovare una direzione di sviluppo comune, per fare in modo che la sua crescita sia nell’interesse di tutti. Il primo Ski Rental Summit by Prowinter Lab invita mercoledì, 11 aprile alle 14:00, tutti gli esponenti delle aziende fornitrici, le catene di noleggio, i rappresentanti del settore turistico, i negozianti, gli impiantisti e i tecnici ad uno scambio di opinioni sul tema “Verso il noleggio responsabile”. Relazioni sui grandi aree tematiche quali sicurezza, qualità e formazione daranno spunti di riflessione e importanti informazioni sul “dietro le quinte” del settore.

    Prowinter è mountain innovation: nuove idee per la montagna di domani
    Nel settore Alpitec di Prowinter si incontrano gli specialisti del settore e gli imprenditori legati alla montagna e alle tecnologie invernali. L‘undicesimo Convegno degli esercenti funiviari dell'Alto Adige e del Tirolo, organizzato dall’Associazione degli Esercenti Funiviari dell’Alto Adige, che si terrà mercoledì 11 aprile, metterà in luce fra le altre cose l‘importanza dei piccoli comprensori sciistici e delle sciovie di paese per il futuro degli sport invernali.

    Dal 2016 Prowinter si orienta all’innovazione con un proprio Startup Village, dove giovani imprese da tutta Europa hanno ogni anno la possibilità di presentare le loro idee innovative. Dopo la fiera, il 13 aprile in Val Senales, saranno testati 10 prodotti innovativi per gli sport di montagna, la protezione civile e il turismo alpino. All'Innovation Day on Snow 2018 organizzato dall’Ecosystem Sports & Alpine Safety di IDM in collaborazione con Funivie Ghiacciai Val Senales e Fiera Bolzano sono invitati il FISI National Team, opinion leader, tech companies ed esperti del settore.

  4. Un elenco di espositori che raggruppa il meglio della tecnologia dedicata agli sport di montagna in esposizione a Prowinter 2018, l’appuntamento di Fiera Bolzano dedicato al mondo del noleggio dell’articolo sportivo e in particolare dello sci. Dal 10 al 12 aprile Prowinter sarà l’occasione per gettare uno sguardo sulle nuove proposte che accenderanno la passione per la neve a partire dal prossimo autunno.

    L’apertura è imminente e Fiera Bolzano è pronta per accogliere Prowinter, la fiera “trade” dedicata al business degli sport di montagna in programma dal 10 al 12 aprile 2018: l’appuntamento ideale per tracciare un bilancio finale dell’inverno 2017/18 e per gettare uno sguardo sulle proposte che segneranno la prossima stagione invernale.
     
    Le nuove attrezzature che fanno venire (già) voglia di inverno
    La primavera porta con sé il desiderio di caldo e sole, basta però dare un’occhiata ai nuovi prodotti della stagione invernale 2018/19 per sognare di nuovo l’arrivo del freddo.
    A Prowinter saranno esposti i nuovi sci delle aziende di riferimento nel campo dell’attrezzo: da Dynastar il modello Speed Master Konect, Head presenta WCR iRace PRO, la francese Rossignol svela Hero Elite LT TI R22, da Stӧckli gli sci Laser WRT e Vӧlkl introduce Deacon 76. Anche sul fronte scarponi numerose novità come i Fischer Ranger free 130, il modello DS 130 di Dalbello, e da Lange la novità Superleggera. Per gli amanti dello scialpinismo Hagan presenterà i nuovi sci Ultra 82, e sempre in fermento il mondo degli attacchi con Kreuzspitze che esporrà il modello EL e ATK con il prodotto Crest. Chiude la proposta per nevi fresche le nuovi pelli Combin di Colltex; gli zaini Atlantis 22 di Marsupio e Alpride E1 firmato da Scott saranno compagni degli scialpinisti nelle loro escursioni così come i nuovi dispositivi di sicurezza Arva in caso di valanghe.

    Gli accessori che accompagnano la passione per la neve
    Non solo sci, scarponi e attacchi: Prowinter sarà l’occasione per trovare le nuove collezioni di accessori dedicate agli amanti degli sport di montagna. Maschere, guanti, caschi, zaini e dispositivi di sicurezza che vogliono assistere l’utente nella sua passione.
    Le maschere Kaba di Briko e Athletic FM di Uvex offrono alta qualità e alte prestazioni in pista dove la protezione è assicurata dai caschi A-Bow di Aleah, Cirque X di Pret, e Shedd di SH+.
    Inoltre, quando si trascorre una giornata sulla neve la comodità deve essere massima: i guanti Chauffant di Race, le calze riscaldanti Toe Cap di Lenz e i plantari per scarponi di Formthotics rispondo proprio a questa necessità di comfort. Infine, dall’italiana Maplus la linea Super Care per rendere impermeabili ciò che indossiamo.

    Il giusto abbigliamento per affrontare l’inverno
    La nuova giacca Kappa4Ski 611 firmata dalla torinese Kappa, racchiude tutta la qualità del marchio per gli amanti dello sci, turisti ma non solo. Tra il popolo degli appassionati ci sono anche i maestri di sci: gli istruttori dell’Alta Badia possono contare sull’azione calda e traspirante della giacca CMP. Quando cala il buio, e dalle piste si passa alle vie dei paesi in fondo valle, ecco la nuova linea di cappelli Riggler per proteggersi dal freddo.

    Una tecnologia per il turismo di montagna
    Denominatore comune a tutte queste proposte è sicuramente la neve. A Prowinter 2018 tanto spazio verrà dedicato anche alle infrastrutture che permettono la corretta tenuta dei manti nevosi in montagna garantendo una vacanza emozionante a tutti i turisti. Progettato proprio per offrire sempre ai clienti delle strutture alberghiere White Model 1, il cannone da neve a misura di Family Hotel e Parchi di Cortech.
     
    E quando la neve si scioglie…
    La montagna, si sa, è bella 365 giorni all’anno. Quando il sole scioglie la neve le proposte del territorio non si esauriscono: IMoving offre un servizio di noleggio di bici elettriche per tutta la famiglia per divertirsi senza dover per forza sudare. E-bike proposte anche da BBF che distribuisce biciclette in tutta Europa perché la passione per i pedali non conosce confini. E per chi vuole divertirsi in coppia ecco il nuovo tandem E Scorpion SL 27,5+ firmato da RMS: un concentrato di prestazioni e affidabilità su tutti i percorsi.

    La chiusura dell’inverno significa anche la fine della stagione dell’agonismo. Con FISI sarà dato ampio spazio alle imprese olimpiche dei propri atleti oltre alle fatiche di Coppa del Mondo, e allo stesso modo AMSI tirerà le somme della stagione dei maestri di sci. Infine, grazie a Forst, gli ospiti della fiera potranno gustare i menù della tradizione gastronomica altoatesina.

  5. Italia, Germania, Austria, Russia e Islanda: queste le nazioni di provenienza delle dieci startup che presenteranno i propri progetti a Prowinter Startup Village 2018. Durante i tre giorni che animeranno Fiera Bolzano dal 10 al 12 aprile, le giovani imprese avranno la possibilità di farsi conoscere e creare contatti per aprire alla montagna una finestra sul futuro prossimo.

    La montagna a 360°: la prossima edizione di Prowinter Startup Village accoglierà le nuove imprese per le quali il futuro della montagna è oggi. Il concorso indetto da Fiera Bolzano in collaborazione con l’Ecosystem Sports & Alpine Safety di IDM Alto Adige, Brennercom e Plank, ha raccolto numerose adesioni ma solo dieci startup saranno presenti a Prowinter 2018 componendo una cartina geografica decisamente eterogenea che vedrà i giovani imprenditori provenire da Italia, Germania, Austria, Russia e Islanda. Scopriamo quindi quali saranno i nuovi progetti, oltre ai già annunciati Wrapping Reality, Fatmap e eczo.bikes.

    La montagna smart

    La startup austriaca Enchant offre una moderna soluzione basata sul webshop attraverso un'app, Gamification, con scanner integrato di codici QR che facilita l'acquisto di prodotti. La piattaforma web può trasformare un'area di sport invernali in un parco giochi virtuale per i visitatori e, allo stesso tempo, aumentare la consapevolezza di una rete commerciale regionale più forte.
    Wearit è una società IoT (Internet of Things) italiana che crea prodotti e servizi intelligenti per l'industria dello sport. La società italiana ha sviluppato una tecnologia di skiboot intelligente, in grado di analizzare la qualità dello sci e di utilizzare i dati per migliorare i prodotti e servizi di montagna esistenti in modo da offrire all’utente un’esperienza completa, sicura e divertente.

    La neve in sicurezza
    Quando un incidente si verifica in circostanze “scomode”, come sui pendii montani, non è facile avvicinarsi alla zona: notando che le barelle sul mercato sono piuttosto pesanti e scomode da trasportare, Hallas (Islanda) ha progettato barelle leggere che possono essere piegate e si adattano meglio ad impieghi in quota. Le barelle pesano poco meno di 5 chili e occupano poco spazio in capanne, veicoli di emergenza, elicotteri o motoslitte.
    ProteGear (Germania) fornisce soluzioni di sicurezza e comunicazione globali tramite satellite con switch Deadman: questa particolare tecnologia permette di contattare i soccorsi anche in caso di perdita dei sensi. Con SmartSafety di ProteGear, invece, è possibile chiamare i soccorsi anche nelle situazioni più estreme: in acqua, a terra o in aria. Infine, A*Live è la soluzione per la sicurezza in montagna.
    PowderBuddy, ideato in Germania da Bluebird Mountain, è un nuovo prodotto per la sicurezza in caso di valanghe. PowderBuddy è un drone ripiegabile che si fissa su un tubo montato allo zaino. In una situazione pericolosa il drone viene sparato fuori dal suo tubo, si apre e tiene traccia del segnalatore di valanghe dell'utente sopra la massa di neve.

    L’attrezzatura innovativa
    Fimboo (Austria) ha progettato bastoni da sci e da escursionismo realizzati in bambù e plastica riciclata che hanno un basso impatto ambientale e soddisfano gli elevati standard di sicurezza e qualità di un'attrezzatura sportiva. Attraverso questa filosofia, l'azienda sta bilanciando lo sviluppo sociale, ecologico ed economico del prodotto: la produzione, infatti, si svolge in Uganda e in Austria cercando di avere il minimo impatto sociale e ambientale.
    GigaGlide (Austria) presenta Permanent Glide, una speciale sciolina che rende gli sci e gli snowboard a noleggio performanti per tutta la durata dell’affitto. Una soluzione istantanea è invece fornita da Instant Glide: uno spray facile da applicare al fondo degli sci o della tavola che darà una sensazione di cera fresca per almeno 7 giorni. Entrambi sono soluzioni ecologiche che durante l’azione non rilasciano sostante dannose per l’ambiente.

    Dallo Startup Village alle piste in alta quota
    Un assaggio di alcune nuove tecnologie, che in futuro caratterizzeranno gli sport di montagna, sarà possibile fin dal giorno successivo alla chiusura di Prowinter.
    Il 13 aprile, in Val Senales, saranno testati 10 prodotti innovativi per gli sport di montagna, la protezione civile e il turismo alpino. All'Innovation Day on Snow 2018 organizzato dall’Ecosystem Sports & Alpine Safety di IDM in collaborazione con Funivie Ghiacciai Val Senales e Fiera Bolzano sono invitati il FISI National Team, opinion leader, tech companies ed esperti del settore.