Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate. Inoltre utilizza cookie tecnici per migliorare la navigazione. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Prowinter - MontagnaOnline.com

Prowinter

PROWINTER - RSS Comunicati
  1. I numeri parlano di un trend in costante ascesa: il noleggio di sci ha radicalmente modificato il sistema-montagna e la pratica delle discipline invernali, e con il progetto di Prowinter Lab la fiera di Bolzano vuole confermare la propria vocazione come piattaforma e punto di incontro tra la domanda di una montagna “moderna” e l’offerta di player nuovi e tradizionali che operano sul territorio.

    La realtà del noleggio, dopo un silenzioso, e lungo, periodo di gestazione, è esplosa ridisegnando l’organizzazione e gli equilibri del mondo della montagna invernale. Un cambiamento epocale, una crescita inesorabile per un trend che ha dimensioni globali e i dati parlano chiaro: fino a cinque anni fa il mondo del noleggio si attestava sul 25% del totale degli sciatori, oggi questa realtà sfiora il 60% degli appassionati di sci in Italia, addirittura l’80% in Francia e nei paesi di lingua tedesca.

    «La realtà territoriale italiana presenta 863 strutture adibite al noleggio, di cui una metà basa la propria attività esclusivamente sull’affitto delle attrezzature mentre l’altra metà, oltre al noleggio, opera anche nella vendita diretta. Il numero però è in netta crescita e non si torna indietro». È Alfredo Tradati, giornalista e coordinatore di Prowinter Lab, a fornire questa panoramica nazionale sul movimento del noleggio.
    «Questo prospetto – continua Alfredo –  è stato possibile grazie al lavoro operato da Prowinter Lab, l’osservatorio per il noleggio inaugurato lo scorso anno in occasione della storica fiera di Bolzano».

    Prowinter, la manifestazione B2B dedicata al business degli sport di montagna in programma a Fiera Bolzano dal 10 al 12 aprile 2018, è da sempre molto sensibile all’evoluzione del noleggio, trasformazione che ha portato a uno stato attuale che è necessario monitorare.
    «Oggi chiunque può fare il noleggiatore e non esiste nessuna norma che regoli questa attività o che differenzi la proposta agli occhi dell’utente – sottolinea Geraldine Coccagna, Exhibition Manager di Prowinter - il momento per affrontare il tema è giusto e Prowinter Lab vuole sanare questo vuoto proponendo una tavola rotonda che metta di fronte tutti i protagonisti coinvolti nella situazione, produttori, grandi catene di noleggio, singoli noleggiatori, stazioni sciistiche e negozianti, per giungere insieme a soluzioni pratiche in un’ottica di sviluppo futuro».
    Il dibattito che vuole impostare Prowinter Lab si baserà su tre macro-argomenti che si legano gli uni agli altri: Sicurezza, Professionalità/Formazione e Qualità.

    La Sicurezza e Professionalità

    Il percorso impostato da Prowinter Lab sarà lungo, ma il seme è stato gettato: «specialmente per quel che riguarda l’aspetto della Sicurezza il lavoro sarà un’azione di insieme. – continua Alfredo Tradati -  Il tema è di assoluta delicatezza e non può prescindere da una collaborazione che coinvolga anche le istituzioni regionali».
    Di diversa natura invece è l’aspetto della Professionalità e della Formazione, questione per la quale Prowinter Lab vuole muoversi con immediatezza. È ancora Geraldine Coccagna a spiegarne la centralità: «A Prowinter stiamo lavorando per organizzare dei mini-corsi base per i dipendenti noleggiatori. Regolare un attacco, curare le lamine, conoscere le caratteristiche di uno scarpone… sono conoscenze minime che ogni noleggiatore dovrebbe possedere».  

    Qualità e turnazione dell’attrezzatura

    Il noleggio è comodità e razionalità: giungere alla propria località sciistica e trovare lo sci giusto, alle giuste condizioni e che permetta di divertirsi in sicurezza sono solo alcuni dei motivi per cui il settore è in pieno sviluppo. In quest’ottica grande rilevanza assume il ricambio costante dell’equipaggiamento offerto dai noleggiatori per avere sempre prodotti di alta qualità e Prowinter Lab si pone come interlocutore privilegiato fra gli interessi delle case produttrici e le necessità di chi affitta. Alta qualità è sinonimo di sicurezza e professionalità.
    In un momento di grande cambiamento per il mondo della montagna come quello attuale, Geraldine Coccagna evidenzia ancora una volta il ruolo di Prowinter, piattaforma di studio, analisi e, soprattutto, incontro per condividere un nuovo futuro: «In Austria, Germania e Svizzera il tema è già stato affrontato e sono stati imposti degli standard minimi da rispettare».

  2. Si terrà dal 10 al 12 aprile Prowinter, la fiera di Bolzano dedicata agli operatori del settore neve come noleggiatori e gestori di impianti. Un appuntamento sempre più importante per tracciare il bilancio della stagione invernale che si appresta a partire con il gigante di Sölden e vedrà un forte impulso, anche grazie alle Olimpiadi in Corea. Prosegue da parte di Prowinter la volontà di allargare il proprio raggio d’azione anche alle tematiche della montagna estiva.

    Proprio così: la stagione invernale è al cancelletto di partenza, e il countdown verso il primo appuntamento del calendario, il gigante di Sölden del 28 e 29 ottobre, è ormai avviato da tempo. Con la gara sulle nevi austriache si entra in pieno clima invernale e il mercato dello sci, dall’attrezzatura alle località sciistiche, è pronto per rispondere alle esigenze degli sciatori, in tutti i loro aspetti. E se la gara di Sölden apre idealmente la stagione dello sci, l’appuntamento che conclude il ciclo invernale è Prowinter, la fiera “trade” dedicata al business degli sport di montagna in programma a Fiera Bolzano dal 10 al 12 aprile 2018.

    Prowinter è qualcosa di più di un semplice evento espositivo, perché gli organizzatori l’hanno configurata come piattaforma focalizzata nelle tematiche del noleggio per gli sport alpini e rivolta anche ai gestori di impianti che vogliono conoscere lo stato dell’arte delle infrastrutture per la montagna.

    Uno sguardo al presente e al futuro
    Ma non solo, perché Prowinter viene sempre più considerata come luogo di incontro anche per associazioni e sci club, oltre ai negozi specializzati: un palcoscenico di attori che vogliono incontrare l’offerta del mercato a loro dedicata. E nel proprio spirito innovativo, Fiera Bolzano dal 2016 ha introdotto lo Startup Village, un’area dedicata alla presentazione di giovani operatori pronti a lanciare nuove idee per il futuro delle discipline della montagna.

    Infine Prowinter sarà anche l’occasione per tracciare un bilancio della stagione invernale sotto il profilo agonistico, accogliendo numerose premiazioni di atleti elite (la fiera si terrà due mesi dopo i Giochi Olimpici di PyeongChang in Corea) così come giovani promesse e, naturalmente, i nuovi maestri di sci.

    «Siamo fortemente motivati nel voler creare un evento in grado di rispondere a specifiche esigenze del mercato del rental invernale e di tutto ciò che ruota intorno alla pratica degli sport invernali – ha commentato Geraldine Coccagna, Exhibition Manager di Prowinter – stando molto attenti ai segnali che il comparto presenta anche oltre la stagione della neve».

    Infatti, da un paio di edizioni, Prowinter ha accolto anche operatori del settore ciclismo, poiché sta crescendo la sovrapposizione di noleggiatori di sci che nel periodo estivo si “convertono” al mondo delle due ruote: «Indubbiamente l’evoluzione delle e-bike ha dato un forte impulso al mercato del rental e, noi siamo sicuramente degli interlocutori in grado di cogliere le opportunità che il comparto montagna è in grado di sviluppare» conclude Geraldine Coccagna.

    Continua Prowinter LAB
    Diversificazione e innovazione sono i temi chiave per soddisfare le aspettative dei clienti: i cambiamenti climatici, per esempio, impongono alle destinazioni turistiche di adeguarsi e sviluppare nuove attività da offrire alla clientela tutto l’anno, anche in assenza di neve. Con questo scenario in continuo cambiamento, le decisioni devono essere prese in tempi rapidi e con la maggiore conoscenza possibile di informazioni, ed è per questo che Fiera Bolzano riconferma la propria volontà di far crescere Prowinter LAB, l’Osservatorio sul Noleggio che vuole analizzare il pianeta del noleggio sportivo e consentire agli operatori di prendere decisioni in base a dati oggettivi di mercato.

    Infine, nell’edizione 2018 torna Alpitec nel programma di Prowinter, il settore B2B per le tecnologie di montagna: una parte espositiva verrà dedicata ai temi delle infrastrutture alpine come gli impianti a fune e quelli per l’innevamento, ma anche agli strumenti per la realizzazione e manutenzione di piste e snowpark, fino alla accessoristica di base.

  3. Con 230 espositori, l’unica fiera europea interamente dedicata al noleggio per gli sport di montagna ha registrato in tre giorni 5.200 visitatori dall’Italia e dall’estero. Il Future Café con le 11 startup internazionali e il palco eventi è stato una fucina di nuovi impulsi e idee per il mondo dell’innovazione negli sport di montagna. In questa cornice è stato presente anche il Ministro allo Sport Luca Lotti.

    “È da eventi come Prowinter che possiamo rilanciare la montagna, sia d’estate sia d’inverno e le attività sportive collegate ad essa – afferma Luca Lotti, Ministro allo Sport – come Governo stiamo provando a spiegare e a raccontare che proprio tramite gli eventi che organizziamo sul territorio è un’occasione per far rivivere l’economia della montagna. Noi ci siamo e vogliamo provare a dare una mano insieme a questo fantastico mondo, allo sci d’inverno e alla montagna d’estate”.

    Premiazioni ed eventi: il cuore del Future Café

    Il Ministro è intervenuto giovedì in occasione della premiazione della Federazione Italiana per gli Sport Invernali, che ha visto sul palco i migliori atleti e le migliori atlete della stagione. “Prowinter è la piattaforma B2B più importante per gli sport invernali in Italia, ma sempre più diventa un punto d’incontro per parlare di innovazione per quello che riguarda sport e montagna, indipendentemente dalla stagione”, afferma Thomas Mur, Direttore di Fiera Bolzano. Le premiazioni e gli eventi hanno vivacizzato il Future Café e lo hanno reso il punto d’incontro per tutti i professioni degli sport in montagna. Sul Prowinter Forum si sono svolte, inoltre, le premiazioni degli “Snow Industry Awards“ di Sport Press, “Maestri di Sci, Snowboard e Fondo”, “Energiapura Children Series” e i “Pitches delle Startup” con la proclamazione delle due idee più innovative, entrambe di due startup austriache.

    Startup: the winner of the day

    Per il settore della bicicletta si è aggiudicato lo Startup Award add-e, il kit più piccolo e leggero add-on per le biciclette, tramite il quale è possibile convertire la propria bicicletta in una bicicletta elettrica in pochissimo tempo. Per il settore sci, invece, si è aggiudicata il premio SK-X Sportvision con RX-occhiali brevettati e rivoluzionari con lenti ottiche integrate tra le doppie lenti protettive della maschera.

    In visita alle aziende austriache a Prowinter anche Gudrun Hager, la Console Commerciale d’Austria: “L’Alto Adige è per noi una piattaforma economica molto vicina e in Austria lo sci è lo sport nazionale principale. Tra le regioni alpine ci sono molte similitudini, noi proviamo a far incontrare le aziende austriche con quelle italiane e Bolzano è il ponte ideale per motivi linguistici e culturali”, afferma la Console Hager.

    Prowinter Bike, la montagna anche senza neve

    L’area bike è stata realizzata all’interno del padiglione C di Prowinter, mostrando anche in fase espositiva il connubio tra sport e turismo in montagna, oltre il concetto di stagionalità invernale ed estiva. Il trend più evidente durante la tre giorni fieristica riguarda la segmentazione di mercato, con diversi marchi storicamente appartenenti a mondi diversi dal ciclismo, come nel caso di KTM, Fantic e Rossignol, che hanno scelto di differenziare le vendite aprendo le porte alla bicicletta.

    Il pensiero delle aziende

    Il Direttore generale del Gruppo Rossignol, Alessio Meda, presente quest’anno anche con il reparto biciclette, afferma: “Prowinter è un punto d’incontro con i nostri client ed è fondamentale riuscire ad offrire un servizio per tutto l’arco dell’anno. Siamo sempre molto concentrati sul mondo neve, invece la montagna va vissuta anche d’estate. Prowinter raggruppa le aziende e facilita gli incontri, il pubblico si sta appassionando all’estivo e anche i negozianti stanno capendo che servono dei servizi anche durante l’estate”.

    Anche Anton Unterweger, Responsabile commerciale di Montana technology for wintersports per l’Austria e l’Alto Adige afferma: „Prowinter è un‘opportunità eccezionale per curare i contatti con i nostri clienti in Alto Adige. In particolare questo rappresenta il momento ideale per incontrarsi a fine stagione, in cui i clienti hanno tempo di pensare anche ai temi per la prossima stagione”, a completare il suo pensiero Martha Anita Poletti, CEO, Montana Sport International afferma: “Siamo molto contenti di questa edizione di Prowinter durante la quale abbiamo stretto molti rapporti con clienti italiani, che ancora erano in tempo per fare il budget per la prossima stagione”.

    Fabrizio Zotta di CMP è presente a Prowinter da tre anni: “Prowinter perché è l’unica vetrina nazionale che permette di presentare a un pubblico mirato le nostre proposte dedicate agli sci club e maestri. I contatti che riceviamo direttamente e gli appuntamenti che riusciamo a fissare preventivamente ci soddisfanno e per questo siamo molto contenti di partecipare.”

    È nato Prowinter LAB, l’osservatorio sul mondo del noleggio

    Durante Prowinter 2017 si è svolta la prima sessione dell’Osservatorio sul Noleggio di Prowinter LAB con una ristretta ma selezionata platea di operatori, in rappresentanza di oltre 120 noleggi sul territorio italiano, che ha animato l’incontro voluto da Fiera Bolzano e supportato da Assoport, per dare inizio alla fase operativa dell’Osservatorio sul mondo del noleggio sportivo.

    Klimamobility e la visione su un sistema integrato di mobilità

    Nella giornata di giovedì si è svolta anche Klimamobility, un congresso dedicato al futuro della mobilità che ha visto un parterre di ospiti internazionali e al quale hanno preso parte 120 operatori della mobilità dell’Alto Adige. In particolare è stato molto interessante l’intervento di Sampo Hietanen, CEO della startup Maas Global, che ha mostrato la possibilità di una vita livera dalla mobilità, in un era in cui l’auto di proprietà non esiste più.

  4. La prima sessione dell’Osservatorio sul Noleggio di Prowinter LAB si è svolta in Fiera giovedì 20 aprile


    Una ristretta ma selezionata platea di operatori, in rappresentanza di oltre 120 noleggi sul territorio italiano, ha animato l’incontro voluto da Fiera Bolzano e supportato da Assoport, per dare inizio alla fase operativa dell’Osservatorio sul mondo del noleggio sportivo.

    Singoli imprenditori e catene specializzate (Rentandgo e Skiset in particolare) hanno raccolto l’invito alla partecipazione per dare avvio a una discussione approfondita e costruttiva sugli assi portanti che stanno a cuore alla categoria: qualità del servizio, sicurezza, rapporti con le aziende di produzione.

    Dopo l’introduzione a cura del coordinatore del progetto e il messaggio di saluto e sostegno da parte del Direttore di Fiera Bolzano, Thomas Mur, la parola è passata agli intervenuti, che hanno dato avvio ad uno stimolante dibattito sui temi “caldi” sul tappeto.

    Si è parlato delle difficoltà di gestione del parco sci dei noleggi, dei costi ad esso correlati, delle tempistiche di ricambio (ancora troppo lente), della quasi totale impossibilità di riciclare a fine vita sci e scarponi, in assenza di norme chiare e condivise.

    Sono emerse proposte interessati rivolte alle aziende del settore, come ad esempio la possibilità per l’operatore di “noleggiare” a sua volta i prodotti dal costruttore, garantendo così un controllo e uno stimolo alla sostituzione prima che sci e scarponi subiscano un deterioramento dannoso per l’utente.

    Ma il focus principale sul quale tutti i presenti si sono concentrati, ha riguardato gli ambiti di sicurezza e responsabilità dei noleggi, con particolare riferimento alla regolazione e controllo degli attacchi e alla manutenzione puntuale degli sci. La platea ha convenuto sul fatto che ancora troppa improvvisazione in materia si riscontra sul mercato, con conseguente danno di immagine per chi, all’interno della categoria, persegue la qualità come traguardo prioritario.

    Alcuni interventi interessanti hanno messo in evidenza la necessità di migliorare e incentivare (in alcuni casi, semplicemente attivare) la formazione del personale preposto alla distribuzione del materiale noleggiato al cliente. Anche in questo caso sono ancora troppe le realtà che sottovalutano il tema, fornendo pertanto un servizio non adeguato alle aspettative del cliente, oggi sempre più attento e informato.

    Il miglioramento della qualità del servizio offerto è il denominatore comune indicato da tutti gli intervenuti e a questo proposito l’Osservatorio di Prowinter LAB ha annunciato l’intenzione di attivarsi per la costituzione di un marchio di qualità per il noleggio. Una qualifica ottenibile con il rispetto rigoroso di precisi standard, comunicata in modo incisivo al cliente, affinché quest’ultimo possa scegliere con sicurezza il punto noleggio certificato a cui affidarsi con tranquillità.

    L’incontro si è chiuso con la presentazione dei primi dati raccolti dall’Osservatorio riguardanti il censimento sistematico dei noleggi italiani (attività tutt’ora in sviluppo), così sintetizzati:

    • Noleggi censiti al momento: 860
    - Solo noleggio: 58%
    - Noleggio + negozio: 36%
    - Altro (alberghi, ristoranti, impianti): 6%
    - Dotati di indirizzo e-mail: 76%
    - Dotati di sito proprio: 63%

    • Regioni italiane con noleggi: 19
    - Distribuzione percentuale geografica:
    - Alto Adige 23%
    - Trentino 18%
    - Piemonte 14%
    - Lombardia 13%
    - Veneto 8%
    - Valle d’Aosta 8%
    - Abruzzo 3%
    - Emilia Romagna 3%
    - Toscana 3%
    - Altre (Lazio, Friuli, Calabria, Marche, Sicilia, Molise, Campania, Sardegna, Liguria, Basilicata) 6%

    L’attività dell’Osservatorio di Prowinter LAB proseguirà nelle prossime settimane con la comunicazione delle modalità di adesione a tutte le realtà interessate, nonché del programma di incontri futuri atti a indicare i passi concreti da effettuare per dare avvio ai progetti in cantiere, primo tra tutti, la realizzazione di un “marchio di qualità nazionale” del noleggio.

     

  5. Prowinter 2017 si presenta quest’anno con 230 aziende, di cui 11 startup innovative nel campo degli sport invernali e della bicicletta. Per queste giovani imprese nel campo dell’innovazione per la montagna è stata pensata un’area dedicata che rappresenta il cuore di questa manifestazione, si chiama Future Café.
    Il Future Café con il Prowinter Forum è il punto d’incontro per tutti i professioni degli sport in montagna e per chi desidera provare la realtà virtuale. Grazie alla startup Realer, i visitatori hanno la possibilità di camminare su una slackline tra due punte di un iceberg in Groenlandia. C'è chi lo ha fatto live, si chiama #icebergchallange. Un’esperienza eccezionale e per chi cade nel freddo mare del nord ci saranno le balene ad accoglierlo.